VIVIENNE WESTWOOD E L’OPPRESSIONE DELLA SESSUALITÀ FEMMINILE: LA COLLEZIONE CAFÈ SOCIETY 1994, VA CONTRO OGNI CONVENZIONE

a cura di elena sbrescia

Come ben sappiamo nell’antica società la donna era molto limitata, spesso chiusa in casa e adibita ai lavori domestici, era praticamente la parte passiva della coppia. Fortunatamente negli anni la posizione della donna è cambiata, e ciò è stato possibile anche grazie all’evoluzione della moda. Un esempio è la stilista Vivienne Westwood, una delle figure iconiche nell’industria fashion che è riuscita a mettere in discussione lo status quo. È una donna dallo spirito rivoluzionario e molto critico verso il mondo e la società, soprattutto dell’alta borghesia. Puntava ad essere riconosciuta come una donna forte, intellettuale e indipendente. Ovviamente il suo approccio “strong” si è espresso nelle sue famosissime collezioni di moda, dove andava contro tutti i tabù sociali, e dove elogiava la donna nella sua totalità andando contro gli stereotipi sulla sessualità femminile. Infatti, spesso le sue collezioni venivano considerate scandalose: tra tutte, quella definita più eccentrica per quel determinato periodo storico, è sicuramente Café Society collezione primavera/estate 1994. Vivienne però, qualche anno prima di questa sfilata, aveva già manifestato la sua volontà di eliminare questi stereotipi, presentandosi dalla regina Elisabetta a Buckingham Palace, per ricevere l’OBE, senza biancheria intima. La collezione Cafè Society si tenne all’Hotel InterContinental a Parigi, già un punto a favore verso la sessualità femminile grazie alla decostruzione dei dettagli storici erotici del palazzo, rappresentava tantissimi riferimenti a vestiari di epoche diverse, ai quali la stilista diede libera reinterpretazione. Come potremmo dimenticare Kate Moss in passerella: completamente incipriata con un topless da urlo, mentre mangia un gelato. Le silhouette tutte caratterizzate da couture elisabettiana con particolari vittoriani, e giacche ricoperte di tulle colorato, ma anche erotiche e eleganti scollature. Un’altra rappresentazione audace furono le scarpe di Cracovia, risalenti al 1400, reinterpretate con vibratori per simboleggiare l’importanza del piacere femminile e la possibilità di poterne parlare liberamente. Un’importantissima scelta che avrebbe potuto rovinare la carriera della stilista, ma che invece ha ribaltato completamente le convenzioni dell’epoca.

Iscriviti alla newsletter

per restare aggiornato su tutte le ultime novità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *