DOLCE & GABBANA PRESENTA LA NUOVA COLLEZIONE HAUTE COUTURE CHE CELEBRA LO STILE SICILIANO

DI ELENA SBRESCIA

La bella Taormina 10 anni fa si illuminava grazie alla prima sfilata Haute Couture di Dolce & Gabbana, e adesso torna nuovamente sotto ai riflettori. Dolce & Gabbana sceglie ancora una volta la Sicilia – Siracusa e la Val di Noto – come sfondo per il suo ultimo show, che ha l’intenzione di celebrare lo stile siciliano. Nella storica piazza non è andata in scena una semplice sfilata, ma un desiderio che si è avverato. La rappresentazione di uno stile di vita che va aldilà dei semplici vestiti e che come un quadro, a cui lentamente si aggiungono pennellate di colore, si compone nella sua immagine finale. Uno show preceduto dalla drammatica scena della processione della domenica di Pasqua tratta da Cavalleria Rusticana.

IL SACRO E IL PROFANO
La sfilata ha avuto inizio con le modelle vestite di bianco, omaggio ad Ortigia e alla sua pietra, successivamente di nero – colore protagonista della storia del brand, simbolo di tradizione, lutto, seduzione ed eleganza. In passerella le radici Dolce&Gabbana esasperate attraverso l’Alta Moda. Abiti scultura, uncinetto, intarsi, pizzi tutti fatti da giovani ricamatori in Italia, la maggior parte nel laboratorio di Milano.

IL VELO
Questo accessorio, che appartiene alla tradizione siciliana, rappresenta un grande valore simbolico e cela numerosi significati. In precedenza, il velo nero era indossato dalle vedove, mentre il bianco rappresentava la purezza della donna ed era legato al matrimonio. Per le spose, la lunghezza del velo variava in base agli anni di frequentazione con il futuro marito prima di pronunciare i voti del matrimonio. Nella nuova collezione Alta Moda Dolce & Gabbana, il velo acquisisce un’immagine di grande importanza, puntando sul vedo non vedo, diventando sexy e arricchendosi persino di pizzo.

LA COLLANA CON LA CROCE ED IL ROSARIO
Questo simbolo è diventato un elemento décor pop quando Madonna, agli MTV Music Video Awards del 1984, per la performance della celebre canzone Like a Virgin, ha indossato un abito da sposa di tulle, interamente coperto da catene e rosari. Le donne di Dolce & Gabbana li portano tra le mani, come a recitare una preghiera. Sullo sfondo capi seducenti, e anche l’effige della Madonna, altro tema ricorrente dello show.

LA LINGERIE
La sottoveste fa parte dell’abbigliamento tradizionale tipico siciliano. Dolce & Gabbana le rende totalmente giustizia, impreziosendola con pizzi e applicazioni importanti e vistose. Diventa un vero e proprio capo super sexy. A sfoggiarla, alla sfilata, è Deva Cassel, la figlia di Monica Bellucci.

IL TUBINO NERO
La prima immagine che ci torna alla mente è quella di Monica Bellucci nel film di Giuseppe Tornatore, Malena (2000). Ma ci troviamo anche di fronte al capo simbolo della moda Dolce & Gabbana: l’abito nero che diventa seduzione. Ecco perché sulla passerella di Alta Moda Dolce & Gabbana diventa centrale e ancora più sexy, tra bustier ed elementi see-through.

LO STILE BAROCCO
La sfilata ha celebrato anche l’arte e l’architettura del luogo. In passerella diversi elementi del barocco siciliano traslati sul tessuto. Come le riproduzioni dei putti che spiccavano sulle spalle di un mini coat, o i motivi rococò gold e rose 3D che ricoprivano diversi look, diventando persino dei copricapi.

Iscriviti alla newsletter

per restare aggiornato su tutte le ultime novità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *