2020: che concerti in Italia

Un 2020, che è appena cominciato, e già si annuncia denso di appuntamenti, molti dei quali, come da consuetudine concentrati nella stagione estiva. Protagonisti soprattutto gli artisti italiani, primo fra tutti Vasco Rossi, che non manca mai all’appuntamento estivo.

Stavolta niente stadi per il rocker, che ha preferito i palchi dei festival più importanti: Firenze Rocks (10 giugno), gli I-Days di Milano (15 giugno), il Circo Massimo (19 e 20 giugno) e l’Autodromo di Imola (26 giugno).

Claudio Baglioni ha scelto invece le Terme di Caracalla: una residency di 12 serate (dal 6 al 18 giugno), con la rivisitazione in chiave classica dei suoi successi, accompagnato da coro e orchestra. L’antico sito romano è stato scelto anche da Andrea Bocelli, che il 21 giugno saluterà l’arrivo dell’estate con «Andrea Bocelli – Rome 2020».

Bisognerà attendere settembre per il ritorno live di Zucchero, con dodici date (le uniche in Italia) all’Arena di Verona, a partire dal 22. Così come per la data evento allo Stadio Olimpico di Roma della reunion tra Antonello Venditti e Francesco De Gregori.

Ligabue festeggia 30 anni di carriera e non poteva che farlo al Campovolo di Reggia Emilia, che lo ha già visto protagonista più volte: il 12 settembre salirà sul palco per «30 anni in un giorno».

Negli stadi italiani sarà un monta e smonta di palchi, casse e luci.

Si daranno il cambio Tiziano Ferro, che porta dal vivo il suo nuovo album Accetto Miracoli e ha già in programma tre date a Milano e un bis a Roma, Cesare Cremonini che festeggia i 20 anni di carriera (e chiuderà il tour all’Autodromo di Imola il 18 luglio), Max Pezzali che si regala due date a San Siro (10 e 11 luglio), per quello che si annuncia come un karaoke a 40 mila voci.

Ci sarà anche il debutto di Ultimo, che dopo i palazzetti, si prepara – artista italiano più giovane di sempre a compiere l’impresa – a conquistare gli spazi più grandi e nella sua Roma chiuderà con l’abbraccio del Circo Massimo (19 luglio).

Non sono da meno gli stranieri. Firenze Rocks ha messo sul piatto, oltre alla presenza di Vasco, un cast incredibile: l’11 giugno arriveranno i Green Day, il 12 i Guns n’ Roses, il 13 i Red Hot Chili Peppers.

Mentre gli I-Days di Milano rispondono con Aerosmith il 13 giugno, Foo Fighters il 14, Billie Eilish il 17 luglio.

Data unica a Imola per i Pearl Jam il 5 luglio e per Thom Yorke il 9 luglio all’Ippodromo di Milano.

Dopo una carriera leggendaria durata 45 anni, i Kiss hanno annunciato il loro ultimo tour: tappa il 13 luglio all’Arena di Verona. Ma già tra le fine dell’inverno e l’inizio dalla primavera la musica solleticherà il palato dei più esigenti. Gli Slipknot fanno tappa l’11 febbraio al Mediolanum Forum di Milano; Liam Gallagher il 15 febbraio al Palazzo dello Sport di Roma e il 16 al Forum di Assago; il 14 marzo all’Unipol Arena di Bologna è atteso Carlos Santana, con l’unica tappa italiana del “Miraculous 2020 World tour”, che celebra il 20esimo anniversario di Supernatural e i 50 anni da Abraxas.

A giugno, Eric Clapton sbarca con la sua chitarra e il suo blues sbarca nei palazzetti di Milano (il 6) e Bologna (l’8).

Fonte: Gazzetta del Sud

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *