A MILANO CLOWN DOTTORI PORTANO L’ARTE IN CORSIA GRAZIE AL CONTRIBUTO DELL’ACCADEMIA DI BRERA

La gioia di un sorriso è universale. Un’allegra risata o una bolla di sapone sono piccoli grandi gesti che  hanno il potere di far dimenticare per un attimo il dolore della flebo.  A Milano, l’Associazione Veronica Sacchi e l’Azienda Socio Sanitaria Territoriale Santi Paolo e Carlo presentano al pubblico il murales realizzato nell’atrio del reparto di Pediatria, diretto dal dott. Giuseppe Banderali,  su disegni di Guido Scarabottolo grazie alla collaborazione con l’Accademia delle Belle Arti di Brera e il contributo di Fondazione Cariplo. Una stretta collaborazione tra l’Ospedale San Paolo e i Volontari col Naso Rosso per creare momenti di leggerezza e sospensione dal dolore per i piccoli pazienti.  Con questo intento le due realtà continuano a pensare a nuovi progetti perché tutto sia diverso: anche l’aspetto. Diciamocelo: l’occhio vuole la sua parte! Per questo i clown dottori hanno voluto regalare al reparto di pediatria un murales che fosse un’opera d’arte. Per questo hanno chiesto aiuto all’artista Guido Scarabottolo e l’intervento all’accademia delle Belle Arti di Brera. “Il risultato è incredibile, molto superiore a quanto potessimo immaginare” le parole del responsabile dei volontari dell’associazione, Roberto Pansardi “ L’impatto del murales è stupefacente per me che da tanti anni entro in quel reparto: l’accoglienza è più luminosa e a misura di bambino. I disegni sono belli ed elementari perché i piccoli li apprezzino, ma assolutamente non banali. Il potere dell’arte è forte quanto quella del sorriso”. L’opera è stata realizzata all’interno del progetto Clown Hospital-ity – l’umanizzazione della cura attraverso un sorriso, finanziato da Fondazione Cariplo. Durante l’occasione i volontari regaleranno all’ospedale anche molti libri per bambini grazie al contributo del medesimo progetto. Non contenti, i volontari distribuiranno ai piccoli degenti, ai loro genitori e all’impagabile personale sanitario le “lettere del sorriso” inviate da tutt’Italia e non solo dopo la proposta lanciata su facebook dalla calligrafa Rossella Manganelli. “Decorare  l’atrio d’ingresso del reparto di Pediatria non è solo abbellire con delle immagini un ambiente. Significa portare un messaggio di accoglienza, di supporto a medici, infermieri e tutto il personale che ruotano intorno ai piccoli pazienti e alle loro famiglie e accompagnarli per tutto il periodo della degenza. Soprattutto vuol dire regalare un po’ di sollievo ai bambini che devono affrontare un percorso dove occorre coraggio e dignità” ha dichiarato Matteo Stocco, Direttore Generale dell’ASST Santi Paolo e Carlo. “L’attenzione per i bimbi ricoverati non deve essere limitata ai soli aspetti clinici ma deve essere volta anche a creare un ambiente più sereno e idoneo alle loro esigenze: le immagini sul murales con  i temi dedicati al rispetto degli animali e dell’ambiente sono un messaggio positivo di estrema importanza” ha affermato il dr. Giuseppe Banderali, Direttore della struttura di Pediatria e Neonatologia dell’Ospedale San Paolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *