Esclusiva-Francesco Boccia: “La musica, la mia vita. Sanremo per me grande esperienza, ora nuove emozioni…”

Francesco Boccia (anni 41), è un cantautore napoletano, un musicista ed autore. Il successo di questo ragazzo, arriva nel 2001 quando partecipa (insieme a Giada Caliendo) al Festival di Sanremo con il brano “TuruTuru”. Giovani ed emozionati per la loro partecipazione a Sanremo, riescono a salire sul podio e a giudicarsi il terzo posto nella Categoria Giovani.

Noi di PinkLifeMagazine lo abbiamo intervistato:

Ciao Francesco, allora ci racconti come è cominciato l’amore per la musica ?

“Come spesso accade, la famiglia è fondamentale per ogni passione. Mia madre è stata complice per questa passione, lei stessa suonava il pianoforte. Mi appassionai alla musica e partecipai a “Domenica in” all’epoca presentato da Mara Venier. Con lei è stato un amore a prima vista, nel senso della simpatia reciproca”

Ti facciamo i complimenti per la tua grande partecipazione a Sanremo nel 2001, ma nel tempo ti sei preso anche una grande soddisfazione e cioè scrivere un testo importante per Il VOLO….

“Il testo era rinchiuso in un cassetto da tanti anni, era lì pronto e stava solo aspettando che una bella voce lo facesse emergere e così è stato grazie a i ragazzi de Il Volo. Sapere oggi che questa canzone viene ancora cantata mi rende orgoglioso e mi emoziona. Io e Tommy (Esposito dei Giardini dei semplici n.d.r), abbiamo creduto in quel sogno e lui ha creduto in noi. Un sogno nato nella cameretta di un ragazzino napoletano. Una vittoria che dedico a tutti quelli che  sono stati al mio fianco in questi anni”

Chiudiamo con una domanda semplice ma secondo noi sempre emozionante: è più facile scrivere musica per una persona nata a Napoli ?

“Sono  orgoglioso di essere nato  in una città magica come Napoli, una città che già alla nascita ti regala un bagaglio culturale importante. Per questo le sono grato per il suo mix di culture e anime che fondendosi danno vita a una grande storia  artistica e umana”

 

 

Massimiliano Alvino

@Riproduzione riservata

Si prega di citare la fonte www.pinklifemagazine.com in caso di riproduzione

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *