Pubblicità
ExperienceFood

COME VALUTARE UN VINO IN BASE A QUATTRO CRITERI FONDAMENTALI: STABILE, EVOLUTO, ELEGANTE O EQUILIBRATO

I criteri per valutare il vino sono diversi a seconda della persona, ed è per questo possiamo definirlo soggettivo. Oggettive invece sono le 4 definizioni del vino: può essere stabile, evoluto, equilibrato ed elegante. Andiamo con ordine e analizziamo i primi due termini. La domanda che dobbiamo porci è se il vino continua ad avere lo stesso sapore dell’ultima volta che l’abbiamo provato, e si riferisce di solito a degustazioni davvero lontane nel tempo. Con il termine vino stabile si intende, appunto, un vino nel quale le caratteristiche non cambiano col passare del tempo. Questo sta a significare che il vino non è notevolmente peggiorato. Nel caso contrario sarebbe un vino evoluto, ovvero, un vino che ha cambiato in modo significativo nel corso del tempo. Generalmente tutti i vini hanno un cerchio di evoluzione: in principio migliora fino a raggiungere il suo momento ottimale per poi iniziare a peggiorare. Quando si parla di un vino evoluto, quindi, ci si riferisce a vini che ormai non sono più nel loro momento migliore.
Poi abbiamo il vino elegante e quello equilibrato.


L’eleganza sta negli aromi e nei sapori, e un vino viene definito tale, quando riusciamo ad apprezzare le note principali, senza arrivare a coprire gli altri secondari. Per vino equilibrato, invece, si intende un vino le cui caratteristiche gustative e olfattive si presentano ben compatte, senza imperfezioni, ed hanno odori e sapori tra loro coordinati.
Per un perfetto vino elegante possiamo consigliarvi il Sumarroca Boria, un esempio di come il legno si fonde armonicamente con gli aromi della buona terra e della buona uva.
Come vino equilibrato vi indichiamo il “Castell del Remei Oda 2008“, dagli aromi molto interessanti e che poi in bocca conferma il suo buon naso.
Tra gli altri esempi, per noi perfettamente eleganti e raffinati, troviamo:
Tasca D’Almerita Tascante 2008 – Emidio Pepe Montepulciano d’Abruzzo doc 2008 – Boscarelli, vino nobile di Montepulciano docg 2008- Castello di Bolgheri Varvara Bolgheri doc 2008- Flavio Roddolo Dolcetto d’Alba Superiore doc 2008 -Cantina Terlano Montigl Pinot Nero Alto-Adige Riserva doc 2008
Unico tratto comune l’annata 2008, andiamo dalla Sicilia all’Abruzzo, dal Piemonte all’Alto Adige, passando per la Toscana.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio