Ministro Spadafora: “Forse il calcio si ferma, ma cerchiamo di stare uniti e non facciamo polemica…”

“La situazione è questa: il comitato tecnico-scientifico sta incontrando le varie componenti del mondo dello sport, come la Figc, per approfondimenti sul protocollo degli allenamenti”. Vincenzo Spadafora torna a parlare della possibile ripresa della Serie A, a partire dalla situazione allenamenti. “Diciamolo chiaramente – dice il Ministro per lo Sport a “Mi manda Rai Tre” -. Se le parti troveranno un accordo sul protocollo, le sedute riprenderanno e, di conseguenza, ci sarà un riflesso positivo anche sulla ripartenza del campionato. Viceversa sarà il Governo a decretare, per emergenza sanitaria, la chiusura della stagione e creerà quelle condizioni affinché il mondo del calcio paghi meno danni possibili a causa dell’emergenza. Sappiamo di parlare di una grande impresa per il Paese, dunque ci assumeremo noi la responsabilità”.

Appello alla Lega di A: “Basta polemiche”

Durante il suo intervento, Spadafora lancia anche un appello alla Lega di A per mettere da parte i dissidi degli ultimi giorni. “Lanciamo un appello alla Lega di Serie A per finire polemiche e scontri – aggiunge -. Il calcio deve essere simbolo di leggerezza, passione e gioco, e deve dividerci solo per il tifo”.

“Se Cts convalida linee guida, dal 18 maggio riapriranno vari centri sportivi”

“Con l’ultimo Dpcm approvato l’attività sportiva e motoria sarà consentita nei parchi e nei luoghi che i vari sindaci riterranno di aprire, con le solite distanze di sicurezza – conclude Spadafora -. Ognuno dovrà fare il possibile per il rispetto delle regole. Questo è anche un test che in due settimane ci consentirà di vedere se è possibile man mano aprire anche altro come ad esempio le palestre, i centri danza, i vari centri sportivi, i circoli per tennis. Proporremo già all’inizio della prossima settimana al Cts le linee guida per tutti questi centri: appena saranno validate, vorrei inserire la loro apertura nel prossimo Dpcm del 18 maggio”.

Fonte: Sky

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *