“Le voci celate” III edizione domani 29 novembre

Emarginazione, silenzio e disagio nell’interminabile viaggio di chi non ha voce. Questo il leit motiv della III edizione de “Le Voci Celate”, manifestazione di riflessione sul fenomeno della violenza “di genere”, che vuole focalizzare, per quest’anno, l’attenzione alla questione “immigrazione”, intesa come fenomeno politico: integrazione e inclusione diventano i baluardi a difesa della differenza e mezzo di contrasto alla violenza, intesa nella sua accezione di prevaricazione.

L’iniziativa mira a creare una rete che, oltre a favorire lo scambio di conoscenze e la collaborazione tra le scuole e l’ente locale con le Associazioni attive sul territorio, si fa promotrice di buone pratiche di solidarietà e di contrasto alla discriminazione e alla violenza, attraverso nuovi linguaggi più efficaci e di maggiore appeal per le nuove generazioni.Con l’informazione e il dialogo, arricchiti dal contributo di esperti del settore forense, del giornalismo, della psicologia e pedagogia, della musica, del teatro e dell’arte, è possibile costruire un nuovo percorso culturale che porti i ragazzi a riflettere diversamente sulla figura e sul ruolo femminile all’interno della società a livello globale.

Da un’idea di NomoΣ Movimento Forense, la Consulta delle Associazioni e delle Organizzazioni di Volontariato della Municipalità 2 di Napoli presenta la terza edizione di “Voci Celate. Diamo Voce a chi non ha Voce”. L’evento, aperto alla cittadinanza, patrocinato dalla Municipalità 2 del Comune di Napoli, si svolgerà venerdì 29 novembre, dalle ore 10:00 alle ore 13:00, presso l’Aula Magna del 31 I.C. Paolo Borsellino (Via E. Cosenz, 47 – Napoli, nei pressi di Piazza Garibaldi) e vedrà le scuole 31 I.C. P. Borsellino, l’I.C. S. 9o Cuoco – Schipa, il 6° I.C. Fava-Gioia, l’I.C.S. Foscolo – Oberdan, il Liceo G.B. Vico e la Scuola Cardinale Corrado Ursi, protagoniste nel dialogo-confronto con i rappresentanti delle associazioni della Consulta delle Associazioni e delle Organizzazioni di Volontariato della Municipalità 2 e le istituzioni locali nonché con professionisti, artisti e con la cittadinanza.

Sensibilizzare e condividere, quindi, trasferire informazioni ma anche comunicare le proprie esperienze riguardanti il fenomeno della violenza, nelle sue varie manifestazioni.

Dopo la prima edizione del 30 novembre 2017 (presso il Liceo A. Genovesi) e la seconda edizione del 28 novembre (presso l’I.C. Cuoco – Schipa),  Le Voci Celate – per quest’anno – ritornano forti e incisive e hanno scelto una testimonial d’eccezione per denunciare il fenomeno della violenza: R. Desirèè Klain, giornalistada anni impegnata nel giornalismo civile, ideatrice e direttrice artistica di “Imbavagliati” (dal 2015), il primo festival internazionale di giornalismo civile, per il quale viene insignita del premio “Paolo Giuntella alla libertà d’informazione, e Responsabile per la Campania di “Articolo 21, liberi di…”. La giornalista è ambasciatrice e madrina di questa terza edizione a testimonianza di un messaggio di solidarietà e plauso per chi porta avanti queste iniziative, soprattutto nelle scuole: “Sono onorata di essere testimone di un evento così significativo. Nel 2015 inventai una campagna di sensibilizzazione, purtroppo ancora attuale, contro il femminicidio, dal titolo “I Miserabili”, che fece il giro del mondo. Per la prima volta, i protagonisti non sono state le vittime, ma i carnefici veri, fotografati nella loro crudezza e sconfitta, dopo essere stati arrestati. Ritratti come dei miserabili, appunto”.

Programma

Porteranno i saluti agli studenti, Francesco Chirico, Presidente della Municipalità 2 di NapoliAnnamaria PalmieriAssessore alla Scuola e all’Istruzione del Comune di NapoliFabrizia LandolfiDirigente scolastico 31 I.C. Paolo BorsellinoAngela LongoDirigente scolastico del I.C.S. 9° Cuoco – Schipa,Assunta BottoneDirigente scolastico del VI I.C. Fava – Gioia, Donatella Delle Vedove, Dirigente scolastico del I.C.S Foscolo – Oberdan, Matilde ClotildePaisio, Dirigente Scolastico del Liceo G.B. Vico eSuor Rosaria Messina, Dirigente Scolastico Scuola Cardinale Ursi. Introdurranno agli interventi delle scuole e delle associazioni, Giovanna FarinaPresidente della Consulta delle Associazioni e delle Organizzazioni di Volontariato, Municipalità 2 e Argia di Donato, Presidente di NomoΣ Movimento Forense con i saluti dei piccoli allievi della Scuola Cardinale Ursi.

Aprirà la manifestazione con il corto “Voci da un’isola” (di C. Esposito e F. La Muro) l’associazione Centro  Antiviolenza Teresa Buonocore con Patrizia L’Astorina, counselor.

Per NomoΣ Movimento Forense, Argia di Donato, avvocato e Presidente, intervisterà Desirèè Klain, giornalista e testimonial della terza edizione, per ascoltare le “Voci silenti”, storie ed esperienze di donne, giornaliste e scrittrici, che lottano quotidianamente per far sentire la propria voce.

Sarà la volta poi di “Guerra e silenzio”, video con monologo di “Maddalena Cerasuolo combattente” e testo inedito, interpretato da Bianca e Assunta Musto del Liceo G.B. Vico con l’introduzione di Monica Brindicci, docente, di “Una stanza tutta per sé”, drammatizzazione a più voci a cura delle classi 2D e 2F dell’I.C. 6° Fava – Gioia, con l’introduzione di Maria Piccolo, docente, e di “Le parole che feriscono, le parole che curano, le parole che segnano…” a cura della Fondazione Casa dello Scugnizzo, con il presidente Antonio Lanzaro, docente di diritto presso la Facoltà di Giurisprudenza Università di Napoli “Parthenope”.

A seguire “φωνή – voci sulla convivenza pacifica”, a cura degli studenti delle classi 3 della scuola secondaria dell’I.C. Cuoco – Schipa con Alessandra Daloiso e Eva Chiorazzo, docenti, “Amore e disamore” performance e riflessioni ideata degli studenti delle classi 2° – 3° – 3B della scuola ospite, 31 I.C. P. Borsellino, con l’introduzione di Maria Rosaria Esposito, docente e “Il linguaggio nell’informazione e nell’arte. Parole ed immagini costruiscono la realtà” a cura dell’ Associazione culturale Napoli è con Bianca Desideri, giornalista e vicepresidente.

Gli spunti di riflessione continuano con “La sottile violenza della comunicazione nei media”, video proposto dall’Associazione Psicologi in contatto, con Salvatore Rotondi Presidente e psicologo, con la performance “Nuvole” di Alda Merini a cura degli studenti della classe 2F dell’I.C.S Foscolo – Oberdan con l’introduzione di Marina Sica, docente, con “Le voci dei muri… in mostra” a cura dell’Associazione Donne Architetto – Napoli con Giovanna Farina, architetto, e con “Dar Voce al Coraggio” con i ragazzi dell’Associazione Obiettivo Napoli e Flora Ostetrico, educatrice.

A chiusura della manifestazione interverranno, con riflessioni e testimonianze, la dott.ssa Maria Alifuoco – consigliera Commissione Scuola Municipalità 2 delegata alla prevenzione dei disagi psicologiciAssunta Cimminiello – assessore alla Scuola e Welfare Municipalità 2Ezio Esposito – Presidente dell’Associazione Forum TarsiaBianca Esposito – Associazione Obiettivo NapoliFrancesco Grandullo – Presidente Commissione Scuola e Pari Opportunità Municipalità 2Pina Molinari – Assistente sociale e Elena Varrialedocente e poeta.

Per l’occasione saranno esposte l’opera L’ottava misericordia, bassorilievo tattile a cura dell’Associazione Store Gallery con Giuseppe Corcione Presidente e La Tabula della non violenza sulle donne, partecipazione esperienziale aperta a contributi liberi. Alle scuole sarà assegnato un riconoscimento a cura dell’Associazione Forum Tarsia.

Comitato organizzatore dell’evento: Argia di Donato, Giovanna Farina, Pina Molinari (segreteria Municipalità 2).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *