JUVE NAPOLI 0-1

Parlare di Juventus-Napoli non è semplice, perché quando scrivi di questo match, inevitabilmente, le emozioni possono sorpassare il dovere giornalistico.

Noi di PinkLifeMagazine, cercheremo di raccontare quello che è successo ieri allo Stadium ed andremo a vedere quello che può succedere da oggi fino al 20 maggio.
Gli azzurri di Sarri, scendevano in campo con un solo obiettivo: vincere.
Il Napoli, torna da Torino con 3 punti in tasca e con la consapevolezza che questa partita può davvero segnare la svolta del campionato.
Il match: avaro di emozioni, anche se un palo di Pjanic spaventa Reina al minuto 16. Poi è solo Napoli, che prima con Hamsik e poi con Mario Rui, mette i brividi alla porta di Buffon.
Ma è una partita molto tattica, dove si aspetta solo un episodio per sbloccarla.
La Juventus, è in grosse difficoltà ed addirittura, Allegri, sostituisce Dybala al minuto 45 con un Cuadrado che non inciderà sul match.
Il Napoli, è più determinato, ma come al solito, ha bisogno delle sostituzioni per accelerare. Milik e Zielinski, fanno la differenza, ma il gol arriva solo a tre minuti dalla fine.
Koulibaly, il gigante buono, stacca di testa a due metri sopra Benatia e batte Buffon. E’ il giusto epilogo di una partita che ha visto solo una squadra in campo e cioè il Napoli di Sarri.
Ora, lo scenario è cambiato: i bianconeri, sono in netto affanno ed hanno lasciato al Napoli negli ultimi 180 minuti ben 5 punti in classifica.
Ora è la Juve che rischia e sabato avrà un impegno assolutamente non semplice.
L’Inter di Spalletti, ha bisogno di punti per la qualificazione in Champions e non regalerà niente a Higuain e compagni.
Per vincere lo scudetto, il settimo consecutivo, la Juve di Allegri, deve vincere quattro partite su quattro.
Lo stesso deve fare il Napoli, ma a conti fatti, a tutt’oggi, sono gli azzurri i favoriti per il titolo.
di Massimiliano Alvino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *