Archivio Categoria: News

Zucchero: ecco un tour da paura in giro per il Mondo

Dopo essersi esibito come ospite sul palco del 70° Festival di Sanremo tra applausi e standing ovation, ZUCCHERO “SUGAR” FORNACIARI si prepara per il prossimo tour che da aprile lo vedrà protagonista con oltre 50 date in tutto il mondo per presentare il suo ultimo disco di inediti “D.O.C”

Zucchero tornerà ad esibirsi in Italia nel mesi di settembre e ottobre sul palco dell’Arena di Verona, definito da Zucchero come «uno dei più bei posti al mondo per fare musica»con 14 imperdibili showai 12 già annunciati, infatti, si aggiungono 2 nuovi concerti il 6 e il 7 ottobre.

I biglietti per le due nuove date all’Arena di Verona saranno disponibili in prevendita dalle ore 11.00 di oggi, giovedì 6 febbraio, su www.ticketone.it e dalle ore 11.00 di giovedì 13 febbraio nei punti vendita abituali.

Il tour mondiale partirà dall’Australia e vedrà Zucchero protagonista anche sul palco del prestigioso Byron Bay Bluesfest, per proseguire poi in Sud America, Stati Uniti, Canada e in tutta Europa.

Queste le date del tour mondiale di Zucchero (calendario in aggiornamento):

3aprile –Byron Bay Bluesfestdi Byron Bay (Australia)

4 aprile-Enmore Theatre di Sydney (Australia)

7 aprile-Palais Theatredi Melbourne (Australia)

17 aprile – Saban Theatre di Los Angeles (USA)

18 aprile – The Magnolia PAC di El Cajon (San Diego – USA)

19 aprile-Palace of Fine Arts Theatre di San Francisco (USA)

21 aprile- Revolution Hall di Portland (USA)

22 aprile –Neptune Theatre di Seattle (USA)

25 aprile-Beacon Theater di New York (USA)

26 aprile-Falls View Casino Resort – Avalon Showroom – Niagara Falls (Canada)

29 aprile- Vic Theatre di Chicago (USA)

1 maggio – Hard Rock Casino – Soundwaves di Atlantic City (USA)

2 maggio – Berklee Performance Center di Boston (USA)

3 maggio – Foxwood Casino – Fox Theatre di Mashantucket (USA)   

5 maggio – The Howard Theatre di Washington DC (USA)

6 giugno – Royal Concert Hall di Glasgow (Regno Unito)

7 giugno – Bridgewater Hall di Manchester (Regno Unito)

10 e 11 giugno – Royal Albert Hall di Londra (Regno Unito)

13 giugno – Sierre Blues Festival di Sierre (Svizzera)

22 settembre – Arena di Verona (Italia)

23 settembre – Arena di Verona (Italia)

24 settembre – Arena di Verona (Italia)

25 settembre – Arena di Verona (Italia)

26 settembre – Arena di Verona (Italia)

27 settembre – Arena di Verona (Italia)

29 settembre – Arena di Verona (Italia)

30 settembre – Arena di Verona (Italia)

1 ottobre – Arena di Verona (Italia)

2 ottobre – Arena di Verona (Italia)

3 ottobre – Arena di Verona (Italia)

4 ottobre – Arena di Verona (Italia)

6 ottobre –  Arena di Verona(Italia) – NUOVA DATA

7 ottobre – arena di Verona (Italia) – NUOVA DATA

31 ottobre – Olympiahalle di Innsbruck (Austria)

1 novembre – Stadthalle di Graz (Austria)

3 novembre – Arena Stozice di Lubiana (Slovenia)

4 novembre – Stadthalle di Vienna (Austria)

6 novembre – Rockhal di Lussemburgo (Lussemburgo)

7 novembre – Amphitheatre di Lione (Francia)

8 novembre – Forest National di Bruxelles (Belgio)

11 novembre – Arkea Arena di Bordeaux (Francia)

14 novembre – Le Dôme di Marsiglia (Francia)

15 novembre – Palais Nikaia di Nizza (Francia)

17 novembre – AccorHotels Arena di Parigi (Francia)

19 novembre – Arena di Lipsia (Germania)

20 novembre – Barclaycard Arena di Amburgo (Germania)

21 novembre – Mercedes-Benz-Arena di Berlino (Germania)

24 novembre – Schleyerhalle di Stoccarda (Germania)

25 novembre – Olympiahalle di Monaco di Baviera (Germania)

27 novembre – Festhalle di Francoforte sul Meno (Germania)

28 novembre – ISS Dome di Düsseldorf (Germania)

29 novembre – Ziggo Dome di Amsterdam (Paesi Bassi)

1 dicembre – Zénith Arena di Lille (Francia)

2 dicembre – Emsland Arena di Lingen (Germania)

5 dicembre – Hallenstadion di Zurigo (Svizzera)

8 dicembre – Lisinski di Zagabria (Croazia)

Prima della partenza del tour, il 3 marzo 2020 alla “O2 Arena” di Londra Zucchero sarà uno dei protagonisti di “Music For The Marsden”, concerto benefico organizzato dalla Royal Marsden Cancer Charity. Oltre a Zucchero, unico artista italiano presente, si esibiranno sullo stesso palco artisti del calibro di Eric Clapton, Tom Jones, Gary Brooker dei Procol Harum e Mick Hucknall dei Simply Red, John Illsley dei Dire Straits, Yusuf/Cat Stevens e Paul Carrack, Rick Wakeman, Paul Jones, Mike Rutherford, Bonnie Tyler, Paul Young.  I fondi raccolti verranno utilizzati per la costruzione dell’Oak Cancer Center, una nuova struttura per il trattamento e la ricerca contro il cancro.  

È attualmente in radio il nuovo singolo “Spirito nel buio”, brano estratto dal disco “D.O.C.”, prodotto dallo stesso Zucchero insieme a Don Was e Max Marcolini. “Concepito” a Pontremolinella Lunisiana Soul registrato tra Los Angeles e San Francisco, per questo nuovo progetto discografico Zucchero ha collaborato insieme a Francesco DE GREGORI (in Tempo al Tempo), Davide VAN DE SFROOS (in Testa o Croce), Pasquale PANELLA e Daniel VULETIC(in La canzone che se ne va), Rory GRAHAM (noto come Rag’n’bone Man), Steve ROBSON e Martin BRAMMER (in Freedom),F. Anthony WHITE(notocome Eg White)e Mo Jamil ADENIRAN(in Vittime del Cool)e l’artista scandinava Frida SUNDEMO (in Cose che già sai). 

Gigi Finizio e Monica Sarnelli protagonisti a “O festival” su Radio Punto Nuovo

Gigi Finizio e Monica Sarnelli  sono  tra i protagonisti di “O’ Festival”, lo spazio che Radio Punto Nuovo dedica ogni giorno alla settantesima edizione del Festival di Sanremo. Gli artisti partenopei intervengono al telefono in diretta durante tutto l’arco della giornata commentando la kermesse sanremese: Mi è piaciuta molto Irene Grandi, – afferma Gigi Finizio – e poi mi ha divertito molto Achille Lauro che è un fenomeno di costume, trasgressivo come una pop star inglese o americana. Un’altra cantante che ha fatto una performance internazionale è Elodie, poi mi sono piaciute molto Le Vibrazioni e gli Eugenio in Via di Gioia, che secondo me avranno una grandissima strada da percorrere “. Parole di elogio anche per Piero Pelù e per Michele Zarrillo, da lui definito “un ottimo cantautore che non sbaglia mai. Elettra Lamborghini è una gran comunicatrice più che una cantante ma è un personaggio molto dirompente. Anche i Pinguini sono andati alla grande”. 

Gli fa eco Monica Sarnelli: “A me piace molto anche la conduzione del Festival, Amadeus si mette al servizio degli artisti e Fiorello è fantastico; e poi mi piacciono anche le co-conduttrici. Tra i cantanti in gara mi piace molto Masini, Diodato e mi sono molto emozionata con Tosca che mi ha ricordato Mimì. E poi mi sono piaciuti i momenti vintage, quelli con Romina e Albano, Rita Pavone, Massimo Ranieri, i Ricchi e Poveri che mi hanno fatto emozionare perché sono la nostra storia, la nostra adolescenza. E sono stata contenta di ritrovare anche Gigi d’Alessio. Lasciami dire che mi è piaciuto moltissimo anche Tiziano Ferro che ha rivelato la sua umanità essendo profondamente emozionato. E poi ho molto apprezzato il monologo di Rula Jebreal”.

A proposito delle tendenze musicali, “Ho la sensazione – conclude Finizio – che ci sia un ritorno alla melodia, alla bella canzone italiana al di là di quell’attimo trasgressivo che può portare al festival uno come Achille Lauro. Io lo spero perché al di là delle tendenze credo che la musica italiana abbia bisogno di una spinta emozionale; paradossalmente mentre tutto diventa troppo “di plastica” i fenomeni come Ultimo rompono gli schemi  e vanno a fare breccia nei sentimenti, che sono quello che poi la gente vuole”.

Piero Pelù per la prima volta al Festival di Sanremo

PIERO PELÙ festeggia 40 anni di carriera! Quest’anno la voce più rappresentativa del rock italiano taglia un importante traguardo artistico e dà il via ai festeggiamenti salendo, per la prima volta come artista in gara, sul palco del 70° Festival di Sanremo con il brano “GIGANTE” (P.Pelù/P.Pelù-L.Chiaravalli), che sarà contenuto nel nuovo album di inediti “PUGILI FRAGILI” (Sony Legacy), in uscita il 21 febbraio.

L’album, il ventesimo lavoro di studio tra Litfiba e Piero solista, sarà disponibile in pre-order ovunque da venerdì 31 gennaio.

Arrangiato e prodotto da Piero Pelù e Luca Chiaravalli, il brano “Gigante” è una cavalcata rock ed elettronica, dedicata a chi arriva al mondo per la prima volta (i suoi nipotini) e anche a chi lotta per rinascere a nuova vita liberandosi dalle catene di un passato difficile (i ragazzi e le ragazze dei carceri minorili di Nisida e di tutta Italia).

Nella serata speciale di giovedì 6 febbraio, pensata per celebrare i 70 anni del Festival, Piero Pelù interpreterà Cuore Matto”, il celebre brano presentato al Festival di Sanremo del 1967 dalla coppia formata da Little Tony e Mario Zelinotti.

A dirigere l’orchestra per Piero Pelù sarà Luca Chiaravalli. Sul palco dell’Ariston l’artista indosserà abiti di Tom Rebl e accessori di Manuel Bozzi.

Durante il festival di Sanremo, Piero Pelù ha deciso di portare avanti l’impegno ambientale con il suo “Clean beach tour”: mercoledì 5 febbraio, infatti, alle ore 11.00 presso la spiaggia di Bussana l’artista invita tutti a partecipare alla raccolta di plastiche e microplastiche spiaggiate per “sottrarre più veleni possibili al nostro ambiente e quindi a noi stessi”. Per organizzare l’evento Piero ha coinvolto Legambiente e il comune di Sanremo che a sua volta ha invitato tutte le scuole del distretto.

Radio Marte a Sanremo successo senza precedenti

Un successo senza precedenti quello di Radio Marte a Sanremo. Sono centinaia gli artisti provenienti da ogni parte d’Italia, che si alternano nella vetrina-palco allestita nello store Yamamay, a un passo dalla postazione “radiovisiva” nel confinante store Carpisa Go, recentemente rinnovato. Il tratto di Via Matteotti su cui affacciano le due “radiovetrine”, è diventato un punto di ritrovo per artisti e addetti ai lavori che tutti i giorni si ritrovano per confontarsi sulle puntate del festival, ascoltare le canzoni in gara diffuse dagli altoparlanti esterni, e scambiarsi pareri, contatti ed opportunità. All’esterno, gadgets tipici in omaggio, messi a disposizione da aziende campane (dolci, caffè, bijoux, cappellini, magliette, e ovviamente, prodotti a marchio Carpisa e Yamamay aziende con radici campane anch’esse). 

Da Gigi D’Alessio a Irene Grandi e Anna Falchi, i big in gara ed i giovani, con particolare predilezione per i campani Anastasio e Marco Senteri, i marziani ospitano ed intervistano in diretta per circa dodici ore al giorno. Un successo che replica quello dello scorso anno, ma con un “raddoppio” dato dal successo della vetrina live. Ed è proprio dalla Campania che arriva la stragrande maggioranza di proposte in cerca di visibilità e notorietà, a testimonianza della proverbiale prolificità artistica di Napoli e di tutto il sud, prezioso patrimonio per l’intero comparto della musica italiana. Il 70° Sanremo su Marte, può essere seguito in FM e DAB+, su app, web e social, oltre che su Radio marte Tv, canale 655 del digitale terrestre: collegamenti, musica ed interviste. realizzate nelle due postazioni d’impatto realizzate in collaborazione con Carpisa e Yamamay. 

Da oggi disponibile in radio “Baciami adesso” il nuovo singolo di Enrico Nigiotti

Da oggi, giovedì 6 febbraio, è in radio e disponibile in digital download e su tutte le piattaforme digitali “BACIAMI ADESSO”, il nuovo singolo di ENRICO NIGIOTTI, brano in gara al 70° Festival di Sanremo nella sezione Campioni.

Inoltre, sempre da oggi, è online il video di “Baciami Adesso”, girato fra le antiche e inconfondibili strade di Venezia per la regia di Fabrizio Cestari. Il video è disponibile al link https://youtu.be/cbiihmTQeAk .

Nella speciale serata di Sanremo 70 di questa sera, pensata per celebrare i 70 anni del Festival, il cantautore interpreterà il brano “Ti Regalerò Una Rosa, canzone che conquistò il 1° posto nell’edizione del 2007, accompagnato sul palco proprio dal suo autore SIMONE CRISTICCHI.

A dirigere l’orchestra per Enrico Nigiotti è il Maestro Celso Valli.

Sul palco l’artista indossa abiti Emporio Armani.

Il singolo presentato al Festival di Sanremo, “Baciami Adesso” (scritto e composto dallo stesso Enrico Nigiotti, prodotto e arrangiato da Paolo Valli e Celso Valli), è una dichiarazione d’amore attraverso un dialogo con se stessi, «“Baciami Adesso” è la voglia che si tiene in manette quando si lascia libero l’orgoglio invece di far correre il cuore. “L’amore è il marito della vita”».

Il brano sanremese sarà contenuto nel suo quinto album di inediti dal titolo “NIGIO”, in uscita il 14 febbraio.

L’album, disponibile in pre – order e in pre – save su tutte le piattaforme digitali al link ttps://SMI.lnk.to/Nigio, si compone di 7 brani inediti (più l’ultima hit estiva “Notturna”scritti e composti dallo stesso Enrico Nigiotti che si caratterizzano per un sound forte ricco di assoli di chitarra scandito dal ritmo della batteria. Un album intimo, colloquiale e diretto che parla di “vita camminata”, di momenti intensi vissuti fuori casa, tra la gente, per strada. Oltre al brano sanremese, “Nigio” contiene anche l’inedito “L’Ora Dei Tramonti” impreziosito da alcuni versi scritti dal cantautore toscano e recitati da GIORGIO PANARIELLO.

Questa la tracklist del nuovo album: “Baciami Adesso”, “Pasolini”, “Highlander”, “Vito”, “Corso Garibaldi”, “Il Provinciale”, “L’ora dei tramonti” feat. Giorgio Panariello, “Notturna”.

«“Nigio” è il mio soprannome, da sempre tutti mi chiamano così a Livorno e non solo. Ho scelto questo titolo per un album molto intimo in cui parlo di me, racconto quello che sta accadendo nella mia vita, un ritratto personale ma attraverso il quale in realtà chiunque può rivedersi – dichiara Enrico Nigiotti – Ringrazio Panariello che ha subito accettato il mio invito. Per il brano “L’Ora Dei Tramonti” gli ho chiesto di leggere dei versi molto diretti che ho scritto, un soliloquio di un uomo che beve il suo dolore seduto al bancone di un bar. La sua voce e la sua bravura rendono quelle parole ancora più incisive. Per me è stato un onore collaborare con lui».

A partire dal 2 maggio Enrico Nigiotti sarà in tour nei principali teatri italiani con uno spettacolo emozionante in cui presenterà per la prima volta live i brani inediti del suo nuovo album “Nigio”.

Queste le prime date del tour 2020 di Enrico Nigiotti:

2 maggio, Il Celebrazioni – BOLOGNA

4 maggio, Teatro Verdi – FIRENZE

5 maggio, Teatro Dal Verme – MILANO

8 maggio, Teatro Acacia – NAPOLI

11 maggio, Teatro Colosseo – TORINO

19 maggio, Auditorium Parco della Musica (Sala Petrassi) – ROMA

21 maggio, Teatro Goldoni – LIVORNO

Le prevendite dei concerti sono disponibili su www.ticketone.it e nei punti vendita abituali.

Il tour è prodotto e organizzato da Friends & Partners.

Nel corso della sua carriera, Enrico Nigiotti si è contraddistinto per il suo linguaggio immediato e diretto scrivendo anche brani per artisti come Eros Ramazzotti, Gianna Nannini e Laura Pausini.Enrico ha partecipato due volte al Festival di Sanremo, l’ultima lo scorso anno con il brano “Nonno Hollywood” (certificato oro),con il quale si aggiudica il Premio Lunezia per Sanremo come miglior testo in gara e contenuto nell’edizione speciale del suo ultimo album di inediti “Cenerentola e altre storie…”.  

Nel 2019 ha girato tutta l’Italia con il suo “Cenerentola tour” presentando dal vivo ai suoi fan i suoi più grandi successi, come “L’amore è” (certificato doppio platino e presentato alla 11ª edizione di X Factor) e “Complici” feat. Gianna Nannini (certificato oro e fra i dieci brani più trasmessi in radio), ma anche la sua ultima hit estiva “Notturna”.

“La notte ne parla”: Paolo Fusco ogni venerdì racconta storie di vita a Radio SCA

Radio SCA è la radio di Scampia, nata per raccontare un quartiere che spesso viene maltrattato dai media, ma che invece ha grosse potenzialità e soprattutto è ricco di gente onesta e che lavora.

All’interno del locale adibito all’associazione “Ciro Vive”, Paolo Fusco, speaker che si è fatto le ossa radiofoniche presso Radio Antenna Uno e Radio Marte, ci racconta il suo programma “La notte ne parla” che va in onda ogni venerdì dalle 22,00 fino a mezzanotte:

La notte ne parla è un contenitore di storie non solo napoletane che mi emozionano perchè raccontate da persone che in un periodo della loro vita hanno sofferto e non poco. Storie di vita, di emozioni, di famiglie, ma anche di verità assolute che vogliamo raccontare attraverso Radio SCA.

Politica, economia, sport e tanti altri argomenti-prosegue Fusco-nel programma che va in onda ogni venerdì alle ore 22,00. Radio SCA è la radio della gente e sono felice di trasmettere dall’associazione Ciro Vive, sede dove la padrona di casa è Antonella Leardi, madre del tifoso Ciro Esposito che tutti noi ricordiamo sparato a Roma prima di una finale di Coppa Italia. Insomma, Scampia si conferma un luogo di cultura e di crescita, spesso questo quartiere viene raccontato per altri problemi, ma qui vi assicuro è pieno di gente onesta che lavora e che vuole crescere. Radio SCA dà spazio a tutti, e tutti possono intervenire nel mio programma per raccontare una storia che possa far emozionare. Vi aspetto ogni venerdì alle 22,00

UN PARTY PER FESTEGGIARE I 10 ANNI DI JORUDAN SUSHI

Un party “da 10 e lode”, con amici e personaggi del mondo della moda e dello spettacolo, dello sport, del giornalismo e dell’imprenditoria: così Jorudan sushi, il primo ristorante ad aver portato a Napoli – nei due locali di via Tasso e via Posillipo – la vera e classica cucina giapponese, con chef di pura scuola nipponica, ha festeggiato i suoi primi dieci anni di attività.

Accolti dalla proprietaria, Alessia Truda, e dal suo team cordiale e professionale che include oltre agli chef anche la “giappo-trampoliera”,  sulle note del sax di Sasa’ Grimaldi hanno partecipato alla serata fra gli altri gli stilisti Alessio Visone, Gino Serrao e Ginevra Giannattasio, la cantautrice Greta Zuccoli, l’attore e regista Francesco Albanese,le attrici Nicoletta D’Addio e Angela Bertamino, il produttore cinematografico Eduardo Angeloni, il campione mondiale di kickboxing Davide Messineo, gli imprenditori Davide Esposito (vicepresidente sezione Impianti di Unione industriali Napoli), Marco Scherillo (consigliere nazionale Giovani di Sistema Moda Italia), Salvio Salzano, Stella Giannicola, Alessia ed Ivana Petrone, i giornalisti Lorenzo Crea, Enzo Agliardi, Salvio Parisi, Alessandra Iannuccilli, Harry Di Prisco, Gaia Moschetti, Massimo Iaquinangelo, e ancora Francesca, Federica e Francesco junior Truda, Lorenzo Capobianco, Teodoro Ambrosio, Roberta Scoppa, Gianluca Morra, Paola e Roberta di Pompeo, Flavia Ricchi, Gaia Giordano, Daniela Turra, Roberta De Caro, Ludovica Morgera.

Jorudan sushi rappresenta da sempre un unicum a Napoli e un punto di riferimento per quanto concerne la tradizione più pura della cucina giapponese.
Alessia Truda, patron del ristorante da dieci anni, insieme con il fondatore Sergio Giordano, da veri e capaci imprenditori in questi anni hanno fatto crescere il marchio puntando su alcuni fattori fondamentali come Ricerca, Evoluzione, Tradizione e attenzione al dettaglio, ma soprattutto dando priorità agli chef di pura e assoluta scuola giapponese doc, all’atmosfera e alla cultura – rimaste sempre “nipponiche al 100 per cento”, e più di tutto alla qualità della materia prima, che anche i più esperti del settore (con tantissimi di loro diventati non a caso affezionati clienti di Jorudan sushi)  riconoscono ottima e di alto livello, grazie alla massima attenzione data alla stagionalità e alla disponibilità del mercato. Senza dimenticare l’ottimo rapporto qualità/prezzo, le numerose possibilità di  perfetto abbinamento della cucina con un ampio spettro di vini, e il grande senso dell’ospitalità capace di far sentire chiunque si rechi da Jorudan Sushi come “a casa propria”.
Altri punti di forza sono il riso, Nishiki puro; l’Hosomaki di Tonno & Ikura semplice delicato; l’introduzione in pianta stabile di una ottima Tempura nonché del black Cod Gindara, piatto che ha fatto la fortuna di Nobu, preparato dagli chef del Jorudan Sushi, secondo la più antica tradizione giapponese; oltre ovviamente alla varietà dei piatti e sushi cotto e crudo.

Gli chef di scuola  giapponese doc di Jorudan Sushi preparano i piatti nel rispetto delle tecniche classiche giapponesi, caratterizzate però a tratti in chiave gourmet, piuttosto che sterilmente fusion. Una direzione quest’ultima nella quale troppo spesso oggi la cucina giapponese finisce purtroppo per perdersi, dominata da frutta e salse talvolta inutili, impiegate per coprire una materia prima non di livello.
Jorudan sushi ha una clientela fedelissima ed è considerato a Napoli il ristorante di riferimento in tema di “Luxury Take Away & Delivery”. Servizio nato sin dal primo giorno, che nel tempo è stato oggetto di emulazione da parte di moltissimi, non solo a Napoli, ma anche Milano, Roma, Catania, Palermo, etc.
Da citare infine la linea Ebisake, nata per la grande distribuzione, imperniata sui pilastri della freschezza, qualità e ricambio quotidiano e continuo delle preparazioni nonché della medesima eccellente  qualità.

Comincia stasera il Festival di Sanremo

Questa sera, 4 febbraio, prende il via la 70esima edizione del Festival di Sanremo. Saranno 12 i “big” ad esibirsi nella prima serata: Achille Lauro, Anastasio, Bugo e Morgan, Diodato, Elodie, Irene Grandi, Raphael Gualazzi, Marco Masini, Rita Pavone, Riki, Vibrazioni e Alberto Urso. Ci saranno poi anche quattro nuove proposte: Eugenio in via di Gioia, Fadi, Leo Gassman e Tecla Insolia. Domani poi si proseguirà con gli altri 12 “big” e le quattro nuove proposte, per un totale di 24 big in gara e 8 nuove proposte.

Sul palco dell’Ariston con Amadeus ci saranno anche Fiorello e Tiziano Ferro, ospiti fissi di tutte le serate, in qualità di co-conduttori ma anche “mattatori”, affiancati questa prima sera da Diletta Leotta e Rula Jebreal, scrittrice e giornalista palestinese, che leggerà un brano contro la violenza sulle donne, tema che verrà affrontato poi anche con l’intervento di Gessica Notaro, sfregiata con l’acido dall’ex fidanzato.

Tra gli ospiti invece, ci saranno Al Bano e Romina che canteranno un brano inedito scritto per l’occasione da Cristiano Malgioglio. Poi anche gli attori del cast dell’ultimo film di Gabriele Muccino “Gli anni più belli“: Pierfrancesco Favino, Kim Rossi Stuart, Claudio Santamaria e Emma Marrone, che canterà un brano tratto dal suo ultimo album “Fortuna” e poi farà anche un medley dei suoi più grandi successi.

Fonte: ilfattoquotidiano

Premio Lunezia va a Diodato

Come tradizione, a poche ore dall’inizio del Festival di Sanremo, il Premio Lunezia esprime le indicazioni sui testi dei big in gara e sui brani dei giovani.

Stefano De Martino, Dario Salvatori, Loredana D’Anghera e Beppe Stanco rendono note le scelte.

Il Premio Lunezia per Sanremo va a Diodato per il testo “Fai rumore”, – la struttura e l’intensità del testo annunciano un emozionante appuntamento con la musica – afferma il Patron De Martino – a cui fa seguito la motivazione del critico musicale Dario

Salvatori (membro Commissione Premio Lunezia) :

Incontri ravvicinati, forme di adulazione, interrompere, l’importanza del ritmo, posso fare una domanda? Diodato sembra suggerire l’arte del conversare “smooth”. Riproporsi in amore è quasi un gesto dovuto. Ma non avvicinatevi troppo e cercate il contatto visivo senza esagerare. Nessun imbarazzo. Un intonarumori sussurrato.

Tra gli 8 giovani in gara il Comitato d’Ascolto presieduto da Loredana D’Anghera (Dir. Artistico Lunezia Nuove Proposte) indica il brano “Nel bene e nel male” di Matteo Faustini.

Nel brano di Faustini l’alternanza con il recitato è in equilibrio con il crescendo della canzone.  Uno stile di scrittura e interpretazione che evoca il passato e che per fortuna qualcuno non ha dimenticato. (Loredana D’Anghera)

Secondo quanto confermato dal Patron Stefano De Martino, la XXV edizione del Premio Lunezia (Festival della Luna), si svolgerà su più date nel periodo estate/autunno 2020 tra Aulla e La Spezia.

Nelle recenti edizioni il Premio Lunezia è stato patrocinato dal Ministero della Cultura, Regione Toscana, Regione Liguria e Siae. La manifestazione gode inoltre della collaborazione di Rai Iso Radio e di servizi Rai Tv in tema di rubriche e notiziari.

Il 20 Gennaio si sono riaperte le iscrizioni alla Sezione Nuove Proposte del Premio Lunezia.   

Per informazioni: www.lunezia.it 

Serena Autieri in “Rosso Napoletano. Quattro giornate d’amore”

Dal 5 al 7 febbraio | ore 21TEATRO LENDI

Dal 5 al 7 febbraio, alle 21, sul palcoscenico del Teatro Lendi, in via A. Volta 176 (strada provinciale Grumo Nevano-Sant’Arpino) arriva Serena Autieri con “Rosso Napoletano. Quattro giornate d’amore”,scritto e diretto da Vincenzo Incenzo. Coreografie di Bill Goodson. Direzione musicale di Vincenzo Campagnoli.

Rosso Napoletano

Serena Autieri raccoglie il canto di libertà di un popolo, che, armato solo del suo orgoglio e della sua geniale creatività, ispirato dalla forza inarrestabile del suo Vulcano, durante le Quattro Giornate di Napoli insorse contro l’oppressione per salvare i suoi figli e la sua ricca e gioiosa identità.   

Dodici personaggi e un grande corpo di ballo gravitano tra le rovine di una Napoli, allo stesso tempo, contingente e fuori dal tempo, che in una sorta di astrazione temporale parla e partecipa, come un coro greco, per bocca dei suoi muri, dei suoi vicoli e dei suoi sotterranei.

Rosso è il colore dell’amore, della passione, della superstizione, del pomodoro, del sangue, del fuoco, della rabbia, della preghiera e della resistenza. Rosso è il colore del magma che ribolle eternamente nel ventre della città come il suo meraviglioso e infinito patrimonio musicale, per quell’istinto unico di vivere e di inventarsi. Insieme alla musica, all’ironia, agli scugnizzi e ai femminielli, al caffè e alle superstizioni, alle Madonne e alla pizza, alle prostitute e alla borsa nera va in scena l’anima nobile, spregiudicata e intramontabile di Napoli capitale d’Europa.   

Napoli è do di petto nella bocca del Mediterraneo, che risuona dai bagnasciuga della Turchia, della Spagna e dell’Africa.

Napoli è cucita a mano con spregiudicato talento intorno ad una emorragia di lava.

Napoli ha la pelle scura, i capelli ricci, gli occhi a mandorla e il naso greco. È un utero svergognato e mistico, che caccia i padri e trattiene i figli. Il suo sipario è il mare, il suo palcoscenico è il dietro, comico, appassionato e terribile.

Napoli è carcere senza chiave e domicilio sublime, sbracciarsi di madonne invocate e ansia di numeri in sonno. Il suo dio si è licenziato dal cielo e fa capoccella dalle quinte nere dei vicoli, a passo di tarantella, immolandosi nel sangue sciolto, nella primiera e nei corni in tasca.

Napoli ingravida la sua lingua; le sue parole hanno la pancia gonfia e i piedi per aria: non più amore, ma ammor’.

Napoli fa miracoli, trasforma farina, pummarola e caffè in luoghi dell’anima.

Napoli mischia origine e destino, lacrime e salsedine, gioia e disperazione.

Napoli è inno eterno alla vita. Non dobbiamo mai smettere di celebrarla.

I PROSSIMI SPETTACOLI

Il 14 febbraio, alle 21, c’è Valentina Stella per il concerto di san Valentino. A grande richiesta di pubblico, torna in scena, il 18 e il 19 febbraio, alle 21, Biagio Izzo con “I tartassati dalle tasse”, scritto e diretto da Eduardo Tartaglia, che ha aperto il cartellone della stagione 2019/2020. Il 20 e 21 febbraio arriva Massimo Ranieri con “Sogno e Son desto 500 volte”. Grande chiusura per il mese di febbraio con Eduardo De Crescenzo e “Essenze jazz” (28 febbraio).

Marzo si apre con Simone Schettino in “Se tocco il fondo sfondo”, scritto da Schettino e Vincenzo Coppola (dal 4 al 6 marzo: ore 21). Sarà poi la volta di Franco Ricciardi in concerto (13 marzo: ore 21). Appuntamento, poi, con un pezzo importante della storia teatrale nazionale, dal 25 al 27 marzo (ore 21), con Peppe Barra in “Monsignore”, in scena con Patrizio Trampetti, scritto da Peppe Barra e Lamberto Lambertini, che ne cura anche la regia.

Dall’1 al 3 aprile, alle 21, ci sono Lucio Pierri e Ida Rendano in “La scommessa”, scritto da Lello Marangio insieme a Pierri, a cui è affidata la regia. Chiude il cartellone “Verso il mito Edith Piaf”, con Francesca Marini e Massimo Masiello, in scena dal 15 al 17 aprile.

TEATRO LENDI
Informazioni e prenotazioni:
0818919620 – 3478572222 – 3403810912

www.teatrolendi.it