Archivio Categoria: News

Imprese aerospaziali e aeronautiche: i rischi per il settore derivanti dal Covid19, la missione su Marte del 2027 e i programmi di innovazione

La pandemia di Coronavirus mette a rischio l’intera economia nazionale e, all’interno di questa, anche i settori che fanno da traino come ad esempio quello aerospaziale. “Non posso nascondere una grande preoccupazione per la tenuta del sistema aerospaziale sia in Italia che nella nostra regione – commenta Luigi Carrino, presidente del DAC, il Distretto aerospaziale campano – perché lo stop ai voli sta mettendo in crisi le compagnie aeree che, inevitabilmente, stanno rivedendo i loro programmi di ampliamento e rinnovo delle flotte di velivoli. Gli ordini vengono modificati e le commesse ridimensionate. A livello internazionale, la Boeing ha già interrotto alcune produzioni e altri stop sono previsti a breve. Questa situazione è destinata a peggiorare velocemente e temo che blocchi a lungo, anche una volta superata la crisi, il nostro settore che è trainante per l’innovazione tecnologica, oltre ad essere quello che genera maggiore valore aggiunto e occupazione”.

A preoccupare è la reazione a catena scatenata dal blocco dei collegamenti. “Con i velivoli bloccati a terra si fermeranno anche molte operazioni di manutenzione, così come sarà rallentata la logistica industriale, tutte attività che in Campania vedono la presenza di aziende leader a livello internazionale. – continua Carrino – e anche l’industria dello spazio dà segnali evidenti di difficoltà; ad esempio i prossimi lanci in programma dalla base spaziale di Kourou, in Guyana Francese, ai quali è interessata la nostra Avio Space, sono stati rinviati. Perfino la NASA ha appena espresso preoccupazione per le prossime missioni di astronauti diretti sulla Stazione Spaziale Internazionale. E’ importante che questo settore venga sostenuto a livello nazionale e regionale affinché possa essere uno dei principali traini della rinascita economica post-coronavirus”.

Il difficile momento che attraversa l’economia internazionale non ferma comunque l’innovazione made in Campania. Le imprese della regione, infatti, restano in prima fila per una nuova importante pagina nella storia dello sviluppo del comparto aerospaziale. La conquista di Marte entro il 2027 parte infatti dalla Campania e le imprese del DAC, il Distretto aerospaziale della Campania guidato da Luigi Carrino, sono all’opera per portare a termine con successo il programma SMS (Small Mission to MarS), fianco a fianco con i colleghi del DASS, il Distretto della Sardegna. Soggetto capofila dell’iniziativa è il Centro Italiano Ricerche Aerospaziali (CIRA) e un contributo determinante è fornito da ALI, il consorzio di PMI campane che detiene il brevetto della tecnologia IRENE, la sonda che sarà realizzata interamente nel nostro Paese e al cui interno saranno alloggiati specifici payload scientifici e tecnologici, così come il veicolo di lancio VEGA, il lanciatore italiano sviluppato in ambito ESA che garantisce la concreta fattibilità di un lancio nello Spazio senza dover ricorrere a paesi terzi. Il piano di sviluppo della missione, frutto del lavoro preliminare congiunto dei distretti DAC e DASS, prevede tempi di sviluppo di 7 anni ed un investimento di 250 Milioni di euro, escluso l’acquisto del servizio completo di lancio di VEGA, stimato in circa 50 Milioni.
L’aeronautica campana vede inoltre la collaborazione di grandi players come Leonardo e di piccole e medie imprese come quelle del Gruppo Mare Engineering, capofila dei progetti Fire ed E-Brake per aerei più sicuri e sostenibili. Il primo mira a sviluppare sistemi di protezione dal fuoco di materiali compositi strutturali a elevate prestazioni, attraverso l’uso di sottilissimi strati a base di grafene da aggiungere alla matrice del materiale composito stesso. Obiettivo del progetto è mettere a punto la tecnologia di produzione e testarne le potenziali applicazioni industriali, con particolare attenzione al comparto trasporti. Mare Engineering, in particolare, si occupa della modellazione termo-strutturale degli innovativi componenti realizzati in materiali additivati a base grafene e della calibrazione dei modelli rispetto alle prove sperimentali condotte su elementi prototipali realizzati dagli altri partner del progetto, vale a dire Jaber Innovation, Novotech e il Centro Regionale Information Communication Technology (Cerict). “Siamo da sempre impegnati nella ricerca per implementare i comparti aeronautico e aerospaziale, facendo della sicurezza una priorità – commenta l’amministratore delegato di Mare engineering Antonio Maria Zinno – e con i progetti di cui siamo capofila vogliamo collaborare anche alla sostenibilità, con un’impronta green”.  E-BRAKE, invece, è finalizzato allo sviluppo, produzione, test e qualifica di un sistema frenante elettro-attuato per piccoli velivoli da trasporto, valutando le problematiche connesse alla qualifica, integrazione e convalida in riferimento a un sistema carrello di atterraggio completo. Tra le innovazioni principali che il progetto intende realizzare, vi sono lo sviluppo di nuove e più efficienti architetture del carrello, sistemi avanzati di monitoraggio dell’integrità strutturale, sistemi per la valutazione delle caratteristiche del terreno di atterraggio. Il Gruppo, guidato da Zinno, si occupa della gestione delle attività tecniche deputate ai partner industriali Magnaghi Aeronautica e Umbria Aerospace Systems, e a quelli scientifici come Università di Perugia e Centro Regionale di Competenza (CRDC).

Parla il virologo Roberto Burioni: “Presto riaprire il 3 aprile”

In questo momento la situazione è “ancora talmente grave da rendere irrealistico qualunque progetto di riapertura a breve. Al momento bisogna stare tappati in casa, altrimenti si vanificano i sacrifici che abbiamo fatto fino ad ora, punto e basta”: così su Fb il virologo Roberto Burioni, dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, in merito alle ipotesi sulla tempistica per la riapertura di aziende e scuole.

“Dobbiamo cominciare a pensare a una ripresa delle nostre vite: non possiamo continuare a stare in casa al fine di rimanere in casa per sempre. Però – afferma Burioni -dobbiamo anche sapere in questo momento la situazione è ancora talmente grave da rendere irrealistico qualunque progetto di riapertura a breve”.

Per la fine delle misure di isolamento sociale e per una riapertura di aziende e scuole “è ancora presto, realisticamente bisognerà aspettare almeno fine aprile”, ha detto  all’ANSA il virologo Fabrizio Pregliasco, dell’Università di Milano. Di fatto, afferma, “non ci sarà un unico picco di casi ma ci saranno presumibilmente vari picchi sul territorio, in tempi diversi. Dunque l’arma più efficace per ora restano l’isolamento e le misure restrittive”.

Fonte: Ansa

De Magistris chiede reddito di quarantena per le persone povere


ll Governo deve istituire immediatamente il reddito di quarantena per tutte le persone che sono rimaste prive di denaro. E’ necessario immettere subito liquidità nelle loro tasche per consentirgli di avere beni di prima necessità. Napoli fa e farà la sua parte.” È il tweet del sindaco de Magistris sull’emergenza Coronavirus

In Campania il numero di contagiati (dati aggiornati al 27 marzo) è di 1582​​ positivi su 10593 tamponi effettuati. Nell’ultima settimana la media giornaliera si è attestata sui 100 casi giornalieri, anche se da più parti c’è la richiesta di effettuare più tamponi.

Dal punto di vista economico molte famiglie si trovano in difficoltà, visto che tante aziende sono ferme e le attività commerciali, ad esclusione di poche categorie essenziali, sono state costrette a chiudere i battenti per contenere il contagio.“

Fonte: Napolitoday

Conte: “Soldi subito per chi deve fare la spesa”

Il presidente del Consiglio annuncia il nuovo decreto centrato su soccorso alimentare e lavoratori: “È importante che le misure varate, i 25 miliardi arrivino subito nelle tasche degli italiani”. Spiega che l’obiettivo è quello di eliminare la burocrazia, che il 3 aprile non riapriranno le scuole e che adesso è “troppo presto” adesso per definire la ripresa delle attività produttive non essenziali. Duro attacco alla presidente della Commissione Ue che ha bollato come “uno slogan” i coronabond: “Non decide lei ma all’Eurogruppo”. Sassoli: “Da von der Leyen serve chiarimento, in Parlamento avevamo capito un’altra cosa

Giuseppe Conte in conferenza stampa insieme al ministro dell’Economia Roberto Gualtieri annuncia di avere appena firmato un nuovo Decreto del presidente del consiglio (Dpcm) che prevede 4.3 miliardi da destinare ai Comuni, comprensivi anche di 400 milioni di euro di buoni spesa da destinare agli indigenti. Una misura a cui si aggiungono l’accesso alla cassa integrazione ordinaria e in deroga entro il 15 aprile e i 600 euro per professionisti e autonomi. Ma al termine dell’intervento, rispondendo alle domande dei giornalisti, il presidente del Consiglio e il ministro hanno duramente criticato la presidente della Commissione UeUrsula von der Leyen ha infatti dichiarato che l’esecutivo dell’Europa non sta lavorando ai coronabond, strumento che ha definito “uno slogan” e che ha spaccato il Consiglio UeGualtieri ha definito le sue parole “sbagliate” e Conte ha puntualizzato che “la nostra proposta non è rimessa a von der Leyen ma all’Eurogruppo. Quello che mi permetto di dire è che l’Europa deve dimostrare di essere all’altezza di questa chiamata della storia. È uno shock simmetrico che riguarda tutti gli stati membri, nessuno è esente”. Anche il presidente del Parlamento Ue David Sassoli, intervenendo a SkyTg24 sulle dichiarazioni della presidente della Commissione Ue, ha detto: “Penso che debba arrivare un chiarimento dalla Von der Leyen, noi in Parlamento avevamo capito un’altra cosa” perché “servono garanzie che i Paesi possano spendere quello che vogliono”.

Fonte: IlFattoQuotidiano

Un minuto di silenzio martedì 31 marzo alle ore 12,00 in tutta Italia

“Martedì 31 alle 12 bandiere a mezz’asta e un minuto di silenzio osservato dai sindaci d’Italia con la fascia tricolore davanti al proprio Comune. Ci uniamo al presidente della Provincia di Bergamo in segno di lutto per le tante vittime dell’epidemia”. Lo scrive su twitter il presidente dell’Anci Antonio Decaro.

Fonte: Ansa

Il Papa a San Pietro prega per salvare il mondo dal Coronavirus

Alle 18,00 di ieri il mondo si è fermato per ascoltare e guardare  Papa Francesco.

A Piazza San Pietro, a Roma, si è scritta una grande pagina di storia: il Papa, infatti, da solo nell’immensa piazza ha pregato per la salvezza del mondo in questo delicato momento per la questione Coronavirus.

Ha chiesto l’indulgenza plenaria ed il mondo si è commosso davanti alle telecamere.

Impossibile non emozionarsi e pregare insieme a Papa Francesco

Papa Francesco

Calcio, parla Insigne: “Ci alleniamo in casa nostra”

Ci stiamo allenando a casa intensamente, rispettiamo l’emergenza e stiamo tanto a casa. Prima invece eravamo sempre in viaggio”. Lorenzo Insigne parla, collegato dalla sua abitazione via Skype, ai microfoni di Sky Sport: “Mi manca tanto il campo e fare gli allenamenti. Prima non si sentiva, ora sì. Stiamo lavorano tutti, utilizziamo delle tabelle che possiamo seguire in casa e ci stiamo preparando con tanto impegno. Anche se non c’è il campionato siamo dei professionisti seri e dobbiamo curare sempre la nostra forma fisica.

Chi senti di più? “Con Mario Rui, Callejon o Mertens. Con i miei compagni siamo in contatto quotidianamente tramite messaggi o gruppi WhatsApp. Ormai i temi delle risate sono chi ha i capelli più lunghi e vuole rasarseli o la barba. Secondo me chi sta messo peggio sono io (ride, ndr). Proviamo così a condividere questo periodo tenendoci compagnia a distanza”.

Com’è il tuo rapporto con lui? “E’ molto buono. Sin da quando è arrivato mi ha fatto sentire importante. Il mister ha un carattere deciso, molto esigente ma sincero. Dice chiaramente quello che pensa senza filtri. Vuole il massimo della concentrazione quotidianamente e ci segue continuamente. Essere guidati da un allenatore che ha avuto una enorme esperienza da giocatore ci può arricchire tanto. Gattuso ha vinto tutto e mette a nostra disposizione la sua grande conoscenza calcistica”.

Sei in contatto anche con Gattuso?  “Certo, con il mister addirittura ci sentiamo quasi tutti i giorni. Parliamo del lavoro che sto svolgendo, però non discutiamo solo di calcio ma anche delle rispettive famiglie e della situazione di emergenza generale”.

Gol che ricordi con maggior piacere quest’anno? “Magari la gente pensa che ce l’ho con loro (ride, ndr) ma io ho fatto 5 gol quest’anno e sicuramente il più importante è stato quello al San Paolo con la Juve. Conoscete la rivalità con loro e segnare contro di loro in casa fa sempre una bella sensazione”. 

Gli Europei, intanto, slittano di un anno. Resta un tuo obiettivo: “Sì, sappiamo che abbiamo costruito un gruppo solido in Nazionale e che eravamo lanciatissimi. Però vorrà dire che saremo competitivi anche l’anno prossimo. Magari recupereremo anche qualche infortunato. L’obiettivo è fare bene ed essere protagonisti in ogni caso”

Fonte: Tuttonapoli

Body Funk Festival rimandato al 6 settembre

A causa del perdurare dello stato di emergenza e alla luce delle ultime disposizioni governative, si informa che il BODY FUNK FESTIVAL è posticipato dal 7 Giugno al 6 Settembre. Speriamo con tutto il cuore che il nostro paese ed il mondo, con il contributo di tutti, usciranno ben prima da questo incubo e il 6 Settembre Body Funk diventerà soprattutto la celebrazione del ritorno alla vita di ognuno. In aggiunta alla line up del festival confermata composta da Joey Negro, Moplen, Mb Edit, De Gama b2b Les Inferno, Massimiliano Troiani, Davide Ferrario, Edem & Govan, Stefano Fusco, Alfeo, Dj Adam, Liza Dj, Laura Ross, Mattia Pesce, Nourshems, Neki, Fdm, Everaldo, Andy vengono annunciati altri due super artisti come Michela Cini e Luigi Fioravante che al Body Funk Festival porteranno il loro set solo vinile fatto di sonorità funk, house e soul. Qualche informazione pratica: Il festival è ad ingresso gratuito quindi non ci sono biglietti da rimborsare. I servizi a valore aggiunto acquistati (corsi di yoga, children world, body funk rambla beach pass, platinum day, etc) sono validi per la nuova data. In caso di impossibilità a partecipare saranno prontamente rimborsati. I Platinum Pass acquistati fino ad oggi, per i quali non verrà richiesto il rimborso, e quelli acquistati a partire da domani avranno diritto ad un secret dj set con aperitivo (solo per 70 persone) in programma il 5 settembre dalle 18.00 alle 22.00 in una location unica a sorpresa che verrà comunicata in seguito. Per acquisti: www.bodyfunk.it Per ogni info: bodyfunk@musicexperience.eu

Ministro Azzolina: “A scuola si ritornerà solo in sicurezza”

«Si tornerà a scuola se e quando le condizioni lo consentiranno, sulla base di quanto stabilito dalle autorità sanitarie».

Lo ha ribadito ieri la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina durante una informativa in Senato, anticipando anche che per quanto riguarda l’esame di maturità proporrà membri della commissione interni e il solo presidente esterno.

Fonte: IlMattino

Coronavirus a Napoli: altri 10 positivi nel capoluogo campano

È salito di 10 unità, rispetto alla giornata di ieri, il dato dei positivi al coronavirus nella città di Napoli dall’inizio dell’emergenza, mentre sale a 17 (ieri erano 16) il numero dei deceduti. È quanto si legge nel resoconto giornaliero per la città di Napoli fornito dal Comune sulla base dei dati della Asl Napoli 1 Centro e aggiornato alle 12 di ieri, giovedì 26 marzo.

Fonte:IlMattino