Archivio Categoria: News

Eventi nel Cilento: la sagra del fico bianco dal 29 agosto al 1 settembre

Ficoscia 2019, Orria (SA), dal 29 agosto al 01 settembre 2019, la sagra dedicata ad un prodotto tipico molto apprezzato del Cilento: Il Fico Bianco. Le ultime sagre dell’estate cilentana sono alle porte. Accanto alle più longeve e conosciute dell’intero territorio, da qualche anno compare anche una festa tutta dedicata ad un prodotto tipico e molto apprezzato del Cilento: IL FICO BIANCO.

MENU a base di Fico Bianco del Cilento.

I fichi bianchi da sempre hanno fatto parte della dieta dei Cilentani. Uno spuntino salutare, goloso e ricco di valore nutritivo.
Sono frutti deliziosi, dolci e ricchi di vitamine oltre che di ferro e di potassio. Sono inoltre un toccasana per il nostro intestino, favoriscono l’assimilazione dei cibi e hanno proprietà antinfiammatorie e antiossidanti.
D’estate regalano un gusto inconfondibile a un grande numero di piatti, dolci ma non solo.
Provare per credere!

Fonte: calendarioeventinelcilento.it

Il 25 agosto serata in memoria di Fabrizio Frizzi

Mancano pochi giorni alla serata solidale “CIAO FABRI” dedicata a Fabrizio Frizzi, una grande festa, con tanti ospiti e artisti del mondo dello spettacolo e dello sport che si svolgerà domenica 25 agosto nella suggestiva cornice dell’Arena della Versilia di Cinquale e il cui ricavato sarà devoluto alla “Fondazione Piemontese per la Ricerca sul cancro Onlus di Candiolo”.

Ad aprire la serata, alle 19.30, tre giovani artisti che si esibiranno sul palco prima dell’inizio dello spettacolo fissato alle 21.00: Giulia Mutti, tra i finalisti di Sanremo Giovani 2019, Maria, nome d’arte della cantante Valentina Egrotelli, Zic, alias Lorenzo Ciolini, giovane cantautore uscito da Amici ‘17 e il chitarrista e cantautore Matteo Gravante.

Prenderanno parte alla serata condotta da Paolo Belli (accompagnato dalla Big Band) e Daniele Battaglia: Paolo Vallesi e Band, Samanta Togni e Samuel Peron, Andrea Mingardi, Federico Moccia, Roberto Ciufoli, Marco Marzocca, Stefano Sarcinelli, Gianni Ippoliti, Sandro Giacobbe, Cecile e Alys.

Nel corso della serata verranno inoltre consegnati i Premi Fabrizio Frizzi per cinque diverse categorie, che riassumono le grandi passioni di Fabrizio. Questi i vincitori designati dalla Giuria presieduta dallo storico direttore di Rai1, Mario Maffucci:

GIANCARLO ANTOGNONI per lo Sport

VALERIA SOLARINO per il Cinema

FRANCO DI MARE per la TV

MIRKOEILCANE per la Musica

EDY ANGELILLO per il Teatro

Un premio speciale “Per la Simpatia e per la Comicità” è stato assegnato a MASSIMO BOLDI, ospite d’eccezione della serata.

Simone Barazzotto, ideatore della serata, molto emozionato racconta: «Regaleremo al pubblico una serata indimenticabile di musica e spettacolo. Mi auguro che questo possa diventare un appuntamento annuale, perché Fabrizio amava divertirsi e far del bene. Un ringraziamento particolare va a Fabio Frizzi, per avermi fin da subito supportato in questa iniziativa. Ringrazio inoltre Gianluca Pecchini della Nazionale Cantanti insieme a tutto il suo staff, Igor Cino di Ballandi Multimedia, Daniele Mignardi, e Desirée Corradetti della sua struttura di Comunicazione, che hanno, insieme a me, sacrificato parte delle loro vacanze per costruire questa bella e importante serata».

Si ringraziano inoltre per la preziosa collaborazione l’agenzia di comunicazione EDEMPG e gli Sponsor dell’evento Salumificio Fratelli BerettaKienzleTerre Alte VillarboitBrotini Auto, GivovaBevande Futuriste e Beach Club Cinquale. La radio ufficiale dell’evento sarà Radio Nostalgia.

I biglietti sono disponibili in prevendita sul portale Vivaticket.it e presso le seguenti biglietterie:

Arena della Versilia tutti i giorni dalle 10 alle 20

Number One dischi – via Duca d’Aosta Forte dei Marmi

Viaggi di Mare – p.za Pellerano Marina di Massa

Info Green Point – viale IV Novembre Cinquale

Amazzonia brucia: l’Europa si preoccupa e vuole correre ai ripari

La Commissione europea è “seriamente preoccupata” per gli incendi in corso in Amazzonia, “appoggia l’iniziativa del presidente francese Emmanuel Macron di discutere” dell’emergenza “al prossimo meeting del G7” ed “è in contatto con le autorità brasiliane e boliviane, pronta a fornire assistenza”. Lo ha detto la portavoce dell’Esecutivo Ue Mina Andreeva ai giornalisti che chiedevano della posizione dell’Ue.

L’Amazzonia bruciata dagli incendi rappresenta una priorità, “una situazione di grave emergenza” che deve essere discussa al G7. Lo afferma la cancelliera tedesca Angela Merkel rilanciando la proposta del presidente francese Emmanuel Macron che aveva scatenato l’ira del capo di Stato brasiliano Jair Bolsonaro.

Su twitter il presidente francese aveva lanciato l’allarme sulla “crisi internazionale” che rappresentano gli incendi forestali in Brasile, reclamando al G7 di iscrivere la questione all’agenda del suo vertice, ma il suo collega brasiliano lo ha accusato di cedere al “sensazionalismo” per “interessi politici personali”, dimostrando inoltre una “mentalità colonialista”.

Bolsonaro ha ammesso che i proprietari agricoli potrebbero essere responsabili dell’ondata di incendi forestali nel paese – con un aumento dell’82% da gennaio al 18 agosto scorso, rispetto allo stesso periodo del 2018 – ma è tornato a dire che “i sospetti principali” muovono verso le ong ambientaliste, anche se non esistono prove che dimostrino la loro colpevolezza. Interrogato dai cronisti sulle sue insinuazioni riguardo alle ong – definite “irresponsabili” e “assurde” da dirigenti ambientalisti – e la possibilità che siano i proprietari rurali che appiccano i roghi, Bolsonaro ha detto che “certo, possono essere stati i ‘fazendeiros’, tutti sono sospettati”, ma ha aggiunto subito che “i sospetti principali puntano verso le ong”.

“Persino qui, nel mezzo dell’Oceano Atlantico, ho sentito del record di incendi devastanti in Amazzonia. I miei pensieri sono con le persone colpite. La nostra guerra contro la natura deve finire”. E’ il tweet dell’attivista ambientalista svedese Greta Thunberg che sta compiendo un viaggio in barca a vela a New York per il summit dell’Onu.

L’Istituto brasiliano per l’ambiente (Ibama) ha lanciato un concorso per ingaggiare un’azienda privata che si occupi del monitoraggio della deforestazione in Amazzonia, dopo le polemiche sui dati diffusi dall’Istituto nazionale delle ricerche spaziali (Inpe), che hanno portato all’allontanamento del suo direttore, Ricardo Galvao.

“A causa della deforestazione, la foresta amazzonica nel territorio brasiliano sta perdendo una superficie equivalente a oltre tre campi da calcio al minuto e siamo sempre più vicini a un punto di non ritorno per quello che, non solo è il più grande serbatoio di biodiversità del Pianeta, ma rappresenta uno dei pilastri degli equilibri climatici”, è l’allarme del WWF.

“Il saccheggio dell’Amazzonia e delle sue straordinarie risorse – afferma Isabella Pratesi, responsabile di Conservazione del WWF Italia – è accompagnato da un drammatico aumento delle violenze verso le popolazioni indigene che vivono in quei territori. Cacciate dalle loro foreste, assassinate e torturate per il commercio di legna, miniere d’ oro, pascoli o coltivazioni, le tribù amazzoniche sono le prime vittime di un efferato crimine contro l’umanità e il pianeta rispetto al quale i nostri occhi e le nostre orecchie rimangono sigillati”.

Il fumo prodotto dagli incendi che stanno devastando l’Amazzonia in questi giorni può essere visto persino dallo spazio: a catturarne le immagini, il 20 e 21 agosto, sono stati il satellite Sentinel 3, del programma europeo Copernicus dell’Agenzia spaziale europea (Esa), e quello della Nasa, Suomi National Polar-orbiting Partnership. La foto di Suomi Npp mostra il fumo e gli incendi che si estendono per diversi stati brasiliani, tra cui quelli di Amazonas, Mato Grosso, e Rondonia. “Non è inusuale vedere incendi in Brasile in questo momento dell’anno – scrive la Nasa sul suo sito – per via delle alte temperature e della poca umidità. Il tempo ci dirà se quest’anno si è segnato un nuovo record o si è entro i normali limiti”.

 

 

 

 

Fonte: Ansa

Il calcio è sempre più Pink: nasce la Fortitudo Nocerina

Passione per il calcio e amore per la propria città sono le basi del progetto sociale che hanno portato alla nascita di “FORTITUDO NOCERINA CALCIO FEMMINILE”. Una nuova realtà calcistica femminile nell’Agro nocerino-sarnese, un’associazione che mira a creare un solido binomio tra il calcio e il sociale.

Un’idea nata da tre amiche che, con grinta e con determinazione, hanno deciso di dare un input ad un importante progetto relativo allo sviluppo del calcio femminile sul territorio.

La nuova associazione è la costola dello Sporting Girls del presidente Peppe Citarella. Peppe Citarella soddisfatto del lavoro svolto, dopo 7 anni lascia il suo posto, fiero di aver lasciato in eredità a un gruppo di ragazze che ama il calcio tanti insegnamenti e soprattutto di aver creato nello spogliatoio una seconda famiglia.

<<L’idea di dar vita ad un progetto tutto al femminile nasce dal confronto con Tonia e Maria ed è figlia naturale di un volere di Peppe di prendersi una pausa per potersi dedicare solo alla gestione di campi sportivi. Ci siamo sedute sul divano di casa mia e abbiamo capito che la squadra, le ragazze, la passione per il calcio era troppo forte, troppo coinvolgente, per buttare tutto a causa di dissapori tra lo Sporting Girls e il comune proprietario della struttura in gestione della società – ha dichiarato la neopresidente Anna Rosa Citarella – ne abbiamo parlato con Peppe e l’idea di passare il testimone gli è piaciuta. Ecco perché per noi resterà il patron della nascente società. Il progetto resta quello di far sviluppare il calcio femminile nell’Agro nocerino-sarnese, nel solito di una vera inclusione, perché il calcio non è una questione di genere>>

Il nuovo assetto societario sarà tutto in rosa e sarà costituito dalla presidente, la Dottoressa Anna Rosa Citarella, dalla vice presidente e dal direttore sportivo Tonia Afflitto e dalla segretaria Maria Perna. Lo staff tecnico sarà costituito da noti professionisti locali, vicini allo sport e al sociale come il mister Vincenzo Ferrentino, il Dottor Giovanni Attanasio, in qualità di medico sociale, dalla nutrizionista la Dott.ssa Rosaria Bisogno, dalla psicologa Clelia Bisogno e dallo osteopata Salvatore Cascone.

Da oggi temporali al Nord e centro Italia

I temporali che stanno interessando il Nord Italia colpiranno da giovedì anche il Centro. Ne beneficeranno le temperature, che dopo il caldo africano di questi ultimi giorni si riporteranno su valori più vicini alla media del periodo, anche al Sud. Secondo le previsioni di Francesco Nucera, meteorologo di 3bmeteo.com, l’anticiclone africano e la conseguente nuova ondata di caldo al Centrosud tenderà ad attenuarsi nel corso dei prossimi giorni quando farà ingresso sul Mediterraneo un impulso di aria relativamente più fresca dall’Atlantico.

“Le attuali possibilità di rovesci e temporali che interessano il Nord Italia – sottolinea – andranno estendendosi anche alle altre regioni peninsulari. Non si tratterà dunque di un peggioramento organizzato tipico di perturbazioni ma solo di un moderato aumento della instabilità, specie al pomeriggio e in particolare su Nord Ovest, Alpi, prealpi e rilievi appenninici”.

Tra giovedì e domenica sono possibili temporali localmente anche di forte intensità su Alpi, prealpi, Appennino centro meridionale e Toscana, specie durante le ore pomeridiane e serali quando maggiore sarà il riscaldamento diurno. Una spiccata variabilità, secondo Nucera, si avrà anche Pianura Padana con qualche fenomeno.

Più soleggiato ed asciutto altrove, mentre le temperature caleranno di qualche grado. L’aumento della instabilità riguarderà un po’ tutta la Penisola, precisa il meteorologo, e determinerà un calo delle temperature mediamente tra i 2 e i 4 gradi. Sulle regioni centro-meridionali, in particolare, il caldo dunque si attenuerà portandosi su valori più consoni alla terza decade di agosto.

 

 

 

 

Fonte: Ansa

Esclusiva-Anna Brancati: “Cinema, che passione. Violenza sulle donne ? Problema sociale da affrontare seriamente”

Dallo studio personale  alla recitazione il passo è stato veloce e forse inaspettato: ci racconti le tue emozioni nel vivere quotidianamente dietro le quinte di Gomorra ?

Faccio chiarezza. In realtà non ho studiato per fare l’attrice.Ho frequentato la facoltà di Costume e Moda all’Università di Urbino.Volevo fare la costumista.Eravamo tantissimi studenti provenienti da ogni parte d’Italia ed io,dopo l’esame di ammissione ero tra i primi undici…non potevo che essere orgogliosa. Ho studiato la storia della moda e del costume con la grande Benedetta Barzini cominciando a entrare nel mondo del teatro e del Cinema da dietro le quinte,cercando piano piano di comprendere una storia,le richieste di un regista e poi le caratteristiche fisiche e psicologiche di un attore. E sì,diciannove anni fa mi preparavo,a mia stessa insaputa,a diventare un’attrice. Nel 2014 ho scelto di fare un provino,un po’ per gioco e un po’ per paradosso. Ero a capo di un’associazione culturale contro le armi e mi sono presentata al casting per Gomorra la serie. Ho preparato due call back per “Patrizia” e poi la scelta della Comencini è caduta sulla proprietaria di una boutique di moda dove si vestiva “Chanel”. Calcare il set della serie tv più vista al mondo accanto alle due protagoniste femminili mi ha riempita di emozioni e ho fatto tesoro della loro padronanza. Ricordo che proprio per la scena con la grande Donadio ci fu un fuori copione tanto fossimo entrate in sintonia.

Ed è stato proprio con Dell’Anna,invece,che ho imparato che dopo il “ciak”,quando il regista dice “motore” vuol dire che devi iniziare a muoverti.Per quanto riguarda il mio personaggio l’ho amato subito:prove costumi con tantissimi abiti e infiniti accessori,per ogni outfit collane,anelli,bracciali e persino un baciamano. Per la ricostruzione delle unghie sono state eseguite due giornate di lavoro. La Comencini prima le vedeva troppo squadrate,poi troppo appuntite e infine ha fatto dipingere un po’ di fiorellini su bordi liberi. Stessa cosa per quelle dei piedi. alla fine è normale che sia la serie Sky più venduta al mondo!

Hai lavorato con Stefano Incerti, regista che nel lontano 1995 vinse il David di Donatello per il film “Il Verificatore”: cosa ti ha insegnato durante le scene del film La Parrucchiera ? 

“Sicuramente il maestro Incerti con LA PARRUCCHIERA ha fatto recitare i suoi attori in un fotoromanzo iper femminile e lavorare su questo set mi ha insegnato quanto colori,carne,femminilità e la tanta musica siano l’altra faccia di Napoli rispetto al ritratto di Gomorra. In qualche modo La parrucchiera mi ha dato la possibilità di recitare con tanti elementi diversi…dall’Almodovar alla Pappi Corsicato, al recupero della sceneggiata e alla comicità. Però devo dire una cosa. Giravamo al lanificio 25 a Napoli e appena ho finito la mia scena sono scoppiata a piangere a singhiozzi. Gli operatori erano increduli. Mi ero emozionata ma soprattutto era la prima volta che avevo un ruolo così forte (la prostituta) in una mise molto,molto scollata e assai volgare,direi. Ero inibita,molto. Ho faticato non poco. Da allora in poi ho superato un po’ la mia timidezza che,vi giuro, possiedo. Ecco cosa mi ha insegnato”

Noi di PinkLifeMagazine, abbiamo a cuore un tema sociale molto scottante e cioè la violenza sulle donne. Come pensi si possa debellare questo problema nella nostra società ?

“Ci sono mariti ed ex mariti che non danno sempre i soldi per i figli.Credo che l’abuso economico sia una forma subdola di violenza ed è un modo di prevaricare. Io ne so qualcosa. Dovrebbe essere correttamente riconosciuta e perseguibile. Ma non basta. L’importante sarebbe poi non lasciare le donne sole,creare una rete che le possa seguire e supportare dopo la denuncia e che garantisca loro tutto il sostegno necessario soprattutto se ci sono figli minori.C’è ancora tanto da fare,ma parlarne,confrontarsi, denunciare,è sempre un buon inizio. Certo sarebbe meglio se alle denunce seguissero pene più celeri altrimenti le donne vengono scoraggiate e dalla violenza economica a quella psicologica il passo è brevissimo”

Cosa farà da grande Anna Brancati ? 

“Una volta qualcuno disse ”Le persone più interessanti che conosco sono quelle che a quarant’anni ancora non sanno cosa faranno da grandi”. A volte mi sento in colpa ma davvero non credo di saperlo con certezza. Ho fatto l’attrice pensando di fare la costumista,ho recitato in Gomorra battendomi contro le armi, forse non ho un unico scopo nella mia vita,ma quando mi dedico ad un’attività, che sia un nuovo lavoro o una nuova passione personale, lo faccio con tutta me stessa,affrontando anche tutti i problemi del caso. Quest’inverno è previsto qualcosa che potrebbe cambiarmi la vita ma non voglio annunciare nulla. Sono scaramantica doc. Per il resto vorrei dedicarmi sempre di più ai miei affetti. Tutto il mio tempo libero lo vivo con loro e mi godo la vita. Non voglio più aspettare di essere felice anche perché vi confesso che ho una grandissima paura: la vecchiaia”

Massimiliano Alvino

@Riproduzione riservata

Crisi di governo: Conte si dimette e Salvini bacia un crocifisso

Giornata decisiva per la crisi di governo. Il premier Giuseppe Conte in Senatoin un discorso durato 48 minuti, ha affermato che l’azione dell’esecutivo gialloverde si interrompe qui e che al termine del dibattito andrà al Quirinale a dimettersi.

“Rifarei tutto e bacio il crocifisso”, è stata la replica del vice premier, Matteo Salvini, che ha ascoltato il presidente del Consiglio seduto accanto a lui sui banchi del governo per andare poi a replicare dal suo scranno di senatore.

All’ingresso del Senato urla, slogan e pure qualche offesa reciproca tra due capannelli organizzati di fan, uno più sparuto dei leghisti, un altro parecchio più ampio dei Cinque Stelle. A dividere i due gruppi diverse camionette della Polizia.

 

 

 

 

Fonte: IlMattino

Richard Gere non le manda a dire: “Salvini, ascolta i migranti…”

“Se il vostro ministro spendesse del tempo con quelle persone, ascoltasse le loro storie, i loro traumi familiari, cambierebbe la sua visione”. Risponde così Richard Gere in un’intervista al Corriere della Sera, interrogato sulla posizione anti-immigrazione di Matteo Salvini. L’attore americano, salito a bordo dell’Ong Open Arms per dare sostegno ai migranti, critica il leader della Lega:

“Lui fa di un’emergenza umana un caso politico. Ma è cattiva politica. Ho ammirato invece il ministro della Difesa Elisabetta Trenta: lei questo caso non può separarlo dalla sua coscienza”.

La star del cinema non si tira indietro e dichiara di voler incontrare Matteo Salvini:

“Sono sicuro che non è come si presenta in pubblico. Avrà una famiglia, figli, genitori. Vede la politica come un pretesto per aumentare il consenso. La vita può essere semplice, se sei onesto e parli con il cuore”.

Gere mette a confronto le politiche migratore del suo Paese, gli Stati Uniti, e l’Italia:

“Il mondo ha gli stessi problemi. Noi abbiamo rifugiati da molti Paesi dell’America centrale. Il ministro dell’Interno ha la stessa mentalità del presidente Trump. Infatti io Salvini lo chiamo Baby Trump. Usa la stessa ignoranza in senso radicale, fanno leva su paura e odio. Dobbiamo fermare Trump”.

 

Fonte: Huffington Post

Blatt (Allentatore Basket Olympiacos): “Ho la sclerosi multipla, non mi lamento”

“Sono malato, ho la sclerosi multipla”. David Blatt, allenatore di pallacanestro dell’Olympiacos, ha affidato il suo annuncio al sito ufficiale del club del Pireo.

A volte la vita ti getta addosso cose a cui non riesci a dare una spiegazione, che non hanno logica. In quei momenti capisci di dover fare delle scelte che mettono alla prova il tuo carattere”, scrive il coach 60enne, che in carriera ha guidato anche la Benetton Treviso.

 

 

 

 

 

Fonte: Huffington Post