La Fondazione Melanoma Onlus per la campagna di prevenzione nel Cilento

Se l’obiettivo era di salvare la pelle, la campagna di prevenzione promossa nel Cilento dal Pascale, insieme con la Fondazione Melanoma Onlus e da Cittadinanzattiva, l’ha salvata ad almeno una quindicina di persone. Delle duecentottanta visite effettuate gratuitamente, da venerdì a domenica nelle piazze di Battipaglia, Agropoli e Capaccio-Paestum, sono stati individuati quattro sospetti melanomi, 14 carcinomi basocellulari, 10 nevi atipici. Ai pazienti con sospette neoplasie è stato già avviato l’iter per le procedure di asportazione i nevi e i basaliomi presso l’Istituto dei tumori di Napoli.
Obiettivo raggiunto, dunque. L’iniziativa <Salviamoci la pelle> ha riscosso un enorme successo. Le visite sono state effettuate a bordo di un tir, guidato dagli stessi dermatologi, Marco Palla e Luigi Scarpato, coordinati dal loro capo, il prof Paolo Ascierto. Un’iniziativa che si ripeterà di nuovo tra due settimane quando il tir approderà a Cicerale, Vallo della Lucania e Palinuro e segue la due giorni di giugno a piazza del Gesù, a Napoli.  
<Anche se a disposizione ci sono nuovi farmaci nella cura del melanoma – dice Paolo Ascierto – la prevenzione rappresenta sempre l’arma più importante ed efficace per questo tumore che ogni anno miete 14mila nuovi casi e che resta il terzo per mortalità. Eventi come questi sono di fondamentale importanza>.
Un’iniziativa condivisa dall’associazione Cittadinanzattiva che ha inaugurato una serie di collaborazioni con il Pascale proprio partendo dalla prevenzione sulle spiagge del Cilento. Collaborazione che continuerà nei prossimi mesi.
<Per fare prevenzione – dicono il segretario generale e quello regionale di Cittadinanzattiva, Antonio Gaudioso e Lorenzo Latella – occorre soprattutto partire dalla informazione dei cittadini ed è su questo che stiamo lavorando come Cittadinanzattiva che ha trovato nell’Istituto Pascale un alleato straordinario. E’ importante partire dal Cilento, terra bellissima ma spesso abbandonata anche dal punto di vista sanitario. Per questo abbiamo chiesto che il camper possa fare tappa anche nelle zone dell’entroterra cilentano, altrettanto visitate in questo periodo estivo, e ci auguriamo che questo possa avvenire nelle prossime settimane>.
Per il direttore generale del Pascale si tratta di un <iniziativa sicuramente da replicare. Saremo pronti per l autunno con un programma che toccherà l’ intera regione>. Soddisfatto il direttore scientifico, Gerardo Botti: <Se il buongiorno si vede dal mattino, – dice – non ci resta che continuare ad operare in questo senso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *