Premio Pasquale Squitieri il 27 novembre

E’ stata presentata a Roma mercoledì 11 marzo, giorno in cui si commemora il terzo anniversario della scomparsa di Pasquale,  la prima edizione del premio dedicato al Maestro alla quale è stato imposto il nome de “Il piacere della libertà  “che si terrà il 27 novembre, giorno in cui si celebra anche la nascita del maestro con una serata ricca di spettacolo, grandi artisti e grandi contenuti.

Il Premio verrà assegnato ai   migliori   lungometraggi   e   cortometraggi   del cinema   italiano.   Queste   le   categorie:

Miglior Film edito, Miglior regista film edito, Miglior Opera Prima edita, Miglior Docu-Fiction, Miglior corto Inedito, Miglior regista corto inedito.

Una   rosa   di   dieci   opere   per   ogni categoria sarà proposta e votata da una giuria di grandi nomi del mondo dello spettacolo come  Simona Izzo, Barbara, Alberti e Pippo Baudo.

L’appuntamento è ideato da Ottavia Fusco Squitieri  e promosso da Salvo d’Ortona.

CHI ERA PASQUALE SQUITIERI –

Difficile definire un uomo dallo spirito libero e impetuoso come il grande regista, nato a Napoli il 27 novembre del 1938 nel popolare Rione Sanità. La sua vita e per osmosi il suo cinema sono un manifesto di anticonformismo e di libertà di pensiero.

Un uomo che non ha mai avuto paura di cambiare e affermare la propria identità con forza e passione, insofferente ad ogni etichetta, trovando una contiguità, rara nell’arte, tra la vita vissuta e le sue opere. Così il suo cinema è difficile da definire  sempre  volto  a cogliere  le  incongruenze  della  società,  trattando  argomenti  controversi  e scomodi,  portando sullo schermo una cifra stilistica, tanto con il suo cinema storico quanto con quello di attualità, lirica e appassionata, figlia della scuola del suo amato e citato padrino cinematografico Sergio Leone, quanto lo sguardo antropologico di un documentarista nell’osservare il mondo senza filtri o bandiere prestabilite.

Per questo calza a pennello la definizione “Un  uomo diversamente vivo” come nelle parole della sua amata moglie e promotrice di questo premio, Ottavia Fusco: “Il piacere della libertà”… Così, in un famoso articolo, Alberto Moravia definiva una delle più invidiabili caratteristiche umane di Pasquale Squitieri: un grande   spirito   libero,   un   uomo   coraggioso   a   scapito   persino   di   se   stesso,   un intellettuale   imprevedibile   e   capace   di opinioni   sempre   originali   e   fuori   da   qualsiasi   schema.   Un   uomo   senza   etichette   e   per   questo   etichettato   dai   nemici

(tanti) e amato dagli amici. Tantissimo.  Ho pensato di creare questo Premio per ricordarlo, o meglio, perché non venga dimenticato.  Un  caro  amico   mi  ha  suggerito  una  definizione   per  Pasquale,  adesso   che  non   c’è  più  :  il   “diversamente vivo” . Definizione che condivido e che faccio mia con tutta l’anima “

Fonte: profumodelladolcevita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *