De Magistris spara a zero su Salvini dopo il ferimento della piccola Noemi

«Salvini ha reso il Paese più insicuro e più violento. Aumentano i reati a sfondo razziale; crescono le violenze su bambini e donne; si rafforza l’odio sociale e il sentimento del rancore; si consolida il pericolo del terrorismo per le politiche di odio nei confronti dei popoli islamici; aumentano corruzioni e collusioni, con indagini anche verso esponenti dello stesso governo. Un ministro quasi mai presente al Viminale, sui social in genere o mangia o spara cazzate». Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris non rilasciava dichiarazioni politiche da venerdì in segno di solidarietà con la famiglia della bimba ferita nell’agguato di piazza Nazionale; stamani ha pubblicato un lungo post su Facebook dedicato ai temi della sicurezza. «Quando si spara davanti a una scuola di periferia o dinanzi a un bar in una piazza zeppa di gente in pieno giorno, la città e il sindaco hanno il diritto/dovere di interrogare lo Stato. La domanda ricorrente che mi rivolgono i cittadini da mesi e mesi è la sicurezza, funzione di competenza dello Stato». Stato che il sindaco ritiene «distante, finanche ostile in termini di risorse economiche per la città di Napoli: questo significa anche poche risorse per servizi strategici per realizzare quelle reti sociali necessarie per togliere terreno fertile al crimine». Per de Magistris l’attuale ministro degli Interni ha reso il Paese «più insicuro». «Si diffonde l’uso delle armi, anche con l’utilizzo indiscriminato della legittima difesa, il tutto condito dal bullismo istituzionale plasticamente rappresentato dal ministro Salvini con il mitra in mano. Un ministro muscolare con i deboli e molto molle con i forti. Un ministro quasi mai presente al Viminale perché sempre impegnato in campagna elettorale, tra un comizio e l’altro, anche mentre si diffondeva la notizia della bimba napoletana in rianimazione, non esitava a farsi immortalare da un selfie con tanto di sua dichiarazione». «Signor ministro, a proposito di sicurezza, attendiamo ancora le centinaia di donne e uomini delle forze di polizia che si era impegnato in autunno scorso a destinare alla città di Napoli. Magari faccia meno comizi e invii le centinaia di donne e uomini delle forze di polizia che la circondano quando si muove nei territori italiani a garantire la sicurezza degli abitanti del nostro Paese. Intendo poi esprimere la mia gratitudine alle donne e agli uomini delle forze di polizia e della magistratura che a Napoli operano in condizioni certamente complicate e complesse, con elevata professionalità. Gli ultimi arresti della polizia di Stato e dei carabinieri, con riferimento all’omicidio avvenuto dinanzi la scuola, dimostrano elevata capacità investigativa», sottolinea il sindaco di Napoli.

 

 

 

 

Fonte: IlMattino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *