Archivio Categoria: Uncategorized

Cristiano Godano, primo album da solista

CRISTIANO GODANO, frontman dei Marlene Kuntz, band che ha segnato la storia della musica italiana in 30 anni di carriera, ha pubblicato il primo album da solista “Mi ero perso il cuore (Ala Bianca Group / Warner Music) disponibile in CD e doppio Vinile da collezione 180gr.

In queste settimane lo sta presentando in tutta Italia con “DAL CUORE AL CIELO”, una serie di speciali appuntamenti tra musica e parole nei quali non solo racconta “Mi ero perso il cuore” ma anche i trent’anni dei Marlene Kuntz attraverso gli aneddoti raccolti nel suo libro “Nuotando nell’aria. Dietro 35 canzoni dei Marlene Kuntz”, accompagnando le parole con brani suonati dal vivo in un set acustico.

Queste le prossime date:

1 agosto a Guagnano (LE) – Museo del Negroamaro

7 agosto a Monte Peglia – San Venanzio (TR) – Parco dei Sette Frati

10 agosto a Biccari (FG) – Centro storico

13 agosto a Alvito (FR) – Castello di Alvito

22 agosto a Cremona – Porte Aperte Festival

4 settembre a Zafferana Etnea (CT) – Anfiteatro Falcone e Borsellino

8 settembre a Rutigliano (BA) – Borgo Antico

11 settembre a Santarcangelo di Romagna (RN) – Cantiere Poetico

12 settembre a Bagno Vignoni (SI) – I Colori del Libro

13 settembre ad Assisi – Rocca Maggiore

Mi ero perso il cuore” è un disco che racchiude la sua nota anima poetica e la peculiare ricerca linguistica, con testi di una musicalità non comune. Come si usa dire “la mente mente”, e in questo disco racconta di queste menzogne e del loro potere. Questa la tracklistLa mia vincita, Sei sempre qui con me, Ti voglio dire (primo singolo, qui il video: www.youtube.com/watch?v=TZ1ZbkolkSI), Com’è possibile(singolo attualmente in radio, qui il video https://youtu.be/hj3isQuKnno), Lamento del depresso, Ciò che sarò io, Ho bisogno di te, Dietro le parole, Padre e figlio, Figlio e padre, Panico, Nella natura, Ma il cuore batte.

La versione in vinile contiene la bonus track Per sempre mi avrai.

Baglioni ricorda Ennio Morricone

Riportiamo il pensiero di Claudio Baglioni che ricorda il maestro Ennio Morricone scomparso ieri a 91 anni:

Ennio caro
quanti regali di musica e poesia ci hai fatto.
La tua arte magnifica, potente e sensibile è unica e resta per sempre con noi.
Mancherai al bene di tantissimi e al mio.
Io che ho avuto l’onore e il privilegio di conoscerti e lavorare con te,
ti mando un saluto e mi firmo come ti piaceva chiamarmi
Audio Bagliori

Tiziano Ferro, negli stadi dal 6 giugno 2021

Il tour di Tiziano Ferro partirà ufficialmente il 6 giugno 2021 dallo Stadio G. Teghil di Lignano Sabbiadoro, per poi fare tappa nello stesso mese il 9 allo Stadio Artemio Franchi a Firenze, il 12 allo Stadio Braglia di Modena, il 15, 18 e 19 giugno allo Stadio San Siro di Milano con tre concerti, il 22 allo Stadio Olimpico di Torino, il 26 allo Stadio San Paolo di Napoli e il 29 allo Stadio San Nicola di Bari. Il “TZN Tour” proseguirà poi a luglio, il 6 allo Stadio Del Conero di Ancona, il 9 e il 10 con due show consecutivi allo Stadio Olimpico di Roma, il 14 allo Stadio Euganeo di Padova e il 18 a Cagliari Fiera. Live Nation Italia comunica che i biglietti precedentemente acquistati rimarranno validi per le rispettive nuove date.
    Per quanto riguarda i due show a ROMA previsti il 9 e 10 luglio 2021, a causa di una modifica nella configurazione del concerto che prevede il palco posizionato in curva Sud dello Stadio Olimpico, i seguenti settori verranno così modificati: • Per i biglietti venduti nel settore DISTINTI SUD OVEST – verrà riassegnato agli spettatori un posto nella sezione DISTINTI NORD EST.
    • Per i biglietti venduti in CURVA SUD – verrà assegnato un posto nel settore CURVA NORD In entrambi i casi non occorre la sostituzione del biglietto e il nuovo posto sarà comunicato ai possessori del biglietto al momento dell’ingresso nello stadio, il giorno del concerto.
    ”Per quanto riguarda la data di MESSINA, originariamente prevista il 27 giugno 2020, stiamo valutando i problemi relativi allo Stadio per poterla riprogrammare quanto prima. Ciò che possiamo confermare ad oggi è che il tour toccherà la Sicilia nel mese di Luglio 2021, sarà nostra premura comunicare gli aggiornamenti con tempestività non appena ce ne saranno.
    Ringraziamo per la pazienza tutti gli acquirenti del concerto allo stadio San Filippo a cui presto daremo tutte le indicazioni relative al biglietto in loro possesso”. Maggiori informazioni sul Tour 2021 sono disponibili alla pagina: https://www.lntvglobal.com/it/article/ferro-tour-2021/ 

Fonte Ansa

Biagio Botti: disponibile in ditigal download il brano “Lì”

È disponibile sulle piattaforme streaming e in digital download ”, il nuovo singolo del cantautore BIAGIO BOTTI estratto dal suo ultimo album STORIE, SOGNI E CONVERSIONI”.

” è un brano con il quale Biagio Botti prova a descrivere le difficoltà che spesso si incontrano quando ci si trova a vivere una relazione all’interno della quale convivono aspettative e progetti di vita differenti, che inevitabilmente portano ad incomprensioni ed egoismi. 

«È il bisogno di ricevere amore lì dove può arrivare, a generare un grande senso di vuoto. – dichiara Biagio Botti – Ci si sente incompresi e in maniera egoistica e si tende a mettere le proprie esigenze davanti a quelle dell’altro, il che, di fatto, porta ad allontanarsi ogni giorno di più. Nonostante tutto, si ha sempre la paura di lasciarsi perché si crede che questa soluzione rappresenti il male peggiore».

Storie, sogni e conversioni” è un album composto da dieci brani, ovvero una collezione di fotografie intime e veraci attraverso le quali il cantautore di Lecco ha voluto mettere a nudo se stesso, le proprie emozioni e i propri pensieri. Con testi e musiche scritte dallo stesso Biagio Botti, il disco è stato prodotto e arrangiato da Alessandro Arban e mixato e masterizzato da Brian Burgan

Questa la tracklist del disco: “Noi”, “L’anima di Sissi”, “Bye bye bye”, “Lì”, “Quel tremare”, “Lacrime e caffè”, “Piove sempre più”, “Deli” , “Amati Cate”  e “Sei Luce”.

Il cantautore Biagio Botti nasce a Lecco nel 1977. Inizia il suo percorso artistico studiando canto con il Maestro Giuseppe Mazzoleni, a cui affianca lo studio di pianoforte e chitarra. Nel 1999 partecipa alle selezioni del Festival di Castrocaro Terme. Nel 2000, a L’Aquila si classifica al secondo posto nell’ambito della manifestazione “Datecispazio 2000”(sezione professionisti), con la canzone “Quello che c’è“, ricevendo molti apprezzamenti da parte di Vincenzo Incenzo, uno degli autori più rappresentativi del panorama musicale italiano. Nel 2001, con il brano “Questa sera”, prende parte al Girofestival di Terni (trasmesso su Rai 3 e Rai International in collaborazione con Radio 101). L’anno seguente partecipa alla seconda edizione di Saranno Famosi, arrivando alle selezioni finali in diretta su Canale 5. Nel 2008 realizza cinque brani in collaborazione con Max Marcolini, arrangiatore e musicista di artisti come Zucchero, Irene Fornaciari, Alexia e tanti altri. Nel 2014 è impegnato in un’opera di volontariato per sostenere i ragazzi disabili de “La Nostra Famiglia” di Mandello del Lario (Lecco). Nel 2015 pubblica “Io con Dio (Grazie)“, un album di ispirazione evangelica interamente auto-prodotto. Nel 2017 partecipa al progetto di “Prison Fellowship” (progetto Sicomoro) cantando per i detenuti del Carcere di Ivrea. Sul tema del perdono, Biagio ha scritto il brano “Tra le mura dell’anima“, ispirandosi all’omonimo libro di Marcella Reni e Carlo Paris. A dicembre 2017 esce su tutti i digital store la compilation Spazio inediti Vol.3” (edito da VSG Edizioni Musicali), contenente i brani “Troppi ostacoli” e “Sheryl“, di cui Biagio è interprete e autore di testi e musiche. Nel 2018 pubblica due EP, “Sheryl” e “Biagio Botti & i Ragazzi Belli“. Nel 2019 esce l’EP “Biagio Botti”.

www.biagiobotti.it/

www.facebook.com/biagiobotticantautore/

www.instagram.com/biagiobotti/

wwww.youtube.com/user/biagio590

Tre chef di fama mondiale cucinano per le mense sociali di Napoli

In un periodo molto delicato come quello che stiamo vivendo i gesti di solidarietà risultano ancora più importanti. Gli italiani tutti – imprenditori, genitori, ragazzi, personale medico, etc. – stanno facendo uno sforzo immane per fronteggiare l’emergenza e gettare le basi per un nuovo inizio.
In questi mesi non sono mancate iniziative di solidarietà finalizzate a sostenere i soggetti meno fortunati. A tal proposito si stanno mobilitando personaggi famosi, imprenditori e chef stellati. A Napoli l’associazione “Tra Cielo e Mare”, presieduta da Alfonsina Longobardi, ha coinvolto tre chef stellati, due dinamici personaggi molto popolari e importanti imprenditori nel campo del food in un tour che li porterà a cucinare nelle mense animate da anni da realtà parrocchiali che si impegnano a dar da mangiare a persone meno abbienti. Cosi gli chef Crescenzo ScottiDomenico Iavarone e Michele De Leo cucineranno un menù stellato a sei mani, utilizzando prodotti del territorio forniti dalle aziende partner dell’iniziativa, che sarà servito domani 21 maggio e nei giorni 25 e 28 maggio nelle mense sociali di Torre del Greco, Napoli e Pompei. Francesco Albanese – attore e regista, una delle colonne portanti del programma “Made in Sud” – e Ciro Torlo – modello e attore, ex Mister Italia – interverranno in tali occasioni per salutare i presenti.
Alfonsina Longobardi ha deciso così di convogliare gli sforzi che l’associazione “Tra Cielo e Mare” avrebbe dovuto profondere per l’organizzazione di “Cenando sotto un cielo diverso”, evento di beneficenza che si sarebbe dovuto tenere nel mese di giugno, per aiutare persone che versano in condizioni precarie.

Dotati di mascherina, guanti e con ogni precauzione sanitaria dettata dall’emergenza per il Covid-19, gli chef prepareranno i pasti per coloro che si siederanno ai tavoli della mensa della parrocchia di S. Antonio di Padova (Torre del Greco), del centro polifunzionale “Binario della Solidarietà” di Napoli e della mensa della “Casa del Pellegrino” di Pompei.

Continua inoltre la collaborazione dell’associazione “Tra Cielo e Mare” con il dott.  Ciro Langella, ricercatore  in ambito medico nel campo della Nutraceutica – ossia del food quale principale arma di prevenzione e salute -, responsabile della divisione scientifica della società “Eye for Innovation”, impegnata nel  rendere funzionali una vasta gamma di prodotti alimentari che risultano così in grado di apportare benefici ai consumatori, migliorandone lo stato di salute. Alcuni di questi alimenti funzionali saranno serviti assieme ai piatti cucinati dagli chef stellati.

Economia: qual è la differenza tra Coronabond e Mes ?

Dalla Bce arriva un sostegno ai Coronabond ma l’Europa resta divisa sul dossier. Con Berlino che ribadisce che per sostenere gli Stati in questo momento si debba ricorrere al Mes.

“Abbiamo già preso misure notevoli. Ora la questione è come sostenere il credito e per questo c’è il Mes“, ha ribadito il portavoce del ministero delle Finanze tedesco, Dennis Kolberg, in conferenza stampa a Berlino, rispondendo a chi domandava se il governo tedesco non intenda fare delle aperture e prendere in esame altri strumenti oltre il Mes nel prossimo futuro.

“Al momento ci sono trattative sul modo in cui questo denaro può arrivare dove serve in modo veloce ed efficiente e di questo stiamo parlando con i nostri partner europei, con i ministri delle finanze in modo da poter fare una proposta alla riunione dei capi di Stato e di governo” ha proseguito il portavoce delle Finanze tedesco. Il portavoce della cancelliera Steffen Seibert ha confermato quanto precisato dal collega delle Finanze e ha aggiunto che le proposte saranno rese note alla fine della prossima settimana, ma non ha dato adito ad aperture. Rispetto alla scorsa settimana è aumentata invece la pressione della stampa tedesca su questo argomento: numerose sono state le domande in conferenza stampa sulla disponibilità della Germania di venire incontro agli altri paesi europei.

“Se capovolgiamo la discussione da Mes e Coronabond sugli obiettivi e come finanziarli sono positivo che la strada per trovare un’intesa si può trovare”: dice il commissario Paolo Gentiloni alla trasmissione Circo Massimo. Per Gentiloni la divisione in Ue può “essere superata se partiamo dagli obiettivi comuni che dobbiamo finanziare”. “Sono fiducioso che una via di condivisione si possa trovare e penso che bisogna farlo inevitabilmente in un dialogo con la Germania senza di cui non riusciamo a trovare un compromesso”.

La discussione tra gli Stati Ue “è legittima ma non è adeguata alla fase che viviamo perché non dà soluzioni. Penso che si debba fare tutti gli sforzi perché lo stallo sia superato”, con l’accortezza di non sottovalutare le decisioni che ha preso la Bce: ha detto Gentiloni nella trasmissione radiofonica Circo Massimo. “Credo che bisogna scommettere ancora che alla fine, soprattutto da parte della Germania, si arrivi a una comprensione della nuova situazione”, ha aggiunto.

L’emissione di bond “genericamente per mutualizzare il debito non verrà mai accettata”, quindi bisogna finalizzarla ad una “missione”, che può essere quella di finanziare gli obiettivi comuni come “affrontare l’emergenza sanitaria”, creare “un nuovo strumento di garanzia per la disoccupazione e un piano per il sostegno alle imprese”.

“Il Mes non è la Spectre, è uno strumento condiviso, la discussione è sulle condizionalità”, e si parla di alleggerirle ma “non sono molto ottimista nemmeno su questa, perciò meglio spostare la discussione su quali obiettivi finanziare e poi decidere come”.

Fare da soli non possiamo permettercelo, così come nessuno Paese può. Paesi più forti e più deboli sono accomunati dal fatto che il livello di integrazione ha dato una dimensione delle garanzie ma anche una capacità di export al nostro sistema di imprese che nessuno può permettersi di perdere”: lo ha detto il commissario agli affari economici Paolo Gentiloni nella trasmissione radiofonica Circo Massimo, rispondendo alla domanda se l’Italia possa affrontare da sola la crisi. “Penso che di quello che fa l’Italia dobbiamo essere orgogliosi. Non ci dimentichiamo che siamo stati costretti a fare da apripista non solo in campo sanitario ma economico e che abbiamo preso decisioni poi seguite dalla maggioranza degli Stati occidentali. Abbiamo reagito in modo esemplare”, ha detto Gentiloni.

“Sono a favore dei coronabond.” Lo ha detto il vicepresidente della Bce, Luis de Guindos, alla radio spagnola Cope, sottolineando che “si tratta di una pandemia che avrà ripercussioni su tutti”. Il vicepresidente della Bce ha quindi spiegato che questa crisi, innescata dal coronavirus, “è completamente diversa da quelle del 2008-2009-2010”.

Sicuramente siamo di fronte alla più difficile trattativa che l’Italia abbia mai portato avanti a livello Ue“. Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, intervenendo a Storie italiane su Rai1, spiegando che se Roma alza la voce non è “perché siamo antieuropeisti o per arroganza”: “L’Italia non ha colpa di questa pandemia, e deve poter spendere tutto ciò che è necessario per aiutare il suo popolo”.

Fonte: Ansa

Foto: Ansa

Papa Francesco: “Fermate tutte le guerre”

Il Papa chiede di fermare tutte le guerre in questo tempo di pandemia e creare corridoi per gli aiuti umanitari. Francesco rilancia l’appello del Segretario Generale Onu per un “cessate il fuoco globale e immediato in tutti gli angoli del mondo”. “L’attuale emergenza per il Covid-19 – ha sottolineato il Papa all’Angelus – non conosce frontiere”. Poi ha lanciato un appello per evitare tragedie nelle carceri sovraffollate. “Il mio pensiero va in modo speciale a tutte le persone che patiscono la vulnerabilità per essere costrette a vivere in gruppo” come nel caso delle “case di riposo o caserme”. “In modo speciale vorrei menzionare le persone nelle carceri. Ho letto un appunto ufficiale della Commissione dei diritti umani che parla del problema delle carceri sovraffollate” che con la pandemia del coronavirus “potrebbero diventare una tragedia”. occorre “prendere le misure necessarie per evitare” queste tragedie.

Fonte: Ansa

AL “RESTAQMME” DI SANTA LUCIA, UN PARTY PER IL LIBRO SULLA VITA DEL PRESIDENTE DI CARPISA RAFFAELE CARLINO

Rivivere le magiche atmosfere degli Anni 60 fra un piatto di raffinata cucina (napoletana e non solo) e una romantica e suggestiva discesa al night, tutto nello stesso locale? Da oggi si può, grazie a restaQmme, l’unica trattoria di charme napoletana con sede nel cuore di Santa Lucia a pochi passi dal lungomare partenopeo, alle spalle dei grandi alberghi, da tempo punto di riferimento di una clientela molto selezionata che sceglie questo scrigno del gusto, capitanato da Genny Parlati, proprio perché in questo luogo può trascorrere una serata difficilmente replicabile altrove. Questo luogo del buongusto e del bien vivre ha da qualche giorno aperto, in esclusiva per i propri clienti, uno nuovo spazio dalle atmosfere “Night anni ‘60” nel quale gustare un aperitivo “doc” in attesa della cena o dove completare la serata con un ottimo drink e della buona musica anche live.

E proprio questo nuovo spazio del restaQmme ha ospitato un party con personaggi del mondo dello spettacolo, della cultura e dell’imprenditoria (organizzato in occasione della presentazione del libro “Raffaele Carlino, il presidente” dedicato alla vita imprenditoriale, professionale e familiare del presidente di Carpisa e del Napoli femminile Carpisa Yamamay di calcio), nel quale le parole d’ordine sono state eleganza, charme, esclusività e tranquillità. Tra gli ospiti della serata, oltre naturalmente al presidente Raffaele Carlino, gli imprenditori Lino Ranieri, Carlo Palmieri, Davide Esposito, Anna Sommella e Maria Teresa Ferrari; la protagonista della serie tv “L’Amica geniale” Ludovica Nasti, Davide Devenuto e Angela Bertamino di “Un posto al sole”, le cantautrici Claudia Megre’ e Greta Zuccoli, il produttore cinematografico Eduardo Angelonj, la conduttrice tv Jolanda De Rienzo, Il presidente dell’Ordine giornalisti della Campania Ottavio Lucarelli, Enzo Agliardi e Serena De Simone (autori del libro sulla vita di Carlino) e Lorenzo Crea (organizzatore e moderatore del dibattito di presentazione del volume)  E poi, ancora, fra gli altri, Anna e Antonio Di Criscienzo, Gigi Porcelli, Antonio Pellecchia, Francesca Stendardo.

***

RestaQmme ha sede da circa due anni in via Lucilio, a Santa Lucia, nei locali che hanno ospitato per lungo tempo l’Harry’s bar e la taverna degli amici del “mitico” Tommaso. Il ristorante di Genny Parlati vanta una impeccabile tecnica culinaria, unita al felice incontro di diverse tradizioni gastronomiche, grazie anche alle proposte eclettiche della chef Magdalena Buczynska, classe 1983, che si è formata nella rigorosa scuola alberghiera polacca accumulando nel tempo numerose esperienze in qualità di personal chef sia in Italia che in Polonia, Spagna e nel resto d’Europa lavorando nel settore alberghiero e nella ristorazione fredda.

La sintonia con Parlati è stata immediata e, proprio nella location curata nei minimi dettagli e impreziosita da un arredo confortevole nei toni del tortora e del testa di moro, Magdalena ha trovato l’ambiente ideale per esprimere pienamente il suo talento. La sua cucina – già ricca di ricordi della sua infanzia in Polonia, delle esperienze in Spagna e dei continui confronti con i suoi colleghi di diverse nazionalità – ha trovato nuovi spunti creativi nei grandi classici napoletani ai quali la chef è stata avvicinata proprio da Genny Parlati, che l’ha incoraggiata nella sua ricerca sui maestri di una volta come Cavalcanti e Corrado. E così, nel giro di poco tempo, pur non essendosi mai svegliata da bambina la domenica col profumo del ragù o della genovese della migliore tradizione napoletana, Magdalena è riuscita a riprodurre fedelmente queste e tante altre ricette in tutta la loro ricchezza originaria, alternandole a proposte moderne e sempre perfettamente equilibrate. La creatività della chef non sacrifica mai nulla, tra l’altro, alla ricerca sulle materie prime, tutte sempre selezionate nel pieno rispetto della loro stagionalità e valorizzate con cura.