Archivio Categoria: Medicina

“Un goal per l’IPF”: evento il 13 maggio al centro medico “One” di Amorosi

Lunedì  13 maggio, alle ore 17, presso il centro medico “ONE” di Amorosi (BN) del Prof. Alfonso de Nicola, responsabile dello staff medico della SSC Napoli, avrà luogo l’evento benefico UN GOAL PER L’IPF, organizzato dall’Associazione Pazienti “RespiRARE Campania Onlus”, in partnership con la SSC Napoli, realizzato con il contributo non condizionato di Boehringer Ingelheim. Scopo del convegno è la promozione di campagne di sensibilizzazione e raccolta fondi per il supporto psicologico ed economico a pazienti affetti da Fibrosi Polmonare Idiopatica (IPF), una rara patologia che colpisce i polmoni di cui soffrono 150.000 persone in Italia, 1500 delle quali in Campania. Ad essere colpiti sono soprattutto gli uomini sopra i 60 anni ma la sua diffusione è in aumento perchè è una patologia ancora oggi sottodiagnosticata. L’unica speranza di guarigione è il trapianto dei polmoni che si può però effettuare solo in alcuni casi e in pochi centri in Italia.

Dopo i saluti del Prof. Giuseppe Di Cerbo, Sindaco di Amorosi (BN) e del Prof. Giuseppe Limongelli, Coordinatore Malattie Rare Regione Campania, interverranno il Prof. Alfonso De Nicola, il Prof. Antonio Giordano, Presidente della Fondazione di Ricerca Sbarro Health Research Organization (S.H.R.O.) di Philadelphia; il Prof. Alessandro Sanduzzi Zamparelli, Direttore U.O.C. Pneumotisiologia A.O. Monaldi, centro di eccellenza campano per la diagnosi e la cura della IPF. Un ringraziamento particolare va alla S.S.C. Napoli per aver omaggiato le magliette ufficiali della squadra, destinate alla vendita di beneficenza a favore dell’Associazione “RespiRARE Campania” Onlus.

Saranno invitati anche tutti i Centri Ospedalieri di riferimento della Campania, le Autorità Regionali e le Associazioni RespiRARE Sicilia Puglia, al fine di creare un network più forte e capillare per “dar voce” ai pazienti e per sensibilizzare la popolazione su questa terribile malattia: “Si stima che la prevalenza di questa malattia sia di 30/50 casi ogni 100.000 abitanti- spiega Massimo Montisano, Presidente di RespiRARE Campania Onlus. Il percorso diagnostico è spesso tortuoso con latenza nella diagnosi di oltre 2 anni dalla prima visita medica. Inoltre, la sua complessità, assieme alla prognosi infausta -circa il 25% dei pazienti sopravvive a 4 anni dalla diagnosi- rende indispensabile un percorso diagnostico integrato tra diverse figure specialistiche”. Conoscere la malattia e i suoi sintomi quindi è fondamentale per agevolare una diagnosi precoce e per mettere in atto percorsi riabilitativi efficaci: “Il paziente IPF necessita di un percorso assistenziale completo che lo supporti dal punto di vista psicologico ed economico che prevede spese mediche, concentratori di ossigeno, spese per trasferte e alloggio in città dove è attivo un Centro Trapianti polmone. Per questo il tempismo nella diagnosi, alla luce delle opportunità terapeutiche oggi disponibili può rallentarne lo sviluppo della malattia e allungare le aspettative di vita del paziente, oltre alla qualità. In questa ottica è fondamentale implementare un percorso di “Disease Awareness” e di sensibilizzazione rivolto non solo agli specialisti del settore ma anche alla popolazione”.

TENNIS & FRIENDS – SALUTE E SPORT … SPORT È SALUTE SI CHIUDE CON 50.000 VISITATORI E CIRCA 7.000 CONTROLLI

Successo di pubblico e di visite la seconda edizione di Napoli. Vincono il torneo celebrity Paolo Bonolis – Jimmy Ghione

Napoli, 14 aprile 2019. Si conclude con un bilancio di 50.000 visitatori e circa 7.000 check up realizzati il weekend di prevenzione di Tennis & Friends – Salute e Sport … Sport è Salute, l’unico evento di prevenzione in Italia ad unire salute, sport, solidarietà, spettacolo e sostenibilità.

Vincitori del Torneo Celebrity sono: trofeo Peugeot la coppia Paolo Bonolis – Gimmy Ghione per il primo posto; trofeo Fondazione Ania Francesco Testi – Angelo Mangiante per il secondo posto. Trofeo ENI per il terzo posto alla coppia Flaminia Bolzan – Marco Miraglia ex aequo con la coppia Massimo delli Santi – Giampaolo Imparato. Trofeo TC Napoli come best player in campo Andrea Amicarelli e Alessandro Centonze.

Dal 12 al 14 aprile il Tennis Club Napoli e il Lungomare Via Caracciolo hanno ospitato il Villaggio della salute che ha visto all’opera oltre 200 persone tra medici e personale sanitario, a presidio di 28 aree specialistiche dotate di 50 postazioni. Oltre ad effettuare check up interamente gratuiti, le equipe sanitarie hanno svolto attività di informazione e consulto sulle patologie e sulle tempistiche per effettuare i controlli, al fine di contribuire alla promozione della cultura della prevenzione. Per la prima volta è stato costituito un Comitato Tecnico-Scientifico, composto di personalità illustri in ambito scientifico-sanitario.

Accanto all’area salute, Tennis & Friends ha allestito un Villaggio dello sport per un’estensione complessiva di 1,5 km di lunghezza. Il pubblico ha potuto avvicinarsi alla pratica di nove discipline sportive diverse, grazie all’assistenza di personale e istruttori federali, e assistere alle esibizioni degli atleti.

I Villaggi sono stati inaugurati il sabato con un taglio del nastro alla presenza del Cardinale Crescenzio Sepe Arcivescovo Metropolita di Napoli, il sindaco Luigi De Magistris, il presidente della regione Campania Vincenzo De Luca e il presidente del Tennis Club Napoli Riccardo Villari. Nella stessa giornata ha fatto visita alla manifestazione il questore Antonio De Iesu.

“I numeri e l’entusiasmo di Napoli sono una conferma e un grande stimolo – commenta Giorgio Meneschincheri, direttore medico delle relazioni esterne della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS, specialista in Medicina preventiva e ideatore dell’evento – che conferma la bontà del lavoro fatto ma anche la necessità di proseguire su questa strada e, compatibilmente con la disponibilità dei partner, raggiungere anche altre regioni d’Italia. Ci stiamo lavorando e il risultato di Napoli è un eccellente biglietto da visita per raccogliere l’adesione di altre istituzioni”.

Il successo della manifestazione è stato reso possibile dai tanti partner intervenuti. A cominciare dalle strutture sanitarie: l’Istituto Nazionale Tumori IRCCS – Fondazione G. Pascale, la A.O.R.N. Santobono-Pausilipon e Fondazione Santobono Pausilipon, l’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II, l’Azienda Ospedaliera Universitaria – Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, ASL Napoli 1, Clinica Ruesch Napoli, Clinica Montevergine, GVM Care & Research e Clinica MM. Nel Villaggio della Salute sono stati coinvolti i corpi sanitari della Marina Militare, dell’Aeronautica Militare e della Guardia di Finanza, nonché le associazioni L.I.L.T. Napoli – Lega Italiana Lotta contro i Tumori, ICOM Napoli – International College of Osteopathic Medicine, Donatori Nati ADVPS ONLUS – Associazione Donatori Volontari Polizia di Stato e Croce Rossa Italiana.

La rilevanza sociale dell’evento, che si è svolto nella settimana della Giornata Mondiale della Salute, è stata sottolineata dalla presenza dei tanti partners istituzionali: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero della Salute, Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, Marina Militare, Aeronautica Militare, Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Arma dei Carabinieri, Regione Campania, Comune di Napoli, CONI, Croce Rossa Italiana, Corpo dei Vigili del Fuoco, Fondazione Ania e Protezione Civile – Emergenza e post emergenza della Regione Campania.

Il weekend di Tennis & Friends è stato anticipato venerdì 12 Aprile, dalle 9.30 alle 13.30, da un evento riservato alle scuole, che ha coinvolto 1.500 studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado del Comune di Napoli.

Il Villaggio dello Sport, realizzato in collaborazione con il CONI e le Forze dell’Ordine patrocinanti ha visto la partecipazione di: Federazione Italiana Tennis, che dalla prima edizione di Roma è al fianco dell’evento, la Federazione Italiana Sport Equestri, la Federazione Italiana Rugby, la Federazione Italiana Pallacanestro, la Federazione Italiana Pallavolo, la Federazione Italiana Ciclismo, la Federazione Italiana Canoa e Kayak, la Federazione Italiana Tiro con l’Arco e l’Unione Italiana Tiro a Segno. Eventi dimostrativi e di intrattenimento sono stati offerti anche dai gruppi sportivi di Forze armate e Corpi di Polizia (Fiamme Gialle e Fiamme Oro).

Significativa anche la rappresentanza dell’Universiade Napoli – in programma dal 3 al 14 luglio 2019 – che ha partecipato con un desk posizionato all’interno del Tennis Club Napoli e con personale e materiale promozionale nel Villaggio dello Sport.

Nella giornata di sabato si è svolto anche il torneo di doppio maschile di tennis organizzato dall’USSI Campania e riservato a giornalisti professionisti e pubblicisti. Sedici i giornalisti in tabellone, a contendersi il trofeo di Tennis & Friends, vinto dai fratelli Alessandro Milone de il Roma e Andrea Milone de il Denaro.

Tennis & Friends – Salute e Sport … Sport è Salute tornerà il 18 Maggio agli Internazionali BNL d’Italia; a seguire la 9^ edizione sempre al Foro Italico di Roma, dall’11 al 13 ottobre.

Tennis & Friends ringrazia della loro partecipazione:

il cardinale Crescenzio Sepe arcivescovo metropolita di Napoli, il presidente della regione Vincenzo De Luca, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, il questore Antonio De Iesu, il presidente del Tennis Club Napoli Riccardo Villari, l’assessore allo sport Ciro Borriello, l’assessore alla Scuola e all’Istruzione Anna Maria Palmieri, Paolo Bonolis, Peppino Di Capri, Max Giusti, Albano Carrisi, Stefania Barca, Flaminia Bolzan, Maria Grazia Cucinotta, Maurizio De Giovanni, Jimmy Ghione, Beppe Convertini, Myriam Fecchi, Gigi Finizio, Andrea Lucchetta, Angelo Mangiante, Veronica Maya, Andrea Perroni, Andrea Sannino, Sebastiano Somma, Adriana Volpe, Massimiliano Ossini, Diego Nargiso, Patrizio Oliva, Anna Capasso, Giuseppe Cambi, Maria Mazza, Eleonora Sergio, Gianluca Meck e Francesco Testi, Maurizio Aiello.

 

TENNIS & FRIENDS IN ANTEPRIMA AGLI STUDENTI DI NAPOLI

Al Tennis Club Napoli – Lungomare Caracciolo Una mattinata dedicata agli studenti in collaborazione con MIUR, Assessorato all’Istruzione e Assessorato allo Sport del Comune di Napoli

Napoli, 12 Aprile 2019. Tennis & Friends – Salute e Sport … Sport è Salute abbraccia i ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado. Questa mattina dalle 9.30 alle 13.30 l’evento dedicato esclusivamente agli studenti invitati direttamente dagli Assessorati all’Istruzione e allo Sport del Comune di Napoli, in collaborazione con il MIUR. I temi portanti sono stati la salute, lo sport e la solidarietà. Nel corso della giornata presenti anche Andrea Lucchetta, Sebastiano Somma e Patrizio Oliva, tre ambassador che hanno contribuito a promuovere e animare la manifestazione.

Oggi ha visitato il Villaggio della salute anche Maria Grazia Cucinotta, ospite al villaggio di Tennis & Friends al Tennis Club Napoli e sul Lungo Mare Caracciolo

Nel corso della mattinata c’è stato un confronto tra i 1.500 studenti presenti e gli specialisti delle aziende ospedaliere che partecipano all’evento, oltre a momenti di dibattito, che sono serviti a fare cultura della prevenzione tra i più giovani.

In Tennis & Friends la salute è indissolubilmente legata allo sport. Per questo motivo, concluso il percorso sanitario, la mattinata per gli studenti è proseguita con l’incontro dei partner sportivi della manifestazione. Questa parte del programma è finalizzata a illustrare ai ragazzi i corretti stili di vita, introdurre le diverse discipline sportive e i loro punti di forza, mostrare esibizioni dimostrative e iniziare ogni singolo studente alla pratica sportiva.

L’incontro con le scuole anticipa la seconda edizione di Tennis & Friends – Salute e Sport … Sport è Salute, l’unico evento di prevenzione in Italia che unisce Salute, Sport, Solidarietà, Spettacolo e Sostenibilità. Sabato 13 e domenica 14 aprile, dalle 10 alle 18, ingresso libero al Villaggio della Salute e al Villaggio dello Sport allestiti sul Lungomare Caracciolo, con la possibilità per i tutti i visitatori di effettuare controlli gratuiti in 28 aree specialistiche (dotate di più di 50 postazioni), praticare sport, e assistere agli incontri del Torneo Tennis Celebrity che vedrà impegnati famosi personaggi del mondo dello sport, spettacolo e della cultura.

Partner istituzionali: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero della Salute, Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, Marina Militare, Aeronautica Militare, Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Arma dei Carabinieri, Regione Campania, Comune di Napoli, CONI, CRI, Corpo dei Vigili del Fuoco e Fondazione Ania.

Strutture sanitarie presenti: Istituto Nazionale Tumori IRCCS – Fondazione G. Pascale, A.O.R.N. Santobono-Pausilipon e Fondazione Santobono Pausilipon, Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II, Azienda Ospedaliera Universitaria – Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, ASL Napoli 1, Clinica Ruesch Napoli, Clinica Montevergine, GVM Care & Research e Clinica MM. Nel Villaggio della Salute sono coinvolti i corpi sanitari della Marina Militare, dell’Aeronautica Militare e della Guardia di Finanza, e le associazioni L.I.L.T. Napoli – Lega Italiana Lotta contro i Tumori, ICOM Napoli – International College of Osteopathic Medicine, Donatori Nati ADVPS ONLUS – Associazione Donatori Volontari Polizia di Stato e Croce Rossa Italiana.

Partner sportivi presenti: Federazione Italiana Tennis, Federazione Italiana Sport Equestri, Federazione Italiana Rugby, Federazione Italiana Pallacanestro, Federazione Italiana Pallavolo, Federazione Italiana Canoa e Kayak, Federazione Italiana Tiro con l’Arco, Federazione Italiana Ciclismo e Unione Italiana Tiro a Segno. Eventi dimostrativi e di intrattenimento offerti anche dai gruppi sportivi delle Forze armate come Marina militare, Aeronautica militare e Arma dei Carabinieri e dei Corpi di Polizia Fiamme Gialle della Guardia di Finanza, Fiamme Oro della Polizia di Stato.

In arrivo 4 nuovi antibiotici contro i super batteri che provocano 10000 morti l’anno in Italia

Ogni anno in Italia muoiono più di diecimila persone a causa dei super batteri resistenti ai farmaci. Ma per fortuna grandi novità arrivano da Menarini, colosso internazionale con dna partenopeo; l’azienda infatti è nata in una storica farmacia napoletana. Il Gruppo  ha messo a punto 4 nuovi antibiotici: “Abbiamo deciso – afferma Lucia Aleotti, membro del CDA – di fare un accordo per portare a registrazione e far arrivare in 64 paesi nuovi antibiotici destinati ai batteri resistenti. Grazie a un accordo con l’azienda americana Melinta Therapeutics, la Menarini ha acquisito i diritti per la commercializzazione di quattro antibiotici”. “Il primo antibiotico – conferma Annamaria Pizzigallo, direttore medico scientifico Menarini – è destinato alla cura di infezioni delle vie urinarie o post operatorie. Altri due riguardano batteri responsabili di infezioni acute della pelle e dei tessuti molli. L’ultimo è un antibiotico per via venosa efficace contro l’Acinetobacter baumannii, uno dei batteri ospedalieri più diffusi. Negli Usa sono già disponibili per l’uso ospedaliero. In Europa l’approvazione da parte dell’Agenzia Europea dei medicinali (EMA) è in dirittura d’arrivo; appena completato l’iter bisognerà avviare la fase di approvazione in Italia”.  

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità quella dei super batteri è una minaccia globale. Ogni anno infatti nel mondo si contano tra i 500.000 e i 700.000 decessi, le cui cause sono diverse: “In generale – continua la dott.ssa Pizzigallo – si registra un utilizzo eccessivo di antibiotici negli allevamenti animali e spesso il mancato rispetto dell’igiene delle mani nelle strutture assistenziali. Ma in Italia, più che in altri paesi del Nord Europa c’è anche un inadeguato utilizzo di antibiotici ad ampio spettro, molto facili da reperire e da assumere per via orale, ma quasi sempre prescritti senza prima effettuare una ricerca microbiologica per sapere se siano realmente necessari“. A questo si aggiunge il fatto che spesso i pazienti non seguono le prescrizioni terapeutiche con attenzione, per cui a volte interrompono la cura, altre volte non rispettano i dosaggi: “Questo fa sì – conclude l’esperta – che il farmaco uccida i batteri più deboli mentre sopravvivono e si selezionano quelli più resistenti“.

‘Papà controllati’: la SIU in pista per la prevenzione urologica

 I maschi italiani latitano quando si tratta di fare prevenzione invece di schierarsi in pole position. Così, per la seconda edizione della campagna ‘Papà controllati’, la Società Italiana di Urologia (SIU) invita i maschi di ogni età a ad una serie di pit-stop – da cui lo slogan #fermartieriparti – per correre con la marcia giusta, il “Gran Premio della Vita”, iniziativa educazionale e di sensibilizzazione presentata in un ‘box’ di eccezione: il Museo Ferrari a Maranello. Con dieci pit-stop, dieci regole per proteggere la salute maschile, l’iniziativa intende sfatare il mito che le problematiche urologiche colpiscano solo in età adulta o avanzata, ed educare invece alla prevenzione fin dall’adolescenza.

Una importante opportunità per prevenire alcune problematiche come l’iperplasia prostatica benigna (IPB), di cui soffre l’8% della popolazione maschile entro e dopo i 40 anni con tassi del 50% oltre i 60; la disfunzione erettile (DE) che compromette la vita di coppia di 3 milioni e mezzo di italiani (13% della popolazione, 1 maschio su 8) dai 45 ai 50 anni; il tumore della prostata, con quasi 35 mila nuove diagnosi (1 caso su 8) nel 2018.

Ma non solo: i ‘pit-stop’ della salute tutelano anche dal rischio di problematiche che spaventano meno il maschio, come le prostatiti che infiammano il 30-50% della popolazione sessualmente attiva generalmente prima dei 50 anni e la calcolosi urinaria che ‘bombarda’ il 10% degli uomini (vs 5% delle donne) soprattutto tra i 30 e i 50 anni con circa 100.000 nuovi casi l’anno.

Infine, fare prevenzione significa anche diagnosticare in tempo malattie sessualmente trasmesse o problemi di infertilità di coppia, nel 50% dei casi di responsabilità maschile, spesso associata oltre che all’età a disturbi genito-urinari e prostatici pregressi. L’iniziativa ‘Gran Premio della Vita’, che raggiunge oltre 10 milioni di italiani ‘a rischio’, lancia un forte messaggio: la prevenzione e i comportamenti del viver sano non vanno celebrati solo in occasione della ‘festa del papà’. Farsi carico della propria salute in ogni fase dell’esistenza è infatti il ‘circuito’ ideale per ottenere una vita migliore. A coronamento di questo impegno, proprio oggi, a firma del senatore Pierpaolo Sileri, è stato depositato il Disegno Di Legge per l’Istituzione il 19 marzo della Giornata Nazionale della Salute dell’Uomo.  

Questo il decalogo della prevenzione delle patologie urologiche maschili :

 

1-Evita di fumare: il fumo è strettamente correlato al tumore della vescica, al tumore del polmone e alle disfunzioni sessuali

2-Fai attenzione alla presenza di sangue nelle urine: a volte può essere una spia di tumore delle vie urinarie, per cui rivolgiti all’UROLOGO

3-Impara l’autopalpazione dei testicoli, da eseguire almeno una volta al mese: consente di individuare precocemente noduli del testicolo ma anche patologie benigne.

4-Fai attenzione alle malattie sessualmente trasmissibili: usa il preservativo e rivolgiti all’Urologo se noti alterazioni dei genitali. Alcune infezioni possono compromettere la fertilità.

5-Bevi tanto, almeno 1,5/2 litri d’acqua al giorno: in questa maniera diluisci le urine e riduci il rischio di formazione di calcoli urinari.

6-Mangia sano: una corretta dieta riduce il rischio di calcoli delle vie urinarie, prostatiti, cistiti e disfunzioni sessuali.

7-Fai attività fisica: le persone obese hanno un maggior rischio di formare calcoli urinari e sviluppare forme più aggressive di tumore prostatico.

8-Controlla pressione e glicemia: diabete e ipertensione sono fra le maggiori cause di insufficienza renale e di disfunzioni sessuali.

9-Presta attenzione alle disfunzioni sessuali: spesso sono campanello d’allarme che anticipa patologie cardiovascolari.

10-Evita l’uso di droghe, anche leggere tipo cannabis, perché peggiorano la fertilità e la funzione sessuale.

Nuovo piano di prevenzione vaccinale-Dott. Volpe: “Il nostro programma vaccinale è di alto livello”

Si è svolto stamattina a Napoli il Corso rivolto a giornalisti e medici “Il nuovo piano nazionale di prevenzione vaccinale-obiettivi nella Regione Campania per tutte le fasi della vita”.

La nostra redazione era presente ed ha avvicinato il dott. Gennaro Volpe.

Laureato in Medicina e Chirurgia presso la Seconda Facoltà di Napoli nel 1988, il dottor Volpe ha conseguito il diploma di specialista in “FISIOTERAPIA” presso la prima facoltà di Medicina e chirurgia di Napoli nel 1991″

Ha conseguito il diploma di specialista in “IGIENE E MEDICINA PREVENTIVA” presso la seconda Università degli studi Napoli nel 1995

Consigliere dell’Ordine dei Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli, con funzioni di Tesoriere, dal 1 gennaio 2006 a tutt’oggi.

Presidente dell’Associazione Direttori e Dirigenti Sanitari (A.D.Di.S.) Campania dal gennaio 2006.

Delegato Nazionale dell’associazione Nazionale medici direzione ospedaliera ANMDO

Dott.Volpe c’è ancora poca comunicazione riguardo la vaccinazione. Ne vogliamo parlare ?

In regione Campania fortunatamente stiamo lavorando molto bene. Abbiamo applicato il nuovo piano regionale di prevenzione vaccinale. Stiamo offrendo gratuitamente  a tutta la popolazione i vaccini. Bisogna riflettere sulla prevenzione vaccinale in ambito pediatrico e su questo abbiamo fatto il Calendario della Vita. Garantiamo, quindi, una grande prevenzione a tutti. Dall’altro lato ci siamo organizzati bene anche con vaccini anti-influenzali. Direi, quindi, che il lavoro che stiamo facendo è di alto livello”

La Regione Campania, invece, come comunica con gli istituti scolastici ?

Comunichiamo con i centri vaccinali garantendo agli alunni ed ai genitori una vaccinazione efficace ed immediata”

Vaccinazione significa anche prevenzione. Negli ultimi anni Lei ha notato un incremento in visite di prevenzione in Italia ?

Sicuramente la gente è più attenta alla prevenzione anche grazie al nostro lavoro che è rapido nel comunicare proprio alla popolazione che deve fare tante visite di controllo e le deve fare ripetutamente nel tempo. Non più, quindi, medicina di attesa ma medicina di iniziativa. Non bisogna curare il malato, cerchiamo  col nostro lavoro di non arrivare mai alla malattia. Bisogna investire nella parte territoriale comunque con una comunicazione importante. Solo così facendo possiamo ottenere grandi risultati e meno pazienti negli ospedali”

 

 

Massimiliano Alvino

 

@Riproduzione riservata

Ne è consentita una riproduzione parziale o totale con citazione della fonte www.pinklifemagazine.com oppure PinkLifeMagazine

 

 

 

 

 

IL PREMIO DUE SICILIE ECCELLENZE DEL SUD 2018 AL CHIRURGO NAPOLETANO ANGELO SORGE

Un premio per la sanità napoletana: in occasione del venticinquennale del Movimento neo borbonico che si è celebrato ieri a Napoli, presso il Teatro Mediterraneo nella Mostra d’Oltremare è stato assegnato il premio Due Sicilie Eccellenze del Sud 2018 al chirurgo napoletano Angelo Sorge.

Responsabile della Day Surgery dell’Ospedale San Giovanni Bosco, Angelo Sorge vanta un’esperienza quarantennale nel campo della chirurgia generale e d’urgenza e pronto soccorso. E si è distinto in particolare per aver introdotto l’utilizzo di tecniche innovative nel campo dell’ernia inguinale presso l’Hernia Center da lui fondato e diretto nella struttura napoletana.

Tra i premiati della XXV edizione del Premio Due Sicilie oltre al Dottor Angelo Sorge “eccellenza della chirurgia” che ha ricevuto il premio dalle mani della Principessa Camilla di Borbone, Gigi Di Fiore, giornalista del Mattino, Gianluca Guida, direttore del carcere di Nisida, l’attore Mariano Rigillo e Nello Daniele.

In occasione della celebrazione dei 25 anni della nascita del movimento neo borbonico le Poste Italiane hanno previsto un annullo filatelico speciale.