Archivio Categoria: Event

E-Mobility by FCA protagonista a Visionary Days 2019

Il 23 novembre si svolgerà la terza edizione di Visionary Days, l’innovativo format prodotto da giovani per altri giovani, con l’obiettivo di creare un ambiente in cui persone con differenti background possono incontrarsi, discutere e dare vita insieme alla propria idea di futuro. L’evento combina gli aspetti divulgativi di una conferenza con l’interattività e la sfida progettuale propri di un “hackathon”, una sorta di convention-riunione in cui – per un periodo di tempo prestabilito – numerosi partecipanti si riuniscono per trovare soluzioni a problemi o per sollevare idee e proposte.
Per la prima volta Visionary Days si svolgerà in parallelo in due sedi – a Torino, presso le Officine Grandi Riparazioni, e a Genova presso il Palazzo Ducale – dando vita al primo evento europeo del genere: un’esperienza di dieci ore di confronto, dalle 9:30 alle 19:30, in due luoghi distanti centinaia di chilometri ma connessi in ogni momento, per agire come in un’unica grande tavola rotonda.

Organizzato da un’associazione fondata e composta da un gruppo di studenti del Politecnico di Torino, Visionary Days è un esperimento fortemente innovativo al quale non può mancare Fiat Chrysler Automobiles che ne è partner con la sua divisione e-Mobility, creata nell’organizzazione della regione EMEA con il compito di coordinare tutte le attività collegate alla mobilità, non solo elettrica. Infatti, e-Mobility non segue solo l’elettrificazione dei veicoli di FCA, ma accompagna l’azienda verso un modo completamente differente di intendere l’uso dell’auto e la mobilità in generale.
Gli oltre 1.500 partecipanti a Visonary Days saranno distribuiti su 120 tavoli, ognuno coordinato da un moderatore e si confronteranno su numerosi e differenti temi: i risultati saranno aggregati ed elaborati grazie a “Lee” (l’intelligenza artificiale di Visionary Days), una piattaforma tecnologica che – connettendo virtualmente tutti i tavoli – elaborerà in tempo reale le idee emerse da ognuno di essi, con una visualizzazione immediata in entrambe le sale.
Quattro le sessioni di confronto su ognuno dei due palchi di Torino e Genova: Risorse, Abitanti, Economie, Nuova Terra cui si aggiungeranno sessioni dedicate alla discussione sulla e-mobilità nelle “Smart City”. Per FCA, i temi di e-Mobility saranno approfonditi grazie agli interventi di Daniele Lucà (responsabile di e-Mobility Business Development, FCA region EMEA) e Giorgio Neri (responsabile di Fiat 500 Family in FCA region EMEA).
Il contributo di FCA e della sua divisione e-Mobility proseguirà la settimana successiva: infatti, il 30 novembre – nel Mirafiori Heritage Hub di FCA a Torino – i 120 moderatori dei tavoli parteciperanno a un appuntamento riservato per approfondire le visioni sulla e-Mobility e lavorare in team su progetti visionari per la mobilità sostenibile.

 

Disturbi alimentari: Villa Miralago, la più grande comunità terapeutica d’Italia compie 10 anni

Disturbi alimentari: Villa Miralago, la più grande comunità terapeutica d’Italia compie 10 anni e festeggia traguardi importanti

I disturbi alimentari sono diventati un’epidemia sociale. Basti pensare che, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, i dca rappresentano la seconda causa di morte, dopo gli incidenti stradali, tra i giovani. Oltre 3 milioni di persone in Italia, di cui il 95,9% donne, ne soffrono (Ministero della Salute). Il fenomeno preoccupa ancor di più se si pensa che il range si è allargato – non mancano insorgenze in età adulta – e l’età media si è abbassata. Sono sempre più frequenti i casi che coinvolgono anche bambine di 8-9 anni. Le persone più colpite restano, comunque, quelle in età adolescenziale. A prendersi cura di loro con amore e competenza da ben dieci anni sono gli specialisti di Villa Miralago (Varese), la più grande comunità terapeutica d’Italia per la cura dei disturbi del comportamento alimentare convenzionata con il SSI (anoressia, bulimia, vigoressia, frequente anche nei maschi adulti, l’ortoressia e il disturbo da alimentazione incontrollata – obesità) e una delle più grosse d’Europa.

Per il suo primo decennio Villa Miralago festeggia i suoi importanti traguardi il 14 e 15 novembre 2019 al Congress Centre dell’Hotel NH di Milano con il convegno dal titolo “ll Corpo nella dimensione della cura nei Disturbi alimentari e nella nutrizione (DNA)” (giovedì 14 dalla 14 alle 20 e venerdì 15 dalle 10 alle 17).

La storia di Villa Miralago è la storia di un importante impegno: circa il 92% dei pazienti porta a compimento il suo percorso di cura terapeutico con esiti molto positivi.

La quasi totalità delle pazienti durante il percorso di cura arriva a guarigione sintomatica: l’82 % dei casi di anoressia, il 78% di bulimia e il 65% dei casi nel disturbo di alimentazione incontrollata. 

“Curare un disturbo alimentare vuol dire non aver più bisogno di manomettere il proprio rapporto con il cibo e con il corpo. Fino a quando si frapporrà qualcosa tra il paziente e il cibo/corpo, fino a quando le paure continueranno ad inquinare, la libertà di mangiare o di apparire, non può esserci guarigione, al di là di ogni peso immaginabile, al di là di ogni abitudine alimentare – ha detto il Direttore Sanitario di Villa Miralago, Leonardo Mendolicchio – Guarire significa, infatti, non essere più costretti a ricorrere al cibo per assecondare le proprie aspettative di perfezione, significa non dover più fustigare il proprio corpo per lenire le proprie colpe. Guarire significa essere liberi di entrare in risonanza con la propria umanità senza sentirsi troppo giudicati o in balia dello sguardo altrui”.

La scommessa che compie Villa Miralago, con ogni paziente, è quella della riappropriazione del rapporto con l’Altro, con la famiglia, con gli amici, con il mondo anche per i casi più gravi che trovano ospitalità nel nucleo “Ginestra” che è riservata ai pazienti con gravissima malnutrizione e che necessitano di nutrizione artificiale.

I risultati eclatanti di Villa Miralago sono dovuti a più di un fattore: una struttura all’avanguardia e un’equipe di altissimo profilo, che realizza percorsi individuali e personalizzati per ogni singolo paziente, grazie anche alla presenza di un numero elevato di personale, più di un operatore per ogni paziente.  La riabilitazione nutrizionale viene fatta in modo lento e senza traumi, preparando la psiche ai cambiamenti fisici corporei. La psicomotricità è un altro pilastro del percorso di riabilitazione in questo centro, perché mette il corpo nella relazione, in una dimensione ludica permettendo ai pazienti di viverlo in maniera meno sintomatica: il corpo smette di essere una immagine e diventa strumento di relazione e di comunicazione.  Un percorso di arte- terapia attraverso il quale viene sconfessato il tema della prestazione, della quale soffrono coloro che sono affetti da queste patologie, sollevandoli dalla ricerca continua di perfezionismo.

Anche le famiglie vengono prese in carico da questo centro e trattate direttamente attraverso la rete Ananke, presente anche su tutto il territorio nazionale.

Il tema del corpo è un tema centrale per comprendere i disturbi del comportamento alimentare e per discutere sui modelli e per comunicare l’esperienza e gli eccellenti risultati sul territorio nazionale di questi 10 anni di Villa Miralago:  il 14 ed il 15 novembre 2019 verrà trattato al Congress Centre dell’Hotel NH di Milano, dove  saranno presenti: oltre agli amici di Villa Miralago Martina Colombari, Elisa D’Ospina, Andrea Casadio, Corrado Formigli, Fabio Picchi chef di Firenze sempre molto attivi nel sostenere  questa importante realtà, Denise Giacomini Dirigente medico area nutrizionale del Ministero della salute, Dr.ssa Laura Dalla Ragione (Psichiatra e Psicoterapeuta – Direttore Rete Disturbi Comportamento Alimentare Usl 1 dell’ Umbria – Direttore Numero Verde SOS DCA – Presidenza del Consiglio dei Ministri), la Dott.ssa Sara Roversi (Future Food Institute), il Prof. Emanuele Lettieri (Dipartimento di ingegneria gestionale – Politecnico di Milano), Il Prof. Gianfranco Silecchia (Ordinario di chirurgia generale, Sapienza Università di Roma, direttore Bariatric Center of Excellence IFSO Eu) e il direttore scientifico del convegno il Dr. Leonardo Mendolicchio (Psichiatra, Psicoanalista, Direttore sanitario di Villa Miralago – Direttore scientifico Ananke).

http://www.villamiralago.it/

 

 

 

 

 

 

.

 

 

La Collezione 2020 di Mikela C, va come un treno

La Collezione 2020 di Mikela C, va come un treno

Una lunga passerella e musica anni ’80 hanno fatto da sottofondo alla sfilata per la presentazione della Collezione 2020 di Mikela C.
A questo si è aggiunta la magia della scenografia del Museo Ferroviario di Pietrarsa, che ha messo un punto esclamativo importante, alle mete scelte ogni anno dalla stilista per la presentazione dei suoi capi.
Trenta modelle per sessanta capi, questi i numeri della passerella tenutasi domenica 10 Novembre per raccontare in emozioni, le possibilità offerte da Michela Cannavacciuolo per le sue spose e per chi sceglie di indossare uno dei capi della nuova collezione.

L’EVENTO – Buio in sala, ad aprire l’evento la presentatrice Benedetta Piscitelli, che racconta la storia di una Michela bambina, piena di sogni, che pian piano costruisce la sua strada fino ad oggi. Il racconto lascia poi spazio alla musica della modella Mya DJ, che con un mix di musiche anni ’80 che sembra da sempre trovare il gradimento del pubblico, che porta il ritmo anche durante l’evento per accompagnare la passerella dei capi.Un led-wall fatto di stelle e cosmo è lo sfondo ideale per questi capi sognanti che attraversano la lunghissima navata centrale del Museo e che permettono ai treni di rassomigliare a spettatori silenziosi di questo catwalk. Alla fine dell’evento, una premiazione che ha regalato il sogno di un’abito da sposa ad una delle clienti intervenute.
Nel parterre scattano i flash di fotografi e appassionati di moda e spuntano tra gli ospiti i volti noti della cantante Mavi Gagliardi, voce dei Sud58 di Made in Sud, il volto raggiante delle influencer Marta Cerreto e Veronica Salvati e la conduttrice e attrice campana Pasqualina Sanna. La Regia Moda dell’evento è stata a cura di Mario Cavallaro.

LA COLLEZIONE – La nuova collezione ha rispettato le tre rigorose costanti di Mikela C, che ormai sono una firma immancabile delle sue creazioni: l’ornamento interpretato come elemento distintivo, la decostruzione della silhouette e l’utilizzo di materiali eccellenti. Sempre presenti gli indizi del glamour d’altri tempi, mescolati con la tradizione moderna per definire in modo nuovo l’abito da sposa: una storie dietro ogni abito, dipanata con sete, tulle e chiffon.

LE DICHIARAZIONI – Sull’evento Mikela C ha raccontato: “Per la prima volta dopo tanti anni, sento una felicità a mille, perché stasera ho dato tutto quello che in tanti anni desideravo. Per me questa collezione rappresenta la vera Mikela C: quella che in tanti anni ho messo insieme pezzetto per pezzetto come un puzzle, che adesso si è ricomposto. Ho ben chiaro quello che è la sposa davanti a me”. Sullo staff attento e preciso aggiunge: “Il mio staff è stato eccezionale perché sotto la mia guida creativa, è riuscito a realizzare tutti i miei desideri”.

LA STILISTA – Michela Cannavacciuolo (conosciuta come Mikela C) classe 1981, acclamata già dopo poche sfilate, è un personaggio quasi liminare nel panorama odierno dell’Alta Moda Sposa. La sua formazione artistica si discosta dai percorsi canonici degli altri iniziando il suo percorso da autodidatta e in seguito dagli studi artistici dell’ Accademia della Moda di Napoli. Sin da bambina è affascinata dei ricami, dei tessuti e degli ornamenti che affollavano le riviste prese in prestito dalla madre. A 24 anni, realizza la sua prima collezione e nel 2007 presenta la prima Linea Sposa firmata con il proprio nome.

Sfilata Mikela C – Museo di Pietrarsa 10/11/2019 – Foto da Ufficio Stampa FREVARCOM di Francesco Russo
Sfilata Mikela C – Museo di Pietrarsa 10/11/2019 – Foto da Ufficio Stampa FREVARCOM di Francesco Russo

“Questa sera si recita a soggetto” di Luigi Pirandello

“Questa sera si recita a soggetto”

di Luigi Pirandello

 

adattamento e regia Vincenzo Borrelli

con

Rosaria De Cicco  

Vincenzo Borrelli

Marco Lanzuise

e con

Cristina Ammendola

Marina Billwiller

Antonio Tatarella

Marco Gremito

Chiara Casamassima, Federica Navatti, Francesco Gallucci, Francesco Gambini, Maria Tafone, Chiara Ferrara, Stefano Moracas, Cristina Di Fiore

Musiche: Marco Autiero Scene e costumi: C.T.S.

Audio – luci: Chiara Rita Aprea

Pantomime: Cristina Ammendola

Il Centro Teatro Spazio apre la stagione teatrale 2019/2020 con un riadattamento di Vincenzo Borrelli dell’opera di Luigi Pirandello “Questa sera si recita a soggetto”. Lo spettacolo andrà in scena nei weekend dall’1 al 17 Novembre presso il Centro Teatro Spazio di San Giorgio a Cremano in Via San Giorgio Vecchio, 23/31 (NA). 

Dove finisce la mano dell’autore? Quanto vale l’attore? Qual è la loro rispettiva importanza?

È una lotta che dura da quando ha avuto inizia la storia del teatro. Ma come dice l’autore stesso:

… “ciò che a teatro si giudica non è mai l’opera dello scrittore (unica nel suo testo), ma questa o quella creazione scenica che se n’è fatta, l’una diversa dall’altra; tante, mentre quella è una? Per giudicare il testo bisognerebbe conoscerlo; e a teatro non si può, attraverso un’interpretazione che, fatta da certi attori, sarà una e, fatta da certi altri, sarà per forza un’altra. L’unica sarebbe se l’opera potesse rappresentarsi da sé, non più con gli attori, ma coi suoi stessi personaggi che, per prodigio, assumessero corpo e voce. In tal caso sì, direttamente potrebbe essere giudicata a teatro.”

Dobbiamo, dunque, rimanere con questo eterno dubbio senza nemmeno proporre una scena, un’opera, una rappresentazione?

No, andiamo in scena con la nostra idea di teatro, ponendo risposte fatte di parole che “bisogna che nascano”, sulle tavole di un palcoscenico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Via San Giorgio Vecchio – 23/31, San Giorgio a Cremano (NA)

tel/fax 0815744936 http://www.unospazioperilteatro.it https://www.facebook.com/CentroTeatroSpazio  https://instagram.com/centro_teatro_spazio

GLAMOUROUS BEAUTY DAY AL CENTRO MEDICO TABITA

GLAMOUROUS BEAUTY DAY

                                

Forse un po’ uggioso fuori, ma all’interno del centro medico estetico Tabita si respirava ieri un’atmosfera calda e accogliente in accordo con la sua anima che da 22 anni è interamente dedita al benessere dei suoi ospiti. A fare gli onori di casa per questo Glamorous Beauty Day, la proprietaria Francesca Maione raggiante e felice di accogliere clienti e nuove ospiti per mostrare tutti i servizi offerti dal centro in tema di face & body therapy. In via del tutto eccezionale ieri è stato possibile sottoporsi ad un test per verificare lo stato di salute della pelle di viso e corpo con relative soluzioni ad hoc, gratuito e per nulla invasivo, proposto da Mauro Perna responsabile TeN Science per la Campania. E ancora, in tema di skin technology, il dottor Leucio Iacobelli ha esposto alle clienti i vantaggi, le procedure e ogni genere di info sul macchinario di ultima generazione VelaShape II, la cui forza modellante riduce, rimodella e tonifica le zone più a rischio di inestetismi. Grande successo ha poi riscosso la visita al centro dove in ogni sala si respirava un’atmosfera confortevole complici anche le luci soffuse , la pietra alle pareti e gli allestimenti scenici prettamente autunnali a cominciare dall’albero con foglie rosse all’ingresso del centro e dalla targa Tabita sfumata in varie nuances. A dare il tocco glamorous come indicato dal titolo, gli outfit total look Blunauta indossati da Mila Gambardella e Cristiana Giordano di Le Mille Me Communication e dalle hostess con abbinamenti cromatici in tema con i “cartelli segnaletici” e locandina dell’evento. Il catering di 16 Libbre e i vini Carputo hanno poi fatto il resto decretando così il successo dell’evento testimoniato da sorrisi dei partecipanti all’happening del centro Tabita che hanno posato per le foto di Romolo Pizi. A ciascuno di loro è stato poi consegnato uno special gift, un omaggio a scelta tra i vari trattamenti del centro. Tra i presenti, Mariella Maione, Loredana Conti, Andreina Conti, Valeria Viggiani, Milla Mariniello, Viviana Carbonelli, Lea Pistilli, Giulliana Giliberti, Stefania Quisisano, Giovanna Allocca, Alessandra Menditto, Flavia Palombo, Chicca Paolombo, Martina Morra, Roberta Varriale, Lorenza Morra, Carmen Roberti, Ilaria Mele, Laura De Bellis, Roberta Catenacci, Federica Catenacci, Irene Iacovella, Federica Claar.

 

 

 

Fiera Aestetica 2019: I want you…for Aestetica Beauty

Fiera Aestetica 2019: I want you…for Aestetica Beauty

Napoli, 9, 10 e 11 Novembre – Mostra d’Oltremare

 

Sabato 9 novembre alla Mostra d’Oltremare di Napoli torna Aestetica, il Salone Mediterraneo dei professionisti della bellezza, del benessere e dell’acconciatura.

Tre giornate dedicate all’appuntamento annuale con la Fiera Aestetica: un momento di incontro per i professionisti del settore, gli aspiranti tali e per tutti gli amanti del Beauty e del Wellness.

 “I want you…for Aestetica Beauty” è il concept con cui Aestetica quest’anno taglierà il nastro della sua XXIII° edizione che si svolgerà nella consueta location della Mostra d’Oltremare di Napoli, nei giorni 9, 10 e 11 Novembre.

Aestetica, il Salone Mediterraneo dei professionisti della Bellezza, del Benessere e dell’Acconciatura, quest’anno, taglierà il nastro della sua XXIII edizione.
L’evento, targato Funtastic, si conferma prima fiera di settore del centro-sud Italia nonché seconda, su scala nazionale, da anni è pioniere della promozione di un concetto di bellezza fondato sulla valorizzazione e la cura di sé, attraverso la sua ricca vetrina espositiva per gli operatori del settore, italiani e stranieri.

L’edizione 2019, in programma nei giorni 9-10-11 novembre, si terrà a Napoli, presso la consueta location della Mostra d’Oltremare, polo fieristico di facile raggiungimento, situato al centro della città, ben collegato con l’aeroporto la stazione e la metropolitana.

Protagonisti di Aestetica 2019 saranno le 190 aziende con i loro 500 marchi esposti. Le società leader, italiane e straniere, investono nel Salone da ben 23 anni per affermarsi sul mercato, per accrescere il fatturato e per presentare in anteprima nuovi prodotti, confermando che lo “strumento fiera” è indispensabile.

 

Aestetica recluta bellezza con la formula “I want you for Aestetica Beauty”

Audacia, ironia, trasparenza e un invito alla valorizzazione della bellezza e della pace. Racchiude questo e tanto altro “I want you for Aestetica Beauty”, il concept con cui la Fiera Aestetica presenta la sua ventitreesima edizione.

In occasione della 23° edizione della manifestazione, il team di Aestetica, capitanato dal suo project manager, Emilio Marzoli, si è divertito a ideare un messaggio pubblicitario a dir poco originale.

Chi non ricorda “lo zio Sam” nel famoso manifesto “I want YOU for U.S. Army” che contribuì a reclutare legioni di giovani americani?

Ebbene, in maniera goliardica, Emilio Marzoli, nel manifesto pubblicitario di Aestetica 2019, indossa le vesti di zio Sam e con la sua formula “I want you for Aestetica Beauty” invita alla partecipazione dei casting che si terranno durante la tre giorni e che vedranno la selezione di 1 o 2 volti da proporre come immagine di Aestetica 2020.

Durante la manifestazione, infatti, il polo fieristico destinerà spazi ad hoc cui tutti i ragazzi interessati dovranno recarsi per lo svolgimento dei casting.

Uno scatto pubblicitario che, con grande ironia, si propone di diffondere un messaggio di solidarietà e di pace. Sulla falsariga dell’icona americana e indossandone le vesti, lo zio Sam targato Funtastic, recluta giovani valorosi e temerari non per la guerra, bensì per la bellezza in tutte le sue forme, a sostengo dell’idea che bellezza, ironia e trasparenza, nell’ideologia di Aestetica, vanno di pari passo coi principi di pace e libertà.

 

Le novità di Aestetica 2019

La kermesse, quest’anno più che mai, vedrà le aziende presentare tutte le loro novità in merito a prodotti, macchinari e corsi di formazione, dando ai visitatori la possibilità di conoscerle in anteprima.

Sono 190 le aziende leader del settore provenienti dall’Italia e dall’estero; più di 500 i marchi esposti della cosmesi, attrezzature, make up, nail e tricologia. Una superficie espositiva di 12mila metri quadrati organizzata in 5 padiglioni, sviluppati in un percorso lineare, obbligatorio e continuativo che, come ogni anno, accompagna i visitatori in una promenade semplice e gradevole.

I 45mila visitatori attesi (di cui circa l’85% del settore) avranno modo di confrontarsi con prodotti rivoluzionari e innovativi:

  • per la cura di viso, del corpo e dei capelli, tra gli altri, l’innovativa linea di creme antiage al 10% di Argilla “Instant Age Back”, presentata da Vitayes Italia che spiegherà le sue capacità di tornare indietro nel tempo e di ringiovanire il viso di 10 anni; i prodotti della “Beauty Routine Coreana” ad opera di The Mask Palc che diffonderà in Fiera lo skincare coreano, presentando prodotti dagli ingredienti naturali e dai risultati immediatamente visibili e di lunga durata; l’attesissimo Federico Fashion Style porterà in Fiera novità assolute nel settore haircare, tra cui shampoo, maschera e olio di massima ristrutturazione, Cheri per le rosse e Brownie per le castane;
  • nel settore della Nail Art, la nuova linea professionale New Nails Make Up con l’esclusivo prodotto, non più in gel ma in “mousse” di New Nails System; i numerosissimi prodotti per la nail art, tra cui il “Remove Gel”, presentati da Sofianail la cui vendita sarà scontata del 25% durante i tre giorni di Aestetica, e tanto altro ancora.

 

  • in materia di apparecchiature e tecnologie d’avanguardia, il nuovissimo “Soft Plasma” ad opera di LCN, nato per rassodare la pelle e ridurre le rughe, nonchè per effetturare trattamenti su pelli problematiche come affette da acne o da cicatrici dovute all’acne; le tecnologie all’avanguardia per il benessere del corpo fino alla cosmesi dei prodotti make up e alle linee dieta, promosse da Baldan Group; la terapia vibroacustica “iBed2.0 Risorgimento” promossa e presentata da Eurovit; il “Refill 50ml” targato Eurovetrocap, vasetto in vetro ricaricabile con fondo pieno e spesso che ne evidenzia l’ampia size impression, al fine di combinare in un unico vasetto lusso e sostenibilità; l’attesissimo “Parlux Alyon” con motore K-ADVANCE Plus, il phon dalla durata di 3000 ore presentato da Parlux; l’“Oxy Station”, il dispositivo studiato da Be-much che svolge un’azione ristrutturante sullo stelo del capello, donando volume, luminosità e lunga tenuta alla piega.

 

  • in ambito formazione, tra le novità assolute spiccano i corsi MK, regionali e no, promossi da Rea Academy per la sua prima presenza ad Aestetica e che vedranno il Truccatore delle Miss, Antonio Ciaramella cimentarsi in uno dei suoi show nella giornata di domenica; i seminari di presentazione di ogni corso di formazione con live su modella a cura di Francesca Degani; il progetto TechnoBeautyCenter di TechnoBeautyLine, per investire o amplificare la propria attività a partire da 4999,00euro; e tanto altro ancora da scoprire durante la kermesse dedicata alla bellezza.

 

Ospiti d’eccezione

Sabato 9 novembre

Allo stand di Benedetta Riccio, fino alle 15.30 sarà presente Daniele Pacini, guru del trucco aerografo e, a seguire, dalle 17.30 alle 19, ci sarà il “Ramona Amodeo show make up” ad opera della stessa Benedetta Riccio.

Domenica 10 novembre

  • Sul palco centrale della Sala Show, alle 17.30, Francesco Facchinetti presenterà il corso “Marketing e Comunicazione nel settore estetico”, un momento di alta formazione dalla durata di 45 minuti, cui seguiranno foto e interviste presso lo stand 377 di Benedetta Riccio.
  • Sul palco del MAET, il contest per gli artisti del make up, in collaborazione con Kryolan Campania professional make up, sarà la volta di Fabrizia Cacace, stilista emergente che presenterà la sua linea in occasione dell’attesissima settima edizione del contest.
  • Per l’intera giornata, presso lo stand 301 di Rea Academy, Antonio Ciaramella, truccatore ufficiale di Miss Italia, si esibirà in una performance di muke up. Per l’occasione, Carolina Stramare, Miss Italia 2019, sarà truccata da Ciaramella.

Lunedì 11 novembre

Francesco Aiello si esibirà nelle sue specialità di make up effetti speciali dalle 11 alle 13, alternandosi con vari show. Sarà Benedetta Riccio a chiudere tali show, truccando Claudia Ruffo alle 15.30. Il tutto si svolgerà presso lo stand 377, al padiglione 3.

Gli Eventi di Aestetica 2019

L’edizione 2019 di Aestetica offrirà un calendario ricco di eventi, concorsi e conferenze che animeranno la tre giornate partenopea più attesa e affollata del settore Beauty&Wellness:

  • Aestetica Barber Contest: Dopo il successo delle due precedenti edizioni , in linea con la continua evoluzione della barberia negli ultimi anni, il primo “Barbers Meeting” nella splendida cornice partenopea, organizzato da Funtastic srls.
    “Aestetica Barber Contest” è un incontro finalizzato a ricongiungere la categoria e invitarla alla condivisione, al confronto e alla crescita dell’intero settore. Un nuovo motivo per rinnovare questa meravigliosa Arte.
  • MAET Italia: Il MAET, in collaborazione con Kryolan Campania professional make up, giunto alla sua 7° edizione, si conferma come un appuntamento irrinunciabile per tutti gli aspiranti Make-up Artist.
  • Nails Challenge: Giunta alla 6° edizione del campionato internazionale, “Aestetica Nails Challenge”, ritorna in Fiera con un format nuovissimo ed esclusivo, ideato dalla Master Internazionale Claudia Valli,  Art Director di questa XXII edizione.
  • Hair Conference: Un interessante momento di incontro dedicato al mondo dell’acconciatura, a cura dei più celebri professionisti del settore. Anche quest’anno la Business zone e l’Hair Conference fungeranno da teatro all’alternarsi di dimostrazioni pratiche

 

Aestetica 2019

BeautyandWellnessExhibition

www.aestetica.it

 

 

 

La sartorialità di Mikela C, tra le locomotive di Pietrarsa

La sartorialità di Mikela C, tra le locomotive di Pietrarsa

Grande attesa per l’evento che si terrà domenica 10 Novembre al Museo Ferroviario di Pietrarsa (Via Pietrarsa, Napoli), dove la stilista Mikela C, presenterà la sua collezione Sposa e Cerimonia 2020.
Ennesimo passo importante per Mikela Cannavacciuolo, che ogni anno, sceglie sempre location suggestive in Campania, per presentare le sue collezioni alle centinaia di clienti e appassionate che accorrono.
La nuova collezione presentata, rispetterà le sue tre rigorose costanti, che ormai sono una firma immancabile delle sue creazioni: l’ornamento interpretato come elemento distintivo, la decostruzione della shilouette e l’utilizzo di materiali eccellenti.
Sempre presenti gli indizi del glamour d’altri tempi, mescolati con la tradizione moderna per definire in modo nuovo l’abito da sposa. Non mancherà l’esigenza innata della stilista di raccontare una storia dietro ogni abito, dipanata con sete, tulle e chiffon.
Attesi durante l’evento blogger e influencer del segmento moda, che racconteranno la serata in immagini e post.

La stilista

Mikela Cannavacciuolo (conosciuta come Mikela C) classe 1981, acclamata già dopo poche sfilate, è un personaggio quasi liminare nel panorama odierno dell’Alta Moda Sposa.
La sua formazione artistica si discosta dai percorsi canonici degli altri iniziando il suo percorso da autodidatta e in seguito dagli studi artistici dell’ Accademia della Moda di Napoli. Sin da bambina è affascinata dei ricami, dei tessuti e degli ornamenti che affollavano le riviste prese in prestito dalla madre.
A 24 anni, realizza la sua prima collezione e nel 2007 presenta la prima Linea Sposa firmata con il proprio nome.

Presentazione della Collezione 2020 di Mikela C
Data: 10 Novembre 2019
Orario: 20.30
Dove: Museo Ferroviario di Pietrarsa – Via Pietrarsa, Napoli

TORNÒ AL NIDO… ED ALTRE TITINE AL TEATRO SANNAZARO DI NAPOLI

TORNÒ AL NIDO… ED ALTRE TITINE AL TEATRO SANNAZARO DI NAPOLI

Lo spettacolo , che si basa sul robusto ed iconico testo di Titina de Filippo per la Regia di Antonella Stefanucci , arriva al Teatro Sannazaro di Napoli dall’ 11 al 13 Novembre ed apre la rassegna del Sannazaro Prime di Settimana. Il progetto voluto da Antonella Stefanucci, racconta la figura di Titina De Filippo, partendo da un testo scritto da lei, dal titolo: “Tornò al nido”, con incursioni dei personaggi che Titina ha interpretato; un omaggio all’autrice, alla grandissima interprete e antesignana di tante eroine moderne; una donna che, a un certo punto, ha avuto il coraggio di lasciare “il blocco De Filippo”, la famiglia artistica a cui apparteneva, per emanciparsi con una carriera autonoma. Sposarsi, ma soprattutto dipingere, suonare, scrivere. Esprimersi nel senso della più moderna libertà.» Il Progetto le Titine nasce con un gruppo di attori capaci di giocare partendo da un atto unico che rimanda alle “Tre sorelle” di Cechov, drammaturgo di sicuro riferimento per Titina-autrice. In una sera di primavera, in un’antica casa di campagna, tre sorelle siedono e conversano accanto ad un braciere, una musica giunge da lontano, cala la notte e le tre, assieme al loro vecchio servitore sordo, stanno andando a dormire. A un certo punto qualcuno bussa alla porta… chi sarà? Salotti, balconi sul mare, case di campagna; musicisti e capitani di marina, nobiltà decadute, figli illegittimi e amanti in fuga. Incursioni, rotture e attraversamenti nell’opera drammaturgica di Titina. Sul palco, oltre ad Antonella Stefanucci, ci saranno Adele Pandolfi, Gino Curcione, Carmine Borrino, Eva Sabelli. Lo spettacolo è stato prodotto dal Napoli Teatro Festival e Teatro del Loto, con un particolare ringraziamento alla sala del Riot di Napoli, messa a disposizione gratuitamente per le prove. Le scene sono di Tony Stefanucci, i costumi di Carla Colarusso, disegno luci Daniele Passeri, sonorizzazioni Giulio Nocera, realizzazione scena Scuola di Scenografia ABB Napoli diretta da Tonino di Ronza, allieve Dalila Blasio e Nicoletta Esposito, sartoria CTN Canzanella. Atmosfere uniche, nel tempio che un tempo era la casa di Luisa Conte, il Teatro Sannazzaro, dove ritorna un testo forte per rievocare i fasti di quelle dinastie di artisti che hanno portato Napoli sulla vetta del mondo, vera capitale del teatro e cultura riadattato e interpretato da artisti di nuova generazione degni di nota. La Stefanucci oltre al suo impegno con il teatro ha girato due film prodotti dalla legge per il cinema Regione Campania: Querido fidel di Viviana Calò, Le Seduzioni di Vito Zagarino, mentre la De Falco è nel prossimo film di Christian De Sica e Gino Curcione è impegnato con la sua famosa tombola.

 

Gli appuntamenti da non perdere nel week end dall’1 al 3 novembre

NAPOLI NOIR. LA CITTÀ DEL COMMISSARIO RICCIARDI

Dopo il successo del primo roadbook Frammenti Geniali, dedicato al bestseller di Elena Ferrante, l’associazione culturale NarteA presenta il suo secondo tour letterario, Napoli noir. La città del Commissario Ricciardi ispirato ai romanzi di Maurizio De Giovanni (ed. Einaudi) . L’itinerario fa luce sui luoghi di una Napoli in transizione, nella quale riecheggiano tradizioni e disperazioni arcaiche che coesistono con la nuova politica del Regime. La spiegazione dei luoghi è affidata alla guida Matteo Borriello, ma rimbalza continuamente con le vicende raccontate dalla voce dell’autore, attraverso auricolari forniti ai visitatori. Il percorso è veicolato anche da un piccolo libretto con mappe e foto storiche della città. “Napoli noir” vuole essere un’esperienza immersiva nei luoghi simbolo dei romanzi di De Giovanni, per visitare la città attraversando le epoche, coadiuvati dall’immaginario poetico di uno dei maggiori scrittori italiani. Un modo inedito di guidare i visitatori alla scoperta delle aree più nascoste e degli scorci meno noti, attivando la visione di ciò che è invisibile all’occhio comune, tanto familiare al commissario dei romanzi di De Giovanni, in un percorso dai tratti assolutamente noir.
Largo Santa Maria La Nova
Sabato 2 e domenica 3 novembre: ore 11
Prenotazione obbligatoria: 339 7020849 o 333 3152415
Costo: biglietto intero 12 euro, ridotto 8 euro (fino a 15 anni).

TERME DI AGNANO NIGHT EXPERIENCE

Una serata fantastica nell’incanto delle Terme di Agnano: bagno nelle acque termali con degustazione e musica live. Una notte emozionante e insolita dedicata al benessere per rilassarsi e divertirsi. L’evento inizierà con un bagno nelle piscine delle Terme, dove, all’arrivo, gli ospiti si cambieranno e, in costume e accappatoio, saranno accolti con flute di prosecco.
Potranno accedere e immergersi nelle 4 piscine interne (tra i 35° e i 40°) e, per i più temerari, anche in quelle esterne, per un bagno termale di notte, accompagnato dalle morbide ed avvolgenti melodie live di Bass Mark, che fonde sonorità jazz in ambito della Music Building. Per l’evento, ha costruito un inedito set “Lounge Termál”, con un’elegantissima performance di GraNoe Flutist. A seguire ci sarà la degustazione in accappatoio nella struttura riscaldata.
Terme di Agnano
Via Agnano Agli Astroni, 24
Venerdì 1 novembre 2019
Orario ingresso: dalle 19.00
Musica Live: alle 21.30
Informazioni e prenotazioni: 349.64.79.141 (dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 17.00) e
334.11.19.819 (dal lunedì al venerdì dalle 17.00 alle 21.30, SAB e DOM)

UNA NOTTE AL MUSEO DIOCESANO CON APERITIVO

Apertura straordinaria serale del Museo Diocesano, con l’emozionante visita guidata ai tesori del Complesso Monumentale di Donnaregina, seguita da un ricco. Il Complesso Monumentale Donnaregina, sede del Museo Diocesano di Napoli, rappresenta un unicum nel panorama del centro storico napoletano, un affascinante itinerario tra gotico e barocco.
La visita condurrà gli ospiti prima alla scoperta della splendida chiesa barocca di Donnaregina Nuova, costruita all’inizio del Seicento con la partecipazione dei più prestigiosi artisti del momento tra cui Francesco Solimena e Luca Giordano. La realizzazione fu di tale magnificenza che, ancora oggi, salendo la maestosa scala di piperno si può ammirare l’esuberante navata della chiesa rivestita di marmi policromi e la volta interamente affrescata con la Gloria della Vergine. Si inoltreranno, poi, nei meandri del Complesso, fino ad arrivare alla chiesa di Donnaregina Vecchia che, con il tetto a capriate della navata, il monumento sepolcrale di Tino da Camaino, il coro gotico delle monache ed il ciclo di affreschi del ’300, costituisce un raro e vivido esempio di architettura, scultura e pittura del gotico partenopeo.
Complesso Monumentale Donnaregina – Museo Diocesano Napoli
Largo Donnaregina
Sabato 2 novembre: alle 20
Durata: 2 ore
Costo: 20 euro
Informazioni e prenotazioni: 349.64.79.141(dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 17) oppure 334.11.19.819 (dal lunedì al venerdì, dalle 17 alle 21.30; sabato e domenica)

sdr_vivi

TREKKING URBANO: MERAVIGLIOSE PASSEGGIATE

Nell’anno nazionale dell’andar lento, l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli propone L’Andamento Lento, un fitto programma di passeggiate straordinarie. Tra loro, sono da segnalare: Napoli antica e moderna tra palazzi storici e le modernissime stazioni della metropolitana (1 novembre ore 10.30) – Prenotazione obbligatoria aps.vitaattiva@libero.it – 3273486982 – Contributo associativo di euro 5 a persona – visita anche in inglese; Birdwatching tra Parco Virgiliano e Gaiola (1 novembre ore 14.30 e 2 novembre ore 10) – Modalità di prenotazione: invio mail con nome, data di nascita e recapito telefonico, entro le 14 del giorno precedente – Quota di partecipazione: 5 euro a persona (3 euro per i bambini di età inferiore ai 10 anni). Info: knature.wildlife@gmail.com – 3661114554 / 3339301181; Da Piazza del Municipio a Castel dell’Ovo (dalla “Commedia dell’Arte” ai De Filippo (2 novembre ore 16 – 3 novembre ore 16) – Prenotazione obbligatoria secretaneapolis@libero.it cell. 3292027359.
Contributo associativo di 7 euro a persona; “Và cuoncio cuoncio” (3 novembre ore 10 – Piazza Dante; ore 12 – Belvedere di San Martino) – Info e prenotazioni: Raffaella 3391411142, Luisa 3491204993. Contributo associativo di 7 euro a persona; Il mistero di Partenope (3 novembre, ore 10.30). Prenotazione obbligatoria partenopexperience@gmail.com – 3663191005.
Contributo associativo di 5 euro a persona, per gli under 18 non compiuti e accompagnati da un adulto il tour è gratuito. PROGRAMMA COMPLETO CON DESCRIZIONE DELLE PASSEGGIATE

CHE DISTRASTO DI COMMEDIA AL TEATRO AUGUSTEO

Che disastro di commedia al Teatro Augusteo. La commedia di Henry Lewis, Jonathan Sayer ed Henry Shields, con la traduzione di Enrico Luttmann, è la versione italiana di “The Play That Goes Wrong”, successo planetario dello spettacolo in scena in tutto il mondo, che torna in teatro per la sua III tournée nazionale. I protagonisti dello spettacolo sono Stefania Autuori, Luca Basile, Viviana Colais, Valerio Di Benedetto, Alessandro Marverti, Yaser Mohamed, Igor Petrotto e Marco Zordan, con la regia di Mark Bell. “Che Disastro Di Commedia“ racconta la storia di una compagnia teatrale amatoriale che, dopo aver ereditato improvvisamente un’ingente somma di denaro, tenta di produrre un ambizioso spettacolo che ruota intorno a un misterioso omicidio perpetrato negli anni ’20, nel West End.
Teatro Augusteo
Piazzetta Duca D’Aosta, 263
Venerdì 1 novembre e sabato 2 novembre: ore 21
Domenica 3 novembre: ore 18
Informazioni: 081414243 – 405660, dal lunedì al sabato tra le ore 10.30 e le ore 19.30. La domenica dalle ore 10.30 alle ore 13.30

MICHELE PLACIDO AL TEATRO TROISI


Nuovo appuntamento al Teatro Troisi, che, ospita Michele Placido con il suo collaudato spettacolo “Serata d’Onore”. In scena con l’apprezzato attore, regista e sceneggiatore italiano, anche Gianluigi Esposito (voce e chitarra) e Antonio Saturno (chitarra e mandolino). Michele Placido interpreta, con il suo consueto carisma, poesie e monologhi di alcuni dei più grandi personaggi della letteratura da Dante a Neruda, Montale, D’Annunzio fino a giungere sui sentieri dei versi dei più importanti poeti e scrittori napoletani tra cui Salvatore Di Giacomo, Raffaele Viviani ed Eduardo De Filippo.
Teatro Troisi
Via Giacomo Leopardi 192
Sabato 2 e domenica 2 novembre: alle 21
Informazioni: 081 629908

MIRÒ. IL LINGUAGGIO DEI SEGNI AL PAN

Il mondo fantastico, onirico, febbrilmente creativo di Joan Miró in mostra al PAN Palazzo delle Arti Napoli. Un’esposizione straordinaria, promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e organizzata dalla Fondazione Serralves di Porto con C.O.R. Creare Organizzare Realizzare, A cura di Robert Lubar Messeri, professore di storia dell’arte all’Institute of Fine Arts della New York University, e sotto la preziosa guida di Francesca Villanti, direttore scientifico C.O.R., il percorso espositivo riunisce ben ottanta opere tra quadri, disegni, sculture, collage e arazzi, tutte provenienti dalla straordinaria collezione di proprietà dello Stato portoghese in deposito alla Fondazione Serralves di Porto. Le opere esposte coprono il lungo arco della produzione artistica di Miró, dal 1927 al 1981, dando a cittadini e turisti la grande opportunità di ammirare una collezione davvero unica al mondo. PAN Palazzo delle Arti Napoli
Via dei Mille 60
Fino al 23 febbraio
Tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30
Info e prenotazioni: 3341324281 oppure 0817958601
info@mostramironapoli.it

BRANDING DALÍ. LA COSTRUZIONE DI UN MITO A PALAZZO FONDI

Una mostra inconsueta, ricca di sorprese. Organizzata da LelesArt, in collaborazione con con-fine edizioni e Me-diterranea Art, con il patrocinio del Comune di Napoli, Branding Dalí. La costruzione di un mito è a cura di Alice Devecchi e mette in luce l’operazione di branding di se stesso, attuata dal genio catalano durante tutta una vita, in anticipo sulla definizione medesima di brand. Allestita a Palazzo Fondi in centro storico, la mostra prende in considerazione una produzione sicuramente meno nota al grande pubblico, che, tuttavia, aiuta a capire come il processo di “dalinizzazione”, perseguito insistentemente dal grande surrealista, si servisse di canali che esulano dall’ambito auratico dell’arte pittorica tradizionalmente intesa. Da ammirare preziosi esempi delle sue poliedriche creazioni in ambito di arti applicate, in un percorso che va dagli anni Cinquanta agli anni Ottanta: pregiate serie grafiche, manifesti, libri, oltre ad oggetti in porcellana, vetro, argento, terracotta, per un insieme di più di 150 opere, provenienti dalle collezioni della società francese Mix’s Art.
Palazzo Fondi
Via Medina 24
Fino al 2 febbraio
Da martedì a domenica e i festivi dalle 10 alle 20
25 dicembre: Chiuso
1 gennaio: dalle 15 alle 20

GLI ANTICHI EGIZI A NAPOLI

Visita guidata al Museo Archeologico di Napoli alla scoperta della cultura egizia a Napoli. La sezione egizia, il tempio di Iside e il culto di Isis lactans. Dopo una visita guidata alle sezioni del Museo Archeologico riguardanti il culto degli egizi, i partecipanti proseguiranno verso la zona del Nilo, abitata dagli Alessandrini tra il II e il III secolo d.C. Furono loro a erigere quello che oggi è noto come “Il corpo di Napoli” e che ha assunto un significato profondo nella cultura partenopea.
Museo Archeologico di Napoli
Piazza Museo 19
Domenica 3 novembre: ore 9
Prenotazione obbligatoria entro venerdì 1 novembre alle ore 23: 3492949722 (anche sms o wapp) oppure inviare una mail all’indirizzo erika83e@gmail.com indicando numero di persone e recapito telefonico.

FUORI NAPOLI // TRE VOLTE PER AMORE

Al Piccolo Teatro del Giullare a Salerno, in programma Tre volte per amore, tre di cronaca nera riletti dall’immaginazione e dalla penna di Maurizio de Giovanni. Tre donne. Tre donne vittime, colpevoli, innocenti? Chissà. Tre donne che raccontano il vortice della loro vita, dominata da misteri e passioni. Tre donne che mostrano il loro cuore oscuro. Tre volte per amore. Perché l’amore è assassino, a volte. In scena, Teresa Di Florio, Brunella Caputo, Antonella Valitutti.
Regia di Brunella Caputo, luci e musiche di Virna Prescenzo, grafica di Andrea Bloise. Una produzione Compagnia del Giullare.
Piccolo Teatro del Giullare
Via Matteo Incagliati, 2 – Salerno
Sabato 2 novembre: ore 21
Domenica 3 novembre: ore 18
Info e prenotazioni: 334.7686331 | info@piccoloteatrodelgiullare.eu

WORLD PRESS PHOTO EXHIBITION 2019 AL MANN

Il grande fotogiornalismo incontra l’arte classica: è il Museo Archeologico Nazionale di Napoli ad ospitare a Napoli ‘World Press Photo Exhibition 2019 che porta in cento città e più di 45 Paesi le opere finaliste da tutto il mondo. Nell’atrio del MANN apre il percorso di 144 foto la “Photo of The Year 2019”: “Crying Girl on the Border” di John Moore (Getty Image), immagine di una bambina honduregna di due anni che piange disperatamente mentre sua madre viene perquisita da un agente della polizia di frontiera.
Info e costi su www.worldpressphotonapoli.it

Fonte http://videoinformazioni.com

UNA GIORNATA DEDICATA AL CANTAUTORE MANGO

WARNER CHAPPELL MUSIC

in collaborazione con Disincanto

PRESENTA

TUTTO L’AMORE CHE CONTA DAVVERO

UNA GIORNATA DEDICATA A MANGO

19 NOVEMBRE all’interno della MILANO MUSIC WEEK 2019

Nel quinto anniversario della scomparsa di Mango, la Milano Music Week sarà un’occasione per ricordare l’artista di Lagonegro, celebrare il suo talento unico e sfaccettato e avvicinare al suo mondo musicale e letterario un pubblico nuovo e sempre più ampio. Infatti, martedì 19 novembre a Milano si terrà la giornata “Tutto l’amore che conta davvero”, dall’omonimo titolo dello speciale cofanetto che uscirà venerdì 15 novembre per Warner Music Italy.

L’eventsi svolgerà in due momenti diversi, uno didattico e uno artistico. Il primo appuntamento, fissato nella mattinata del 19 novembresarà indirizzato agli studenti universitari e delle scuole superiori di Milano. Grazie al sostegno attivo del Provveditorato e del Comune di Milano, l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Milano ospiterà un migliaio di ragazzi che potranno assistere ad una vera e propria lezione su Mango, la sua tecnica vocale, l’originalità della sua ricerca e la sua poetica. Il tutto affidato agli interventi di Laura Valente, moglie di Mango, MogolMauro Paoluzzi e il professor Maurizio Corbella, docente di “culture e pratiche musicali nell’età dei mass-media” alla Statale di Milano. Contributi audio e video aggiungeranno ulteriore valore didattico e formativo all’incontro.

Il secondo e conclusivo appuntamento dedicato a Mango si terrà nella serata del 19 novembre al Teatro dell’Arte della Triennale. All’evento, aperto al pubblico e affidato alla conduzione di Luca De Gennaro, curatore della Milano Music Week e Vice Presidente Talent & Music di Viacom International Media Networks, e di Laura Valente, parteciperanno amici e grandi artisti. Con la regia di Vanessa Korn e la direzione artistica di Stefano Senardi, durante la serata offriranno il loro personalissimo tributo a Mango: Giorgia, Eugenio Finardi, Kataklò Athletic Dance Theatre, I Tarantolati di Tricarico, Mogol, Alberto Salerno, Mara Maionchi, Marta Cagnola e altri amici.

La serata vedrà anche la consegna di un riconoscimento SIAE per l’opera e l’eredità artistica lasciata da Mango alle nuove generazioni.

“TUTTO L’AMORE CHE CONTA DAVVERO”, oltre che un’affettuosa e sentita celebrazione dell’artista, intende essere il primo di una serie di momenti che invitano il pubblico alla riscoperta dell’opera di Mango e ne promuovono la divulgazione anche fra le generazioni dei più giovani.

Con una voce e una sensibilità artistica uniche nel panorama della canzone italiana, Mango è uno dei tra i talenti più originali e poliedrici mai espressi dal nostro Paese. In quasi 40 anni di carriera, attraverso 22 album (6 milioni di copie vendute nel mondo) e un’infinità di concerti, l’artista lucano ha inanellato una serie di successi, da “Oro” a “Lei verrà”, da “Bella d’estate” a “Come Monna Lisa”, da “Mediterraneo” a “La rondine” – tanto per citare i più celebri – che sono entrati di diritto nella nostra cultura. Un cammino, il suo, costellato di incontri speciali, da Mogol a Mara Maionchi e Alberto Salerno, e poi Maurizio Fabrizio, Pasquale Panella, Lucio Dalla, Franco Battiato, Claudio Baglioni e tanti altri che, per brevi o lunghi tratti, lo hanno affiancato nel suo cammino d’autore, regalando stimoli e declinazioni nuovi alla sua creatività sempre curiosa e divisa fra slanci sperimentali e amore per la melodia. Una passione che, superando i confini dello spartito, ha trovato espressione anche nella poesia, come rivelano i 152 componimenti di assoluta purezza e oggettivo valore letterario recentemente raccolti in un libro.