Archivio Categoria: Auto

Sabato 1 agosto parte la Suzuki Rally Cup

Inizia con il rally in Piemonte la tredicesima edizione del trofeo firmato dalla Casa giapponese. 15 vetture Suzuki attese allo start, 14 in corsa per la coppa oltre alla versione Hybrid Sport in gara-test. Giovani talenti e rallisti d’esperienza in battaglia per un montepremi complessivo di oltre 70.000 euro.

Pronta a scattare la 13esima edizione della Suzuki Rally Cup. Il “VIA!” alla corsa per la conquista del trofeo organizzato da Suzuki Italia verrà dato sabato 1 agosto nel 14° Rally Alba, prima gara del Campionato Italiano WRC 2020. Quest’anno più che mai infatti il marchio del Sol Levante ha scelto di lanciare un segnale importante e ha rafforzato il suo impegno nel motorsport, nonostante le difficoltà generali conseguenti all’emergenza sanitaria. Due i settori dell’automobilismo nazionale, rally e off road, che vedranno all’opera le vetture della casa di Hamamatsu.

Per quanto riguarda il primo appunto è stato ridisegnato il calendario, che quest’anno si concentrerà in una competizione unica sviluppata su sei gare appartenenti a due serie tricolori. Il CIR e proprio il CIWRC saranno i palcoscenici sui quali si esibiranno gli equipaggi partecipanti alla Suzuki Rally Cup.

“Il DNA di Suzuki è formato dalla competizione e dal miglioramento della vita delle persone, in ottica sostenibile sin da 100 anni fa quando abbiamo: prima inventato la tessitura automatizzata poi motorizzato le biciclette che i contadini del Giappone portavano sulle ventose coste di Hamamatsu.” Commenta il presidente di Suzuki Italia. “Continuiamo, oggi, con una gamma tutta e solo ibrida e nello sport portando il nostro trofeo ai piloti Suzuki nel rispetto dell’ambiente, delle regole e degli avversari. Mai come quest’anno la sostenibilità si sposa a Suzuki, abbiamo lanciato la prima vettura da Rally ibrida in Italia nella prima tappa del campionato italiano dove Swift Sport Hybrid ha conquistato la classe R1. Siamo dunque orgogliosi di aver ricevuto ben 15 adesioni alla partenza della Suzuki rally Cup, l’importante appuntamento di Alba che dona ogni anno momenti indimenticabili di passione e sana competizione.”

Prende il via il 9 luglio a Roma, alla Lanterna di Fuksas, il tour estivo di smart DRIVE-IN

Prende il via il 9 luglio a Roma, alla Lanterna di Fuksas, il tour estivo di smart DRIVE-IN, un progetto itinerante che vedrà protagonista la rete degli smart center italiani. smart riscopre, così, il piacere del cinema all’aperto e trasforma l’abitacolo della regina delle citycar in due posti in prima fila per assistere ai nuovi film prodotti dalla Fandango: ‘Il regno’ e ‘Si muore solo da vivi’. Con l’occasione, smart lancia due contest che permetteranno, non solo di assistere alla proiezione, ma anche di vincere un posto da protagonisti durante la premiazione dei Corti d’Argento, la sezione dei Nastri d’Argento, uno dei più importanti riconoscimenti cinematografici italiani dedicata ai Cortometraggi. Una ‘call to action’ per aspiranti filmmaker, invitati a produrre un cortometraggio di massimo tre minuti sul tema della mobilità sostenibile. Il vincitore vedrà il proprio corto proiettato, fuori concorso, in occasione della premiazione dell’edizione 2021 dei Corti d’Argento e avrà a disposizione una smart EQ fortwo in comodato gratuito per dieci giorni.

Buon compleanno Panda: quarant’anni di successi raccontati dai suoi protagonisti


• Ingegnosa, originale, sorprendente: in quarant’anni di storia Fiat Panda ha saputo evolversi rimanendo sempre se stessa e conquistando il cuore di tutti con i suoi record.
• Fiat celebra i 40 annidell’icona italiana con tre video tematicidedicati a: Powertrain, Stile e Smart Solution.
• In ogni video Luca Napolitano, Head of EMEA Fiat & Abarth Brands insieme ai responsabili delle differenti areeracconterà i segreti di ciascuna area.
• Nel primo video veicolato tramite i canali social di Fiat e disponibile su YouTube al link, la storia dei motori e delle innovazioni tecnologiche che Pandaha portato nel segmento delle city car, ospite Maria Grazia Lisbona, Propulsion Systems ChiefEngineers& Program Management di FCA.
• E per festeggiare i quarant’anni ecco la nuova Panda Easy Hybrid disponibile con la tecnologia MildHybrid a partire da 9.900€.
Ripercorrere la storia di Fiat Panda vuol dire sfogliare l’album dei ricordi di una quarantenne che ha saputo cavalcare il tempo evolvendosi, pur rimanendo sempre fedele a se stessa. Ecco il segreto del successo della city car per eccellenza di casa Fiat: una vettura “per tutte le occasioni” ribattezzata – dopo il lancio nel 1980 al Salone di Ginevra – la scatola magica piena di idee originali, ingegnose e sorprendenti.

Panda, con la sua carica innovativa, ha saputo conquistare il cuore di tuttidiventando l’auto dei record: la più venduta in assoluto in Italia da 8 anni consecutivi, leader – insieme con 500 – del mercato delle piccole cittadine in Europa con oltre 375 mila auto vendute ogni anno, la prima city car 4×4,prima city car a vincere l’ambito titolo di “Auto dell’anno”; prima piccola cittadina con alimentazione a metano prodotta su larga scala e, da febbraio 2020, prima auto ibrida di FCA con il lancio, insieme con Fiat 500, della versione mild-hybrid, ovvero l’inizio del percorso di Fiat nel mondo elettrificato.

Ed è dai motori e dalle innovazioni tecnologiche di Panda che Fiat vuole partire per raccontare quarant’anni di successi dell’icona italiana: tre video- dedicati al Powertrain, allo Stile e allo Smart Solution – nei quali Luca Napolitano, Head of EMEA Fiat & Abarth Brands, insieme con tre differenti ospiti guarderà al passato, alla scoperta dei segreti di Panda, ma anche al futuro di questa vettura senza tempo. Infatti, per rendere la motorizzazione ibrida ancora più accessibile, Fiat ha deciso di realizzare anche la Panda Easy Hybrid, ovvero quella dal look Urban e l’allestimento Easy, disponibile a partire da 9.900 euro, creando così il MildHybrid più democratico del mercato.

L’ospite del primo video dedicato al Powertrainè Maria Grazia Lisbona,Propulsion Systems ChiefEngineers& Program Management di FCA.Con lei Luca Napolitano, responsabile del brand Fiat, ripercorre le peculiarità tecniche che hanno contraddistinto le tre generazioni di Panda.
Dai primi motori derivati dalla Fiat 126 e 127 per Panda 30 e Panda 45 all’esclusivo sistema di trazione 4×4 lanciato nel 1983: una tecnologiatanto semplice quanto efficiente. Nel 1986 arriva la nuova famiglia Fire: 4 cilindri, raffreddamento a liquido e distribuzione con albero a camme in testa. Sempre nello stesso anno Panda è la prima vettura del segmento A con motore Diesel.

Nel 2003 arriva la seconda serie di Panda, un’auto ancora più funzionale e trasversale, ma allo stesso tempo ricca di contenuti intelligenti come il MultiJet, il piccolo Diesel a iniezione diretta, disponibile a partire dal 2004. Nel 2006 ecco arrivare i due opposti: da un lato la Panda 100 HP, la piccola sportiva che adotta un motore 1.4 16 valvole da 100 cavalli con prestazioni di tutto rispetto (da zero a 100 in 9,5”) e dall’altro Panda Natural Power, con motore 1.2 Fire8 valvole Natural Power e la doppia alimentazione benzina-metano. Nel 2008 arriva anche la doppia alimentazione benzina-GPL.

Con la terza generazione di Panda lanciata al Salone di Francoforte nel 2011 la city car di casa Fiat torna in Italia, con la produzione nello stabilimento di Pomigliano d’Arco. Sono gli anni in cui cresce l’attenzione alla sostenibilità, servono quindi soluzioni amiche dell’ambiente: ancora una volta Panda accetta la sfida in modo originale come solo lei sa fare: il metano diventa turbo con il TwinAirTurbo Natural Power da 80 cavalli. Un propulsore sovralimentato pieno di brio, con un’elevata potenza specifica, capace di conciliare basse emissioni e ridotti consumi con il divertimento di guida.

Arriva anche la nuova famiglia di motori benzina FireFly pensata per equipaggiare i modelli compatti di FCA. Panda adotta il FireFly da un litro e tre cilindri in versione aspirata mild-hybrid da 70 cavalli al quale viene abbinato un motore elettrico BSG (BeltDriven Starter Generator) con potenza di picco pari a 3,6 kW.Una tecnologia che permette di ridurre consumi ed emissioni in perfetto stile Fiat e che traghetta il marchio verso una mobilità sempre più economica e democratica proprio come lo è Panda.

Suzuki lancia la Ignis Hybrid

Dal suo lancio, avvenuto nel 2016, Suzuki IGNIS è diventata da subito un modello iconico di riferimento. Oggi, Nuova Suzuki IGNIS HYBRID si presenta con un look dallo stile nuovo e un rinnovato propulsore. Pur mantenendo le caratteristiche di design iconiche del modello attuale, IGNIS HYBRID rafforza ulteriormente la sua immagine di SUV ultracompatto, con una nuova griglia anteriore, nuovi paraurti, nuovi colori interni raffinati e un nuovo motore ad alta efficienza con un sistema ibrido evoluto, di nuova generazione.

suzuki

Su IGNIS Hybrid, la tecnologia Suzuki Hybrid incontra la tecnologia 4×4 ALLGRIP AUTO, per una massima efficienza di guida nell’uso quotidiano e il top della sicurezza nelle condizioni di strade scivolose o innevate.

Design Esterno

Le caratteristiche distintive del design esterno, tra cui la caratteristica griglia anteriore a 5 elementi e i paraurti anteriore e posteriore con finiture argentate, ne accentuano ulteriormente il carattere e l’unicità del SUV.

Nuova IGNIS HYBRID ha uno stile dai tratti decisi, che esalta la sua personalità e sottolinea lo spirito di SUV ultra compatto. Nel frontale spicca una nuova mascherina con feritoie verticali che definisce un chiaro family feeling con altri modelli della gamma. La forma degli elementi cromati riprende la raffinata firma luminosa dei Led delle luci diurne. Nella parte bassa del frontale debutta un skid plate che segna un forte legame con il mondo dell’off-road. Ai suoi lati i fari fendinebbia sono collocati in posizione più rialzata rispetto al passato, leggermente incassati e, quindi, meglio protetti in caso di piccoli urti.

L’impostazione da SUV è poi enfatizzata da un aumento dell’altezza complessiva di 1 cm, ottenuto grazie a un incremento dell’escursione delle sospensioni. Con un’attenta messa

a punto, il nuovo assetto assicura un maggior comfort sulle superfici sconnesse e un

comportamento omogeneo e sicuro su qualsiasi terreno.

Desing Interni

Nuova IGNIS HYBRID propone un abitacolo elegante e accurato. Le superfici bianche che hanno contraddistinto la parte bassa della plancia della prima generazione di IGNIS HYBRID lasciano ora spazio alla maturità, alla sportività e alla eleganza del colore nero, come si addice ad un SUV ultra compatto. La cornice del tunnel centrale e le maniglie delle porte, in contrasto, mettono l’accento sulla cura dei particolari a conferma della giapponesità di IGNIS. Gli inserti sono nei colori blu scuro oppure argento, a seconda della tinta scelta per la carrozzeria.

Un nuovo cuore ibrido – Motore

Nuova IGNIS HYBRID presenta importanti novità anche dal punto di vista tecnico, che permettono alla vettura di superare i severi limiti di omologazione Euro 6D.

Nuova IGNIS HYBRID adotta un nuovo motore siglato K12D; questo quattro cilindri a benzina assicura una maggior prontezza a ogni sollecitazione dell’acceleratore. La sua potenza massima è 83 cv, mentre il picco di coppia è di 107 Nm ed è ottenuto a un regime di soli 2.800 giri/min. Questo valore testimonia la sorprendente elasticità di questa unità.

La sua erogazione è resa ancor più piena e brillante dal supporto fornito dal sistema Suzuki HYBRID. Quest’ultimo sfrutta come componente principale l’Integrated Starter Generator, che fa da alternatore, motorino di avviamento e motore elettrico ed è pronto a fornire coppia aggiuntiva quando il pilota richiede uno spunto brillante ai bassi regimi.

L’ISG è alimentato da un nuovo pacco batterie, senza variazioni di rilievo nelle dimensioni ma con un amperaggio che passa da 3Ah a 10Ah.

Il conseguente aumento di capacità (data dall’amperaggio in Ah moltiplicato per il voltaggio in V) permette al sistema ibrido di intervenire in maniera più efficace a sostegno del motore termico, riducendo i consumi e le emissioni e dando più brio, in città come fuori dall’asfalto.

Massima liberà di scelta

La gamma Nuova IGNIS HYBRID è ben articolata, in grado di rispondere a qualsiasi bisogno di mobilità, con soluzioni esclusive nel segmento A come, ad esempio, il cambio automatico CVT.

Tecnologia 4×4 ALLGRIP AUTO

Da 50 anni la tecnologia 4X4 ALLGRIP di Suzuki fornisce la migliore soluzione ad ogni esigenza. Piacere di guida, sicurezza e massimo controllo su tutte le superfici in una parola: ALLGRIP.

Nuova IGNIS HYBRID è disponibile con trazione anteriore oppure con trazione integrale 4X4 ALLGRIP AUTO.

L’ALLGRIP AUTO sfrutta il funzionale schema a giunto viscoso, che trasferisce automaticamente coppia alle ruote posteriori non appena quelle anteriori perdono aderenza, migliorando la motricità e la sicurezza di marcia. Il sistema è associato anche al mantenimento della velocità in discesa (Hill Descent Control) e alla gestione intelligente della trazione (Grip Control), due dispositivi che rendono più semplice e sicura la guida sulle forti pendenze e sui fondi a bassa aderenza.

Tutte le versioni saranno disponibili in after market anche con alimentazione GPL, il cui sistema esclusivo, prodotto e collaudato da BRC, non fa decadere la garanzia originale della vettura.

Hill hold control

Questa funzione facilita le partenze in salita evitando che Ignis Hybrid retroceda quando si sposta il piede dal freno all‘acceleratore.

Hill descent control (disponibile sui modelli 4×4 ALLGRIP)

Quando l’auto percorre discese ripide con fondi difficili, l’Hill descent Control può essere un valido aiuto. Il sistema automatico di rallentamento in discesa agisce automaticamente sui freni, moderando la velocità dell’auto e permettendo di concentrare l’attenzione unicamente sullo sterzo.

Cruise control (di serie su allestimento TOP)

La funzione Cruise Control consente al veicolo di mantenere automaticamente la velocità stabilita senza dover premere il pedale dell’acceleratore. Il limitatore di velocità, invece, evita che anche premendo a fondo il pedale dell’acceleratore, si superi la velocità preimpostata.

Renault DP World F1 Team: che coppia per il Gp virtuale del Canada

Il prossimo weekend, Renault DP World F1 Team allineerà sulla griglia di partenza una coppia di piloti entrambi provenienti da Renault Sport Academy per il Gran Premio Virtuale del Canada, in quanto saranno Guanyu Zhou e Caio Collet a disputare l’ultima manche della serie di gare virtuali avviate dalla Formula 1.


Il prossimo weekend, Renault DP World F1 Team allineerà sulla griglia di partenza una coppia di piloti entrambi provenienti da Renault Sport Academy per il Gran Premio Virtuale del Canada, in quanto saranno Guanyu Zhou e Caio Collet a disputare l’ultima manche della serie di gare virtuali avviate dalla Formula 1.

Il cinese e il brasiliano, che correranno insieme per la prima volta, cercheranno di proseguire la serie di ottimi risultati ottenuti nella disciplina dai membri dell’Academy. Finora, i piloti di Renault Sport Academy hanno conseguito una vittoria e tre piazzamenti sul podio in questa categoria estremamente competitiva, offrendo così ai fan un grande spettacolo, nonostante il rinvio delle corse di F1.

Guanyu Zhou è tutt’altro che un principiante nelle F1 Virtual Grand Prix Series, dato che ha vinto la gara inaugurale del Bahrein, prima di conseguire un nuovo podio nel Gran Premio disputato a casa sua, in Cina, piazzandosi davanti a diversi attuali piloti della F1.

Dall’altra parte del garage, Caio Collet, che l’anno scorso è stato iridato come miglior rookie nella Formula Renault Eurocup, farà il grande esordio nel gioco ufficiale della F1.

Entrambi si alleneranno e piloteranno i loro veicoli dalla sede britannica di Renault DP World F1 Team ad Enstone, dove si stanno preparando in attesa dell’inizio delle rispettive stagioni nelle formule di promozione. Questa stagione, Zhou correrà per UNI-Virtuosi nel Campionato FIA di Formula 2, mentre Caio sarà impegnato nella Formula Renault Eurocup con R-ace GP.

Prima del Gran Premio Virtuale (ore 19.00 CET), Renault Vitality sarà, ancora una volta, rappresentata dal francese Nicolas Longuet e dal cileno Fabrizio Donoso nella gara di esibizione (ore 18.00 CET).

Guanyu Zhou: «Sono molto contento di partecipare anche alla finale delle F1 Virtual Grand Prix Series. Nelle mie ultime due partecipazioni ho conseguito ottimi risultati con un podio in Cina e una vittoria nel Bahrein, per cui spero di proseguire su questa scia, nel weekend, con Caio al mio fianco. Di recente, mi sono allenato molto, concentrandomi anche sul mio ritorno alle gare. Sarebbe quindi perfetto concludere la stagione virtuale con una bella performance.»

Caio Collet: «Sono molto felice di partecipare all’ultimo Gran Premio Virtuale e non vedo l’ora di lavorare con Zhou come compagno di squadra. Ha già dimostrato tutto il suo talento su questa piattaforma, vincendo una gara e aggiudicandosi un altro podio. La sua esperienza e le sue conoscenze saranno, quindi, molto utili, dato che è la prima volta che io mi cimento nel gioco ufficiale della F1. Peraltro, gareggeremo insieme dalla sede di Enstone, per cui spero che questo andrà a nostro favore!»

Renault: visione innovativa del gruppo nel trasporto urbano

Il Gruppo Renault vanta un’esperienza di circa 120 anni nei veicoli commerciali leggeri che rispondono alle esigenze di tutti gli operatori professionali, compresi quelli del settore delle consegne. La visione innovativa del futuro dei trasporti e i nuovi servizi connessi fanno parte del piano strategico Renault Drive the Future. Il boom dell’e-commerce, l’impatto delle restrizioni al traffico urbano e le nuove attese dei clienti costituiscono le nuove tendenze e sono fattori che dimostrano fino a che punto la consegna di merci e servizi subirà profonde trasformazioni in futuro. Il Gruppo Renault si è, pertanto, impegnato a trovare soluzioni per le future consegne dell’ultimo miglio.

Il Gruppo Renault vanta un’esperienza di circa 120 anni nei veicoli commerciali leggeri che rispondono alle esigenze di tutti gli operatori professionali, compresi quelli del settore delle consegne. La visione innovativa del futuro dei trasporti e i nuovi servizi connessi fanno parte del piano strategico Renault Drive the Future. Il boom dell’e-commerce, l’impatto delle restrizioni al traffico urbano e le nuove attese dei clienti costituiscono le nuove tendenze e sono fattori che dimostrano fino a che punto la consegna di merci e servizi subirà profonde trasformazioni in futuro. Il Gruppo Renault si è, pertanto, impegnato a trovare soluzioni per le future consegne dell’ultimo miglio.

Dato l’incremento esponenziale dell’e-commerce, le consegne dell’ultimo miglio sono diventate una questione strategica in quanto, oggi, rappresentano il 30% del traffico urbano. L’ottimizzazione dei servizi di consegna smart è di fondamentale importanza per risolvere il problema dell’“ultimo miglio”.

RENAULT EZ-FLEX: UN ESPERIMENTO INNOVATIVO

L’ecosistema delle consegne urbane coinvolge aziende di logistica, comunità, città, infrastrutture e costruttori automobilistici. Renault EZ-FLEX è un veicolo sperimentale adatto alle consegne urbane dell’ultimo miglio, elettrico, compatto e connesso. Una prima sperimentazione attuata con Il Gruppo LA POSTE consente di testare questo veicolo e i suoi servizi in condizioni reali con tutti i soggetti dell’ecosistema, per una visione comune della mobilità urbana dei beni. Con questa sperimentazione, Renault inaugura una nuova politica per preparare e far fronte alle innovazioni del futuro.Renault EZ-FLEXè stata concepita per adattarsi agli utilizzi di domani: i moduli posteriori sono intercambiabili e possono essere attaccati al veicolo.  

EZ-POD, UN ROBOT-VEICOLO PROGETTATO PER LA MICRO-MOBILITA’

Ispirandosi alle concept car EZ-GO e EZ-PRO, presentate alla fine del 2018, il Gruppo Renault ha continuato con EZ-POD ad esplorare nuove forme di mobilità ed un eventuale complemento alla mobilità autonoma e condivisa del primo e dell’ultimo miglio.

In un’epoca in cui la micromobilità si sta reinventando, il Gruppo Renault ha presentato nel 2019 EZ-POD, un veicolo esplorativo elettrico e autonomo per spostamenti on demand su brevi distanze.

Progettato per il trasporto di persone o la consegna di merci, il concept EZ-POD punta a massimizzare l’utilizzo in relazione allo spazio occupato al suolo (3 m2).

Sulla scia del monopattino elettrico o della bicicletta, Renault EZ-POD rappresenta una soluzione di micromobilità a velocità limitata, oltre ad essere autonomo, inclusivo e sicuro.

Velocità limitata, compattezza e agilità fanno di Renault EZ-POD un sistema di trasporto adatto ad ambienti pedonali, come aeroporti, parcheggi o centri commerciali, ed è in tali ambiti che sarà testato in aree dedicate.

In futuro, Renault EZ-POD potrebbe essere autorizzato ad accedere a determinate strade pedonali o ad accostarsi, a velocità molto ridotta (~6km/h), agli ingressi di edifici o di case per avvicinarsi a persone a mobilità ridotta (anziani con pacchi della spesa, persone con bambini o bagagli…) o come follower nel caso di un’app di consegna tipo “follow me good delivery”.

EZ-PRO: LA VISIONE RENAULT DEL FUTURO DELLE CONSEGNE URBANE DELL’ULTIMO MIGLIO

A settembre 2018, il Gruppo Renault ha svelato al Salone di Hannover la sua visione del futuro delle consegne urbane dell’ultimo miglio con Renault EZ-PRO, concept autonomo composto da robot-pod condivisi e personalizzabili.

Philippe Diviné, Direttore della Strategia Veicoli Commerciali leggeri di Renault: «Riteniamo che il settore delle consegne urbane dell’ultimo miglio sia uno degli ambiti più esposti alla rivoluzione per un futuro pulito, efficiente e privo di congestione stradale. Ecco perché abbiamo immaginato una soluzione elettrica, connessa, autonoma e condivisa. Le consegne commerciali dovrebbero essere flessibili, per cui abbiamo progettato una piattaforma che possa essere utilizzata in ambito B2B, ma anche B2C. Inoltre, dovrebbe essere in grado di soddisfare tutte le diverse esigenze delle consegne urbane, come pacchi, cibi freschi, prodotti surgelati, servizi di lavanderia e tanto altro. Ecco perché EZ-PRO consiste in più robot-pod modulari, personalizzati e completamente connessi.»

La consegna dei pacchi dovrebbe avvenire senza soluzione di continuità. EZ-PRO è in grado di effettuare comode spedizioni di beni e servizi e di offrire un’esperienza di consegna personalizzata agli operatori di servizi logistici, alle aziende addette alle consegne, ai retailer e agli utenti finali. Propone, inoltre, una soluzione di spedizione condivisa, per massimizzare la produttività dei robot-pod gestiti dai trasportatori con una conseguente potenziale riduzione dei costi e maggiore fluidificazione del traffico. Gli utenti finali possono scegliere esattamente dove, quando e come ricevere le consegne.

Il Gruppo Renault ritiene che il futuro delle consegne dell’ultimo miglio debba, comunque, mantenere una componente umana. Ecco perché il leader pod autonomo prevede la presenza di un “concierge” per le consegne speciali e l’e-grocery. Grazie alla tecnologia di guida autonoma, quando il concierge non si sta occupando delle consegne, si può concentrare su compiti a valore aggiunto come supervisionare la flotta dei robot-pod senza conducente oppure ottimizzare gli itinerari di consegna. Il concierge può contare su un vero e proprio ufficio mobile mentre svolge queste attività a forte valore aggiunto.

«EZ-PRO incarna la nostra visione dei veicoli per le consegne dell’ultimo miglio ad orizzonte 2030, qualcosa che ci sta molto a cuore. Ci stiamo preparando per un mondo in cui saranno i veicoli autonomi ad effettuare quasi l’80% delle consegne. Le principali nuove tendenze del grande mercato strategico delle consegne dell’ultimo miglio (86 miliardi di dollari all’anno) sono le seguenti:

  • Boom dell’e-commerce: la crescita annua dell’e-commerce nei principali mercati è pari al 15%.
  • Impatto delle restrizioni al traffico nelle città.
  • Nuove aspettative dei clienti: un crescente gruppo di clienti auspica consegne a domicilio più veloci, tuttavia molti restano particolarmente sensibili al fattore prezzo, generando così una pressione a livello di prezzi, competitività.
  • Costi dell’ultimo miglio: la percentuale di incidenza dell’ultimo miglio sui costi di consegna dei pacchi va dal 35 al 50%.» afferma Philippe Diviné.

Ferrari, ecco Sainz: “Qui per vincere”

“La Ferrari si ritroverà un ragazzo che lavora duro, che andrà in Italia e trascorrerà tanto tempo a Maranello, così come faccio alla McLaren. E proverò a costruire qualcosa di speciale con la Ferrari come ho provato a fare alla McLaren”. Parole di Carlos Sainz junior, da pochi giorni ufficialmente nuovo pilota della Ferrari dal 2021, rilasciare al sito della Formula 1. Lo spagnolo, che dal prossimo Mondiale prenderà il posto sulla Rossa di Sebastian Vettel, affiancando Charles Leclerc,  è molto motivato per la sua prossima avventura a Maranello: “Spero che in Ferrari troveranno un pilota molto veloce e un ragazzo incredibilmente motivato, che darà tutto per la Scuderia. Ma prima voglio salutare la McLaren nel miglior modo possibile e anche quest’anno, quando ricominceremo, farò del mio meglio come ho fatto nella passata stagione”. Sainz confessa che il suo legame con la McLaren andrà oltre l’aspetto contrattuale: “Anche quando il prossimo anno sarò alla Ferrari, niente mi renderà più felice che vedere la McLaren tornare sul gradino più alto del podio – ha spiegato -. Lo dico da tifoso della Formula 1, che desidera vedere la McLaren tornare al top”. 

Sainz: “Ferrari? In McLaren mi hanno fatto i complimenti”

Dopo aver confessato di aver completato la trattativa per il passaggio in Ferrari durante la quarantena, Carlos Sainz junior ha parlato di come si è svolto il corteggiamento con la Rossa e del rapporto schietto avuto con i manager della McLaren, squadra per cui correrà fino al termine di questa stagione: “Nel momento in cui ho capito che la Ferrari era interessata a me per il 2021 sono andato dritto da Zak Brown (amministratore delegato della McLaren, ndr) e la sua reazione è stata: ‘Ok, ti lasceremo parlare con la Ferrari, restiamo in contatto per vedere come si sviluppano le cose’ – ha detto Sainz -. La chiave è stata la chiarezza e l’onestà tra tutte le parti coinvolte. Questo mi ha reso orgoglioso e il modo in cui tutto è stato gestito mi fa sentire felice e grato a Zak e a tutto il team. Erano felici per me, mi hanno fatto i complimenti. Mi hanno detto: ‘Te lo meriti e siamo sicuri che farai grandi cose lì’. E’ sempre bello avere una risposta del genere dai tuoi capi”. 

Fonte: Sky

Renault Vitality vince alla Rocket League Spring

Ieri sera, Renault Vitality è uscita vittoriosa dalla Rocket League Spring Series Europe con un magistrale 4-0 nella finale contro il team rivale Dignitas. Victor “Fairy Peak!” Locquet, Alexandre “Kaydop” Courant e Yanis “Alpha54” Champenois si sono lanciati anima e corpo nella gara senza perdere una sola Series nei primi tre round. Si sono aggiudicati il titolo di miglior team europeo dopo un’incredibile dimostrazione di abilità in una partita molto attesa contro i Dignitas, campioni europei delle RLCS9.

Renault Vitality è stato uno dei protagonisti della Rocket League fin dalla firma, nel 2018, di Alex “Kaydop” Courant e dalla vittoria del Campionato Mondiale quello stesso anno. Finora il 2020 è stato un anno straordinario per il team, che si è aggiudicato il primo posto nella sezione League Play della Stagione 9 delle RLCS e il secondo posto nel campionato europeo della Rocket League.

«Siamo molto contenti della performance ineccepibile di Renault Vitality nelle Spring Series Europe. Questa vittoria dimostra tutta l’abilità e la straordinaria sinergia dei nostri giocatori, nonché l’impegno di Team Vitality e Renault nel realizzare queste performance e nel formare i migliori atleti di eSports del mondo», ha dichiarato Fabien “Neo” Devide, Presidente e Co-fondatore di Team Vitality.  «Abbiamo dimostrato di essere il miglior team in Europa. Ora stiamo lavorando per affermare il nostro dominio a livello mondiale».

«Congratulazioni a Renault Vitality, ai suoi giocatori e allo staff per aver fatto vincere un altro titolo a questo team impressionante e di grande talento! Rocket League è un videogioco molto competitivo e difficile, che richiede coordinamento e competenze di alto livello. Per Vitality è stata una sfida incredibile portare questo team al top. Ciò rimanda all’essenza del connubio tra Renault e Team Vitality, che sta nella volontà comune di anticipare le performance e gli standard di preparazione futuri dell’e-Sports».  

Guillaume Vergnas, Responsabile Partnership & eSports, Renault DP World F1 Team.

Renault ha esordito nell’eSports nel 2018 annunciando una partnership con Team Vitality e la creazione di una nuova entità, Renault Sport Team Vitality, che partecipa alla Rocket League nonché alle Formula 1™ Esports Series. Dalla sua creazione, questa partnership ha registrato un incredibile aumento dei livelli di performance, ottenendo in particolare il 4° posto nel Campionato 2019 F1™ eSports Series e questa nuova vittoria nella Rocket League. Nel 2020, il team è stato ribattezzato Renault Vitality per illustrare la crescente forza della partnership.

Cenni su Team Vitality

Organizzazione di eSports mondiale, Team Vitality si dedica allo sviluppo dell’eccellenza e alla formazione di una nuova generazione di atleti di eSports. Team Vitality conta tra le sue fila i migliori giocatori del mondo che concorrono su 9 videogiochi. È uno dei dieci team che partecipano al campionato europeo League of Legends, il campionato di eSports più seguito in Europa. Team Vitality e i suoi giocatori sono riconosciuti in tutto il mondo come una marca di lifestyle ed entertainment. Vanta oltre 20 milioni di fan sui social network e può contare su più sponsor di qualsiasi altra squadra sportiva, in particolare su Adidas, Renault, Orange e Red Bull. Il team ha partecipato ad oltre 1.000 competizioni e i suoi giocatori sono saliti sul gradino più alto di 250 podi in tutto il mondo.

Fondato nel 2013 da Nicolas Maurer e Fabien Devide, Team Vitality ha sede al centro di Parigi, nel V.Hive, innovativo complesso pubblico di eSports, e dispone di centri di allenamento ad alta performance nell’emblematico Stade de France e presso Renault Sport Racing nell’Oxfordshire, nel Regno Unito.

Nuova Classe E: il volante ora è un centro di comando

Sulla nuova Classe E debutta una nuova generazione di volanti capacitivi completamente digitalizzati. Il bordo contiene una striscia sensore a due zone che rileva se le mani del conducente stanno impugnando il volante. Il primo passo verso una concezione moderna di volante risale a ben 120 anni fa, all’allora Daimler-Motoren-Gesellschaft, passando da una semplice leva o manovella di sterzo ad una più funzionale ruota sterzante. Ciò ha portato allo sviluppo dell’odierno centro di comando high-tech, che oltre ad una millimetrica precisione di sterzata, consente di gestire in modo semplice i dispositivi di comfort e assistenza.

L’Italia riparte con Flexrent

FLEXRENT è l’innovativa formula di noleggio auto di Leasys, flessibile come un noleggio a breve ed economico come un noleggio a lungo termine, pensata per la ripresa delle attività in Italia.
Acquistabile tramite voucher su Amazon, è disponibile in 3 diversi pacchetti, pensati per ogni esigenza: 7, 30 e 90 giorni rinnovabili.
FLEXRENT è disponibile sia per Fiat Panda e 500, sia per Fiat 500L, 500X e Jeep Renegade.
Garantita la massima sicurezza, grazie agli elevati standard delle procedure di igienizzazione adottate.

  • FLEXRENT 7 è una soluzione della durata massima di 7 giorni, comprensiva di chilometraggio illimitato e rinnovabile online di settimana in settimana. FLEXRENT 7 è disponibile per Fiat Panda e 500 al costo di 129€ a settimana e per Fiat 500L, 500X e Jeep Renegade al costo di 149€ a settimana.
  • FLEXRENT 30 è un noleggio della durata di 30 giorni e con 3000 km inclusi nel canone, rinnovabile online di mese in mese. Disponibile per Fiat Panda e 500 al costo di 299€ al mese, FLEXRENT 30 è offerto anche su Fiat 500L, 500X e Jeep Renegade al costo di 399€ al mese. Entrambe le soluzioni sono rinnovabili fino ad un massimo di 6 mesi.
  • FLEXRENT 90 ha una durata minima di 3 mesi con 3000 km al mese inclusi nel canone ed è anch’esso rinnovabile online. Disponibile per Fiat Panda e 500 al costo di 289€ al mese e per Fiat 500L, 500X e Jeep Renegade al costo di 389€ al mese, FLEXRENT 90 offre la possibilità di rinnovo fino a 6 mesi.

Il servizio è attivabile acquistando un voucher su Amazon del valore di 9,99€, e prenotando la propria vettura su leasysrent.it. L’auto potrà essere ritirata presso uno degli oltre 150 Leasys Mobility Store convenzionati in tutta Italia. La vettura noleggiata sarà consegnata in totale sicurezza, grazie agli elevati standard di pulizia dei veicoli e degli ambienti e alle rigorose procedure di igienizzazione adottate, in linea con le indicazioni dell’OMS e del Ministero della Salute, che Leasys ha ulteriormente rafforzato. Tutte le offerte includono la riduzione responsabilità danni, la riduzione responsabilità furto e incendio e oneri stradali.