PANCIA PIATTA E ADDOMINALE SCOLPITO? I MOUNTAIN CLIMBERS FANNO AL CASO VOSTRO

di elena sbrescia

Dopo le feste natalizie e la giornata di San Valentino bisogna ricominciare ad allenare gli addominali e i fianchi. La scelta migliore non può che ricadere sui Mountain Climbers: tonificano l’addome, i fianchi, e addirittura anche le gambe! Inoltre alcuni esperti hanno affermato che è un esercizio che aiuta anche a contrastare il fastidiosissimo gonfiore addominale. Per combattere questo inestetismo bisogna indurire i muscoli della zona centrale del corpo, gli addominali e i fianchi laterali, evitando così la distensione della zona. Ovviamente i Mountain Climbers non sono gli unici esercizi che affrontano il gonfiore addominale, ma possiamo dire con certezza che è uno dei più completi che si possa facilmente praticare anche a casa.  Un valore aggiunto di questo faticoso, ma ideale, esercizio è che se si riesce ad aumentare la velocità e a toccare le ginocchia con il gomito alternando i movimenti delle gambe,  il lavoro cardiaco aumenterà notevolmente. Da non dimenticare gli addominali obliqui, spessi lasciati nel dimenticatoio, che vengono allenati grazie all’efficacia del plank statico e ad un movimento mirato proprio a questa tipologia di addominale.

COME FARE I MOUNTAIN CLIMBERS? Per prima cosa bisogna tenere a mente una regola importantissima per evitare di farsi male alla parte bassa della schiena, ovvero tenere la testa in linea con la schiena, che deve essere obbligatoriamente dritta, e stringere gli addominali per mantenere la postura e lavorare meglio la zona. Passo per passo vi spiegheremo come effettuare al meglio l’esercizio:

– La posizione di partenza è quella di un plank alto con le braccia perfettamente dritte e sotto le spalle. In pratica il corpo deve formare una linea retta dalle spalle alle caviglie. – Dopodichè bisogna sollevare un piede da terra e portare il ginocchio verso il petto, mantenendo il corpo dritto. Infine tornate alla posizione di partenza e ripetete il movimento con la gamba opposta. Gli esperti consigliano di fare 30 ripetizioni, riposare poi per 30 secondi e infine ripetere 4 volte. 

Iscriviti alla newsletter

per restare aggiornato su tutte le ultime novità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *